professore universitario presso UNIVERSITA' ALDO MORO DI BARI

Occupazione: 
Luogo: 
Posti disponibili: 
1
Scadenza: 
03/01/2019
Cittadinanza: 
Contratto: 
Titolo di studio: 

Procedure di selezione per la chiamata di tre professori di seconda fascia, per vari Dipartimenti, riservate al personale in servizio presso l'Universita' di Cassino e del Lazio Meridionale.

Requisiti: 
1. Per essere ammessi a partecipare alla procedura di selezione i candidati devono essere in una delle seguenti situazioni: a. studiosi in possesso dell’abilitazione scientifica nazionale ai sensi dell’art. 16 della Legge 240/2010 per il settore concorsuale ovvero per uno dei settori concorsuali ricompresi nel medesimo macrosettore, per la fascia e per le funzioni corrispondenti a quella per la quale viene bandita la selezione ovvero per funzioni superiori purché non già titolari delle medesime funzioni; b. studiosi che abbiano conseguito l’idoneità ai sensi della Legge 210/1998 per il settore scientifico disciplinare compreso nel settore concorsuale oggetto del bando, ovvero in uno dei settori concorsuali 2 ricompresi nel medesimo macrosettore, e per la fascia oggetto del procedimento ovvero per la fascia superiore purché non ancora nominati in ruolo, limitatamente al periodo di durata dell’idoneità; c. professori già in servizio presso altri Atenei nella fascia corrispondente a quella per la quale viene bandita la selezione; d. studiosi stabilmente impegnati all’estero in attività di ricerca o insegnamento a livello universitario in posizione di livello pari a quello oggetto del bando, sulla base delle tabelle di corrispondenza di cui al D.M. dell’1.9.2016 e s.m.i.. 2. Non possono partecipare alla selezione coloro i quali siano esclusi dal godimento dei diritti civili e politici, dall’elettorato politico attivo, siano stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione o siano stati dichiarati decaduti da altro impiego statale ai sensi del D.P.R. 3/1957. 3. Non possono, inoltre, partecipare alla selezione coloro che abbiano un grado di parentela o affinità entro il quarto grado compreso ovvero un rapporto di coniugio o di unione civile con un professore appartenente al Collegio Accademico, ovvero con il Direttore della Scuola, con il Segretario Generale o con un componente del Consiglio Direttivo della Scuola. L’incandidabilità riguarda altresì il Direttore, il Segretario Generale, i professori appartenenti al Collegio accademico e i componenti del Consiglio direttivo al momento della delibera di copertura del posto e/o della delibera di chiamata, fino a quello della nomina. 4. I requisiti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine di presentazione della domanda di partecipazione. I candidati sono ammessi con riserva alla selezione. La mancanza dei suddetti requisiti alla predetta data, ovvero la sussistenza di situazioni insanabili di incompatibilità che non consentono di partecipare alla procedura di selezione ovvero di coprire il posto ai sensi del Regolamento interno e della normativa vigente, comporta l’esclusione dalla selezione che potrà essere disposta in ogni momento con provvedimento motivato del Segretario Generale. 5. La Scuola Normale Superiore garantisce parità e pari opportunità tra uomini e donne per l’accesso al lavoro ed il trattamento sul lavoro.
Dove va spedita la domanda: 
a) consegna diretta presso il Servizio Archivio, protocollo e posta della Scuola Normale Superiore (nell’orario di apertura al pubblico) sito in via del Castelletto n. 11, Pisa ovvero presso il protocollo della sede di Firenze, sito in Palazzo Strozzi, Piazza Strozzi, Firenze. In tal caso la data di acquisizione della domanda è stabilita e comprovata dalla data indicata nella ricevuta sottoscritta e rilasciata dal personale di questa amministrazione addetto al ricevimento; b) spedizione a mezzo del servizio postale tramite raccomandata con avviso di ricevimento o per corriere. In tal caso la data di acquisizione della domanda è stabilita e comprovata dal timbro a data posto dall’ufficio postale accettante; c) per i soli candidati che siano in possesso di una casella di ‘posta elettronica certificata’ (PEC) di cui essi stessi siano personalmente titolari, attraverso l’utilizzo della posta elettronica certificata ed invio all’indirizzo mail protocollo@pec.sns.it
Contatta l'ente: 
Eventuali informazioni o chiarimenti in merito alle modalità di presentazione delle domande e della documentazione da allegare possono essere richieste al Servizio Personale (tel. 050/509726-050/509721 e-mail gestione.personale@sns.it).
Prove d'esame: 
4 9. Non saranno prese in considerazione ai fini della selezione le domande non sottoscritte con firma autografa originale (fatta salva l’ipotesi di invio della domanda tramite PEC di cui il candidato sia personalmente titolare), quelle prive dei dati anagrafici o dei dati identificativi della presente selezione, quelle non corredate dei dati e degli allegati richiesti ai fini della valutazione, quelle presentate non attenendosi alle modalità indicate al comma 2 del presente articolo, o quelle che, per qualsiasi causa, dovessero pervenire oltre il termine di scadenza. 10. L’eventuale comunicazione di rinuncia del candidato a partecipare alla selezione, indirizzata al Direttore della Scuola, produrrà i suoi effetti a decorrere dalla prima riunione della Commissione giudicatrice successiva alla data di ricevimento. Art. 4 Commissione di valutazione 1. La Commissione di valutazione sarà individuata secondo le disposizioni contenute nell’art.5 del vigente “Regolamento per la disciplina del reclutamento dei professori di I e di II fascia ai sensi della legge 30 dicembre 2010, n.240 e per le chiamate dirette e di chiara fama ai sensi dell’art.1, comma 9 della legge 4 novembre 2011, n.230” di cui in premessa. 2. La Commissione è nominata con decreto del Direttore pubblicato all’Albo on line e reso disponibile sul sito web della Scuola. Dalla data di pubblicazione decorrono 15 giorni per la presentazione al Direttore della Scuola, da parte dei candidati, di eventuali istanze di ricusazione. 3. I lavori della Commissione di valutazione devono concludersi entro tre mesi dalla data del provvedimento di nomina, salva diversa specificazione nello stesso. Il termine può essere prorogato per comprovati ed eccezionali motivi segnalati dal Presidente della commissione. Art. 5 Modalità di svolgimento della procedura di selezione e accertamento della regolarità degli atti 1. La Commissione valuta le pubblicazioni scientifiche e il curriculum dell’attività scientifica e didattica presentati dai candidati sulla base dei criteri e parametri fissati dall’art.7 del vigente Regolamento citato in premessa a cui si fa rinvio. Si evidenzia che alla luce dei predetti criteri e parametri, con riferimento alla “Valutazione delle pubblicazioni scientifiche” sarà considerato elemento minimo per poter essere individuato candidato meritevole ai fini della chiamata l’avere una produttività scientifica media, riferita al periodo compreso tra il 1° gennaio del quinto anno precedente il termine di presentazione delle domande di partecipazione alla selezione (dal 1° gennaio 2012) e quest’ultimo, di almeno 0,5 prodotti scientifici all’anno. Ai fini del raggiungimento di tale valore minimo la Commissione considererà soltanto i prodotti scientifici ammissibili secondo i criteri definiti nell’ambito del più recente ciclo di valutazione del sistema universitario (c.d. VQR relativo al periodo 2011-2014) che siano coerenti con le tematiche del settore concorsuale o con tematiche interdisciplinari ad esso pertinenti. 2. Terminate le valutazioni sulla base dei criteri e parametri di cui al precedente comma 1, la Commissione, previa valutazione comparativa tra i candidati: - formula un giudizio riepilogativo finale sinteticamente motivato sul profilo scientifico e didattico di ciascun candidato esprimendolo tramite l’utilizzo di una scala di valutazione in termini di insufficiente, sufficiente, discreto, buono, ottimo, o altra scala equivalente; - individua il candidato che abbia conseguito il giudizio finale più alto come più meritevole ai fini della successiva fase di chiamata, ferma restando la possibilità che siano individuati come tali più candidati che abbiano conseguito il predetto giudizio a parità di merito. Infine consegna al responsabile del procedimento gli atti concorsuali, costituiti dai verbali delle riunioni, di cui fanno parte i giudizi collegiali sui candidati, compresi i giudizi riepilogativi finali, e da una relazione finale riassuntiva redatta collegialmente, per la verifica degli atti ai fini della relativa approvazione. Nel caso in cui il Direttore riscontri irregolarità nello svolgimento della procedura, rinvia con provvedimento motivato gli atti alla commissione, assegnando un termine per provvedere alle eventuali modifiche. 3. Il Direttore accerta con proprio Decreto la regolarità formale degli atti e dichiara il nominativo del candidato più meritevole, ovvero dei candidati più meritevoli in caso di pari merito, ai fini della chiamata. Il Decreto è pubblicato all’Albo on line, reso disponibile sul sito web della Scuola, ed è trasmesso, unitamente alla relazione riassuntiva finale, alla struttura accademica che ha richiesto il posto e al Collegio Accademico per la deliberazione sulla proposta di chiamata. La relazione finale riassuntiva della procedura è altresì pubblicata sul sito web della Scuola. La nomina del candidato più meritevole, ovvero di colui che, tra i candidati più meritevoli pari merito individuati dalla Commissione, sarà chiamato a 5 ricoprire il posto oggetto della selezione è subordinata alla conclusione positiva della fase di chiamata di cui all’articolo seguente, in applicazione dell’art.9 del Regolamento.

Concorsipubblici.com consiglia

Vuoi avere notifiche dei prossimi concorsi?
Registrati gratuitamente