• Accedi • Iscriviti gratis
  • ricercatore presso POLITECNICO DI MILANO

    Procedura di selezione per la copertura di un posto di ricercatore a tempo determinato, settore concorsuale 08/A2 - Ingegneria sanitaria - ambientale, ingegneria degli idrocarburi e fluidi nel sottosuolo, della sicurezza e protezione in ambito civile, per il Dipartimento di ingegneria civile e ambientale.

    Occupazione: 
    Luogo: 
    Posti disponibili: 
    1
    Scadenza: 
    30/05/2019
    Attenzione, concorso scaduto!
    Tipo: 
    concorso - borsa di studio
    Cittadinanza: 
    Italiana
    Contratto: 
    tempo determinato
    Titolo di studio: 
    Requisiti: 


    2



    VISTA la delibera del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale in data 19/02/2019 con la quale si
    approva la proposta di indizione di un bando di selezione pubblica a n. 1 posto di ricercatore a tempo
    determinato (Junior), per il settore concorsuale 08/A2 – INGEGNERIA SANITARIA – AMBIENTALE,
    INGEGNERIA DEGLI IDROCARBURI E FLUIDI NEL SOTTOSUOLO, DELLA SICUREZZA E PROTEZIONE IN
    AMBITO CIVILE;
    ACCERTATA la disponibilità finanziaria,

    D E C R E T A
    Art. 1 – Tipologia concorsuale
    E' indetta una selezione pubblica per l'assunzione di n. 1 Ricercatore a tempo determinato ai sensi art.
    24, comma 3, lettera a) della Legge 31.12.2010, n. 240, (Junior) con regime di impegno a tempo definito
    di durata triennale prorogabile per soli 2 anni, per 1 sola volta.

    Dipartimento: Ingegneria Civile e Ambientale

    Sede: Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale

    Settore concorsuale: 08/A2 – INGEGNERIA SANITARIA – AMBIENTALE, INGEGNERIA DEGLI
    IDROCARBURI E FLUIDI NEL SOTTOSUOLO, DELLA SICUREZZA E PROTEZIONE IN AMBITO CIVILE

    Settore scientifico disciplinare: ICAR/03 – INGEGNERIA SANITARIA-AMBIENTALE

    Durata del contratto: 3 anni

    Regime di impegno: tempo definito

    Lingua straniera richiesta: Inglese

    Numero massimo di pubblicazioni: 12
    Art. 2 – Requisiti di ammissione
    Sono ammessi a partecipare alla selezione i candidati, italiani o stranieri, che sono in possesso del titolo
    d



    3
    Essendo la partecipazione alla selezione senza limitazioni di cittadinanza, i cittadini stranieri dovranno
    essere in possesso di un titolo di studio riconosciuto equipollente in base ad accordi internazionali e alla
    normativa vigente. Tale equipollenza dovrà risultare da idonea certificazione.
    Dove va spedita la domanda: 


    3
    Essendo la partecipazione alla selezione senza limitazioni di cittadinanza, i cittadini stranieri dovranno
    essere in possesso di un titolo di studio riconosciuto equipollente in base ad accordi internazionali e alla
    normativa vigente. Tale equipollenza dovrà risultare da idonea certificazione.
    Non sono ammessi alla selezione i professori universitari di prima e seconda fascia e i ricercatori a tempo
    indeterminato, ancorché cessati dal servizio.

    Non sono altresì ammessi coloro che hanno avuto contratti in qualità di assegnista di ricerca e di
    ricercatore a tempo determinato ai sensi, rispettivamente, degli artt. 22 e 24 della L. 240/2010 presso il
    Politecnico di Milano o presso altri Atenei italiani, statali o non statali o telematici, nonché presso gli enti
    di cui al comma 1 dell’art. 22 della L. 240/2010 per un periodo che, sommato alla durata prevista dal
    contratto messo a bando, superi complessivamente i 12 anni, anche non continuativi. Ai fini della durata
    dei predetti rapporti non rilevano i periodi trascorsi in aspettativa per maternità o per motivi di salute
    secondo la normativa vigente.

    Non possono partecipare alle procedure di selezione coloro che abbiano un rapporto di coniugio o di
    parentela o di affinità fino al IV grado compreso o un rapporto di unione civile tra persone dello stesso
    sesso, così come regolato dall’Art. 1 della Legge 20.05.2016, n. 76, o siano in stato di convivenza di fatto
    così come regolato dall’Art. 1 – commi 37 e ss. della Legge 20.05.2016, n. 76, con un professore del
    Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale, con il Rettore, con il Direttore Generale o con un
    componente del Consiglio di Amministrazione.

    I requisiti per essere ammessi alla selezione devono essere posseduti alla data di scadenza della
    presentazione della domanda.
    Art. 3 – Domanda di ammissione e termine di presentazione
    Per partecipare alla selezione il candidato compila la domanda di partecipazione disponibile sul sito
    internet d’Ateneo e la invia in una busta sulla quale precisa la dicitura:

    “n. 1 posto di Ricercatore T.D. (Junior) presso il Dipartimento DICA codice procedura
    2019_RTDA_DICA_1”

    La busta con la domanda di ammissione alla selezione debitamente datata e firmata e con tutti gli allegati
    richiesti e ritenuti utili ai fini della selezione potrà essere:
    - consegnata personalmente al Servizio Posta, Protocollo e Archivio – Piazza Leonardo da Vinci, 32 –
    20133 Milano nei giorni dal lunedì al venerdì esclusivamente dalle ore 9.30 alle ore 12.30 e dalle
    13.30 alle 16.00;
    oppure
    - inviata tramite raccomandata con avviso di ricevimento, posta celere, corriere o qualsiasi altro mezzo
    idoneo a certificare la partenza entro il termine indicato; a tal fine farà fede il timbro postale
    accettante;



    4
    oppure
    - inviata tramite Posta Elettronica Certificata all’indirizzo PEC pecateneo@cert.polimi.it utilizzando il
    proprio indirizzo di posta elettronica certificata (PEC);
    Contatta l'ente: 
    Ai sensi di quanto disposto dall'art. 5 della Legge 7 agosto 1990, n. 241, Responsabile del procedimento
    di cui al presente bando è nominato il Sig. Enrico Eftimiadi - Area Risorse Umane e Organizzazione -
    Servizio Gestione Personale Docente - tel. 02.2399.2156 – 02.2399.2236 fax 02.2399.2287 - E-Mail:
    enrico.eftimiadi@polimi.it – concorsi@polimi.it.
    Prove d'esame: 
    La selezione avviene mediante valutazione dei candidati con motivato giudizio analitico sui titoli, sul
    curriculum e sulla produzione scientifica, ivi compresa la tesi di dottorato, secondo criteri e parametri,
    riconosciuti anche in ambito internazionale, individuati con D.M. 25.5.2011, N. 243.
    La Commissione può avvalersi di strumenti telematici di lavoro collegiale e può svolgere a distanza le
    proprie sedute. La discussione pubblica dei titoli e della produzione scientifica e la prova di accertamento
    della lingua inglese devono essere effettuate in presenza.
    La Commissione di selezione nella prima riunione fissa i criteri e i parametri con i quali sarà effettuata la
    valutazione preliminare e la successiva valutazione dei titoli e della produzione scientifica.
    Nella stessa riunione la Commissione fissa altresì il punteggio massimo e quello minimo, al di sotto del
    quale non si consegue l’idoneità.
    I criteri ed i parametri di valutazione sono resi pubblici, almeno dieci giorni prima della valutazione
    preliminare e della valutazione dei titoli e della produzione scientifica e sono pubblicati sul sito
    dell’Ateneo.
    A seguito della valutazione preliminare, i candidati comparativamente più meritevoli, in misura
    compresa tra il 10 e il 20 per cento del numero degli stessi e comunque non inferiore a sei unità, sono
    ammessi alla discussione pubblica dei titoli e della produzione scientifica con la Commissione.
    I candidati risultano tutti ammessi alla discussione qualora il numero sia pari o inferiore a sei.
    Successivamente la Commissione procede alla discussione con i candidati dei titoli e della produzione
    scientifica. Tale discussione, che potrà essere sostenuta, a scelta del candidato, in lingua italiana o in
    lingua inglese, non è oggetto di valutazione ma è finalizzata all’attribuzione dei punteggi sui titoli e sulla
    produzione scientifica.
    Contestualmente alla discussione dei titoli e della produzione scientifica, la Commissione effettuerà una
    prova orale volta ad accertare l’adeguata conoscenza dei candidati della lingua inglese.
    Dopo la discussione è attribuito un punteggio ai titoli e a ciascuna delle pubblicazioni presentate dai
    candidati ammessi alla discussione stessa.
    La Commissione redige, in base ai criteri e ai parametri stabiliti nella riunione preliminare, una
    graduatoria di merito tenendo conto dei punteggi conseguiti nella valutazione dei titoli e della
    produzione scientifica da ciascun candidato.
    In caso di parità di punteggio e di titoli preferenziali, la preferenza è data al candidato di età anagrafica
    minore.