Esercito Italiano, 59 tenenti

Anteprima

Concorso, per titoli ed esami, per la nomina di Tenenti in servizio permanente nei ruoli normali del Corpo degli Ingegneri, del Corpo Sanitario e del Corpo di Commissariato dell’Esercito

Scheda

Occupazione
Località
Posti
59
Scadenza
Fonte
Tipo

Bando e allegati

Requisiti e titoli di studio

Possono partecipare i cittadini che:
a) non hanno superato il giorno del compimento del:
1) 40° anno di età, se Ufficiali in ferma prefissata dell’Esercito, della Marina Militare o dell’Aeronautica Militare che hanno completato un anno di servizio o se Ufficiali inferiori delle Forze di completamento, ai sensi dell’art. 653, comma 1 del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66;
2) 34° anno di età, se Ufficiali in ferma prefissata dell’Arma dei Carabinieri che hanno completato un anno di servizio o se Ufficiali inferiori delle Forze di completamento, ai sensi dell’art. 653, comma 1 del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66;
3) 35° anno di età, se non appartenenti alle predette categorie;
b) sono in possesso della cittadinanza italiana;
c) godono dei diritti civili e politici;
d) non sono stati destituiti, dispensati o dichiarati decaduti dall’impiego in una Pubblica Amministrazione, licenziati dal lavoro alle dipendenze di Pubbliche Amministrazioni a seguito di procedimento disciplinare, ovvero prosciolti, d’autorità o d’ufficio, da precedente arruolamento nelle Forze Armate o di Polizia, a esclusione dei proscioglimenti a domanda e per inidoneità psico-fisica e mancato superamento dei corsi di formazione di base di cui all’articolo 957, comma 1, lettera e-bis del Codice dell’Ordinamento Militare;
e) se candidati di sesso maschile, non siano stati dichiarati obiettori di coscienza ovvero ammessi a prestare servizio sostitutivo civile ai sensi della legge 8 luglio 1998, n. 230, a meno che abbiano presentato apposita dichiarazione irrevocabile di rinuncia allo status di obiettore di coscienza presso l’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile non prima che siano decorsi almeno cinque anni dalla data in cui sono stati collocati in congedo, come disposto dall’art. 636 del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66. In tal caso, l’esito della dichiarazione dovrà essere allegato alla domanda di partecipazione al concorso;
f) non sono stati condannati per delitti non colposi, anche con sentenza di applicazione della pena su richiesta, a pena condizionalmente sospesa o con decreto penale di condanna ovvero non sono in atto imputati in procedimenti penali per delitti non colposi;
g) se militare, non avere in atto un procedimento disciplinare avviato a seguito di procedimento penale che non si sia concluso con sentenza irrevocabile di assoluzione perché il fatto non sussiste ovvero perché l’imputato non lo ha commesso, pronunciata ai sensi dell’articolo 530
del codice di procedura penale;
h) non sono stati sottoposti a misure di prevenzione;
i) hanno tenuto condotta incensurabile;
j) non hanno tenuto comportamenti nei confronti delle istituzioni democratiche che non danno sicuro affidamento di scrupolosa fedeltà alla Costituzione repubblicana e alle ragioni di sicurezza dello Stato;
k) sono in possesso di uno dei seguenti titoli di laurea magistrale o laurea magistrale a ciclo unico, rilasciati esclusivamente dalle Università degli Studi, statali e non statali legalmente riconosciute, istituite con decreto del Ministro dell’Istruzione, con esclusione delle Università Popolari e degli ulteriori requisiti culturali specificamente indicati:
1) per i posti di cui all’art. 1, comma 1, lettera a), numero 1), laurea magistrale/specialistica in ingegneria aeronautica ovvero aerospaziale e astronautica (LM-20);
2) per i posti di cui all’art. 1, comma 1, lettera a), numero 2), laurea magistrale/specialistica in ingegneria gestionale (LM-31);
3) per i posti di cui all’art. 1, comma 1, lettera b), numero 1), laurea magistrale/specialistica in Ingegneria aeronautica ovvero aerospaziale e astronautica (LM-20);
4) per il posto di cui all’art. 1, comma 1, lettera b), numero 2), laurea magistrale/specialistica in Ingegneria delle telecomunicazioni (LM-27);
5) per il posto di cui all’art. 1, comma 1, lettera b), numero 3), laurea magistrale/specialistica in Ingegneria elettronica (LM-29);
6) per i posti di cui all’art. 1, comma 1, lettera b), numero 4), laurea magistrale/specialistica in Ingegneria informatica (LM-32), Informatica (LM-18), Sicurezza informatica (LM-66);
7) per i posti di cui all’art. 1, comma 1, lettera b), numero 5), magistrale/specialistica in Ingegneria meccanica (LM-33);
8) per il posto di cui all’art. 1, comma 1, lettera b), numero 6), laurea magistrale/specialistica in Ingegneria civile (LM-23), Ingegneria dei sistemi edilizi (LM24), Architettura e ingegneria edile/architettura (LM-4) con abilitazione all’esercizio della professione;
9) per il posto di cui all’art. 1, comma 1, lettera b), numero 7), laurea
magistrale/specialistica in Ingegneria per l’ambiente e il territorio (LM-35);
10) per i posti di cui all’art. 1, comma 1, lettera b), numero 8), laurea magistrale in Scienze chimiche (LM-54) ovvero ingegneria chimica (LM-22);
11) per il posto di cui all’art. 1, comma 1, lettera b), numero 9) laurea magistrale/specialistica in fisica (LM-17); 
12) per il posto di cui all’art. 1, comma 1, lettera b), numero 10) laurea magistrale/specialistica in biologia (LM -6);
13) per i posti di cui all’art. 1, comma 1, lettera c), numero 1), laurea magistrale/specialistica in Ingegneria aeronautica ovvero aerospaziale e astronautica (LM-20);
14) per i posti di cui all’art. 1, comma 1, lettera c), numero 2), laurea magistrale/specialistica in Ingegneria delle telecomunicazioni (LM-27), ingegneria elettronica (LM-29) ovvero in ingegneria dell’automazione (LM-25);
15) per i posti di cui all’art. 1, comma 1, lettera c), numero 3), laurea magistrale/specialistica in Ingegneria informatica (LM-32), Informatica (LM-18), Sicurezza informatica (LM-66);
16) per il posto di cui all’art. 1, comma 1, lettera c), numero 4), laurea magistrale/specialistica in Fisica (LM-17);
17) per i posti di cui all’art. 1, comma 1, lettera d), numero 1), laurea magistrale in Medicina e chirurgia (LM-41) con abilitazione all’esercizio della professione;
18) per il posto di cui all’art. 1, comma 1, lettera d), numero 2), laurea magistrale in Medicina veterinaria (LM-42) con abilitazione all’esercizio della professione;
19) per i posti di cui all’art. 1, comma 1, lettera d), numero 3), laurea magistrale in Farmacia e Farmacia industriale (LM-13) con abilitazione all’esercizio della professione;
20) per i posti di cui all’art. 1, comma 1, lettera e), numero 1), laurea magistrale in Giurisprudenza (LMG/01);
21) per i posti di cui all’art. 1, comma 1, lettera e), numero 2), laurea magistrale in Scienze dell’economia (LM-56) ovvero Scienze economico-aziendali (LM-77).

Prove d'esame

Lo svolgimento di ciascuno dei concorsi prevede:
a) accertamento della conoscenza della lingua inglese ed eventuale prova di preselezione;
b) due prove scritte;
c) valutazione dei titoli di merito;
d) prove di efficienza fisica;
e) accertamenti sanitari;
f) accertamento attitudinale;
g) prova orale;
h) prova pratica per i soli candidati per il Corpo Sanitario dell’Esercito laureati in Medicina e chirurgia e Medicina veterinaria

I candidati che riceveranno notizia dell’ammissione alle prove scritte saranno sottoposti alle prove scritte di seguito specificate:
a) per il concorso relativo all’Arma dei Trasporti e dei Materiali e del Corpo degli Ingegneri di cui all’articolo 1, comma 1, lettere a), b) e c):
1) prima prova scritta di cultura tecnico - scientifica, diversificata per ciascuna laurea magistrale, consistente nello svolgimento di un elaborato scelto mediante sorteggio fra almeno tre tracce predisposte dalla commissione esaminatrice, sulla base dei programmi universitari riportati nella prima parte del programma d’esame di cui all’allegato B del presente decreto.
2) seconda prova scritta di cultura tecnico - scientifica, diversificata per ciascuna laurea magistrale, consistente nello svolgimento di un elaborato scelto mediante sorteggio fra almeno tre tracce predisposte dalla commissione esaminatrice, sulla base dei programmi universitari riportati nella seconda parte del programma d’esame riportato nel citato allegato B del presente decreto.
b) per il concorso relativo al Corpo Sanitario di cui all’articolo 1, comma 1, lettera d):
1) prima prova scritta di cultura generale - professionale, che consisterà nello svolgimento di un elaborato su uno o più argomenti tratti dalle materie indicate nell’allegato C per laureati in Medicina e chirurgia, allegato D per laureati in Medicina veterinaria e allegato E per laureati in Farmacia e Farmacia industriale.
2) seconda prova scritta di cultura tecnico - professionale che consisterà nello svolgimento di un elaborato su uno o più argomenti tratti dalle materie indicate nei citati allegati C, D ed E;
c) per il concorso relativo al Corpo di Commissariato di cui all’articolo 1, comma 1, lettera e):
1) prima prova scritta, che consisterà nello svolgimento di un elaborato su uno o più argomenti tratti dalle materie di cui all’allegato F per i laureati in Giurisprudenza e allegato G, per i laureati in Scienze dell’economia.
2) seconda prova scritta, che consisterà nello svolgimento di un elaborato su uno o più argomenti tratti dalle materie indicate di cui agli allegati F e G.

Le materie sulle quali verteranno la prova orale e la prova pratica, laddove prevista, sono quelle dei programmi d’esame contenuti negli allegati al presente decreto.

La prova orale consisterà in un colloquio diretto alla valutazione:
a) delle capacità professionali dei candidati, mediante interrogazioni sulle materie proprie della laurea specialistica già oggetto delle prove scritte;
b) delle conoscenze sulla normativa di interesse delle Forze Armate (cultura tecnico-militare) con specifico riferimento a:
1) decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66 ed in particolare:
1.1) dall’art.1 all’art. 109 - organizzazione e funzioni del Ministero della Difesa e delle Forze Armate;
1.2) dall’art. 621 all’art. 632, dall’art. 790 all’Art. 810, dall’art. 851 all’art. 962 e dall’art. 982 all’art. 1010 – stato giuridico del personale militare con particolare attenzione alle peculiarità del personale dell’Esercito Italiano;
1.3) dall’art.1346 all’art.1401- doveri del personale militare e disciplina militare;
1.4) dall’art.1465 all’art. 1475 e dall’art.1492 all’art. 1507 diritti del personale militare;
1.5) dall’art.1476 all’art.1491 rappresentanza militare;
2) procedimento amministrativo e accesso ai documenti amministrativi (legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni).

Dove va spedita la domanda

  • https://concorsi.difesa.it/
  • https://www.inpa.gov.it/bandi-e-avvisi/dettaglio-bando-avviso/?concorso_id=97e038f8bcb94c0a8e650f031bfed62f

Contatta l'ente

Sezione relazioni con il pubblico (tel.:06/469136900; e-mail: urp@persomil.difesa.it).

Categorie correlate

Commenti