• Accedi • Iscriviti gratis
  • ricercatore presso CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE - ISTITUTO PER LA PROTEZIONE SOSTENIBILE DELLE PIANTE DI TORINO

    Procedura di selezione, per titoli e colloquio, per la copertura di un posto di ricercatore III livello a tempo determinato della durata di un anno, presso la sede secondaria di Bari.

    Occupazione: 
    Luogo: 
    Posti disponibili: 
    1
    Scadenza: 
    25/07/2019
    Attenzione, concorso scaduto!
    Tipo: 
    concorso - borsa di studio
    Cittadinanza: 
    Italiana
    Contratto: 
    tempo determinato
    Titolo di studio: 

    Categorie correlate

    Requisiti: 


    Art. 1
    Posizioni da attribuire - Programma di attività
    È indetta una selezione pubblica per titoli e colloquio ai sensi dell'art. 8 del "Disciplinare
    concernente le assunzioni di personale con contratto di lavoro a tempo determinato" per
    l'assunzione, con contratto di lavoro a tempo determinato ai sensi dell'art. 83 del CCNL del
    Comparto “Istruzione e Ricerca” 2016-2018, sottoscritto in data 19 aprile 2018, di una unità di
    personale con profilo professionale di R i c e r c a t o r e - III livello, fascia stipendiale iniziale,
    presso l'Istituto per la Protezione Sostenibile delle Piante per lo svolgimento della seguente
    attività di ricerca scientifica: “Individuazione di nuovi virus da utilizzare in lotta biologica contro
    insetti nocivi e funghi fitopatogeni” nell’ambito del progetto denominato VIROPLANT: “Virome
    NGS analysis of pest and pathogens for plant protection” citato nelle premesse.

    Art. 2
    Requisiti di ammissione
    1. Per l’ammissione alla selezione sono richiesti i seguenti requisiti:
    a) cittadinanza di uno degli Stati membri dell’Unione Europea;
    b) possono altresì partecipare i familiari dei cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea
    non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o
    del diritto di soggiorno permanente, ovvero i cittadini di Paesi Terzi, che siano titolari del
    permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo o che siano titolari dello status
    di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria;
    c) posizione regolare nei confronti degli obblighi militari, qualora soggetti;
    d) non aver riportato condanne penali che impediscano, ai sensi delle vigenti disposizioni in
    materia, la costituzione di un rapporto di lavoro con le Pubbliche Amministrazioni;
    e) godimento dei diritti civili e politici;
    f) Laurea Magistrale in Biotecnologie Vegetali (classe DM 270/04) LM-6 Biologia/Classe
    LM-7 Biotecnologie Agrarie; ovvero Lauree Specialistiche in Biotecnologie Agrarie classe
    (DM 509/99) 7/S, ovvero Diplomi di Laurea (vecchio ordinamento) equiparati alle predette
    classi di laurea, ai sensi del Decreto interministeriale 9/7/2009 e successive integrazioni.
    Saranno inoltre ammessi i titoli di studio dichiarati equipollenti dalla normativa vigente.
    Per i titoli di studio conseguiti all’estero è richiesta la dichiarazione di equipollenza ovvero
    di equivalenza secondo la procedura prevista dall’art. 38 del D.Lgs 165/2001, la cui
    modulistica è disponibile sul sito web del Dipartimento della Funzione Pubblica. Il
    candidato che non sia ancora in possesso del provvedimento di equipollenza o equivalenza
    dovrà dichiarare nella domanda di partecipazione di aver presentato la relativa richiesta. In
    tal caso il candidato sarà ammesso alla procedura selettiva con riserva, fermo restando che
    l’equipollenza o l’equivalenza del titolo di studio dovranno obbligatoriamente essere
    presentati prima della stipula del contratto.
    g) esperienza almeno triennale in tecniche generali di microbiologia dei funghi, e approcci di


    studio dei funghi mediante tecniche applicate di biologica molecolare. Comprovata
    esperienza nell’utilizzo del software R e dei comandi in shell ovvero possesso del titolo di
    Dottore di Ricerca attinente all’esperienza richiesta;
    h) conoscenza della lingua inglese (da valutarsi in sede di colloquio);
    i) conoscenza della lingua italiana per i candidati di cittadinanza diversa da quella italiana (da
    valutarsi in sede di colloquio).
    Dove va spedita la domanda: 
    La domanda deve essere compilata e presentata esclusivamente via Internet, utilizzando
    un’applicazione informatica
    Contatta l'ente: 
    Il Responsabile, nominato ai sensi dell’art. 13 del “Disciplinare concernente le assunzioni di
    personale con contratto di lavoro a tempo determinato”, è Dr. Mauro CENTRITTO – Direttore
    dell’Istituto per la Protezione Sostenibile delle Piante indirizzo email: mauro.centritto@cnr.it tel.
    011/3977910.
    Prove d'esame: 
    1. La Commissione adotta preliminarmente i criteri di valutazione prima di aver preso visione
    della documentazione presentata dai candidati.
    2. Per la valutazione dei titoli e del colloquio, la Commissione esaminatrice dispone
    complessivamente di punti 90, così ripartiti:
    a) titoli punti 30;
    b) colloquio punti 60.
    Al colloquio sono ammessi i candidati che abbiano riportato, nell'esame dei titoli, un
    punteggio non inferiore a 21/30.
    3. L'avviso di convocazione al colloquio, con l'indicazione del punteggio conseguito nella
    valutazione dei titoli è dato ai candidati ammessi, almeno venti giorni prima di quello in cui
    essi devono sostenerlo, all'indirizzo PEC del candidato; il CNR non assume responsabilità per
    eventuali disservizi di connessione della rete.
    4. I candidati dovranno presentarsi muniti del documento di riconoscimento in corso di validità.
    Il colloquio, atto a verificare il possesso dei requisiti attitudinali e professionali richiesti in
    relazione alla posizione da ricoprire, verterà sulle attività e/o esperienze professionali di cui
    all'art. 2 lett. g), nonché sulle conoscenze di cui all'art. 2 lett. h).
    5. Per il superamento del colloquio il candidato dovrà ottenere un punteggio non inferiore a
    42/60 e dimostrare una adeguata conoscenza della lingua inglese; i candidati stranieri
    dovranno dimostrare anche una adeguata conoscenza della lingua italiana.
    6. Al termine della seduta relativa al colloquio la Commissione esaminatrice forma l'elenco dei
    candidati con l'indicazione della votazione da ciascuno riportata in tale prova, elenco che,
    sottoscritto dal Presidente e dal Segretario della Commissione, è affisso nel medesimo giorno
    all'albo della sede di esame.