• Accedi • Iscriviti gratis
  • ricercatore presso CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE - ISTITUTO PER LA PROTEZIONE SOSTENIBILE DELLE PIANTE DI TORINO

    Conferimento di una borsa di studio per laureati

    Occupazione: 
    Luogo: 
    Posti disponibili: 
    1
    Scadenza: 
    20/05/2019
    Attenzione, concorso scaduto!
    Cittadinanza: 
    Contratto: 
    Requisiti: 
    1) Titolo di studio (vecchio ordinamento): Laurea in Biotecnologie Agrarie Vegetali, Laurea in
    Scienze Biologiche
    DM 5/05/2004 Biotecnologie agrarie 7/S, Biologia 6/S
    DM 9/07/2009 Biotecnologie agrarie LM-7, Biologia LM-6

    2) Competenze in colture in vitro e biologia molecolare, in particolare delle piante arboree, ed
    esperienza in tecniche di gene editing ottenuto tramite CRISPR/Cas9.
    Dove va spedita la domanda: 
    La domanda di partecipazione alla suddetta selezione, redatta
    esclusivamente secondo lo schema di cui all'allegato del bando IPSP
    BS20 2019 TO, dovra' essere inviata esclusivamente per posta
    elettronica certificata (PEC) all'Istituto per la protezione
    sostenibile delle piante all'indirizzo protocollo.ipsp@pec.cnr.it
    Prove d'esame: 
    I candidati sono giudicati da una Commissione nominata dal Direttore dell'Istituto per la Protezione
    Sostenibile delle Piante.
    Il provvedimento di nomina della Commissione è pubblicato sul sito Internet del CNR: www.urp.cnr.it.
    La Commissione può svolgere il procedimento anche con modalità telematiche.
    Ogni membro della Commissione esaminatrice dispone di dieci punti per la valutazione di ciascun
    candidato.
    La Commissione provvede, in via preliminare, a ripartire il punteggio a disposizione tra le categorie di
    titoli che essa ritenga di individuare, curando che il punteggio massimo riservato a ciascuna categoria non
    abbia una valenza eccessiva su quello complessivo.
    La Commissione stabilisce altresì, in via preliminare, se i candidati vadano sottoposti a colloquio e, in
    caso positivo, il punteggio da riservare a tale prova, nonchè il punteggio minimo che i candidati debbono
    conseguire nella valutazione dei titoli per essere ammessi a sostenere la prova stessa.
    La Commissione procede quindi a valutare i titoli di ogni singolo candidato e a redigere una scheda
    contenente, oltre l'indicazione dei titoli posseduti dal candidato, un motivato giudizio e la valutazione
    attribuita ai vari titoli.