1 ricercatore presso UNIVERSITA' «LA SAPIENZA» DI ROMA

Occupazione: 
Luogo: 
Posti disponibili: 
1
Scadenza: 
04/10/2018
Attenzione, concorso scaduto!
Cittadinanza: 
Contratto: 
Titolo di studio: 

Procedura di selezione, per titoli e colloquio, per la copertura di un posto di ricercatore a tempo determinato, settore concorsuale 08/B1, per il Dipartimento di ingegneria strutturale e geotecnica.

Requisiti: 
1 BANDO PER IL RECLUTAMENTO DI UN RICERCATORE CON RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO DI TIPOLOGIA A Bando RTDA n. 2/2018 Prot. n. 941 del 03/09/2018 IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE E GEOTECNICA Visti • lo Statuto dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, emanato con D.R.n. 3689/2012 del 29.10.2012; • il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; • la legge 15 maggio 1997 n. 127, e successive modificazioni; • la legge 9 gennaio 2009, n.1; • la legge 30 dicembre 2010, n. 240 e successive modificazioni ed in particolare l’art. 24; • il D.M. 25 maggio 2011, n. 243 riguardante criteri e parametri per la valutazione preliminare dei can- didati di procedure pubbliche di selezione dei destinatari dei contratti, di cui all’art. 24 della Legge n. 240/2010; • il Decreto Legislativo 29 marzo 2012, n. 49; • il D.M. n. 297 del 22 ottobre 2012; • il Regolamento per il reclutamento di Ricercatori con contratto a tempo determinato di tipologia “A”, emanato con D.R. n. 2578/2017 dell’11.10.2017; • la delibera del Consiglio di Amministrazione n. 213/18 del 05/06/2018; • la delibera del Consiglio di Dipartimento del 27/06/2018 DISPONE Art. 1 – Indizione della procedura e requisiti di ammissione E’ indetta una procedura selettiva, per titoli e colloquio, per il reclutamento di n. 1 ricercatore con rapporto di lavoro a tempo determinato di tipologia “A”, con regime di impegno a tempo pieno, per lo svolgimento di attività di ricerca, di didattica, di didattica integrativa e di servizio agli studenti, della durata di anni tre, eventualmente prorogabile per ulteriori due anni, per l’esecuzione del programma di ricerca dal titolo “Studio del comportamento meccanico di materiali rocciosi e opere geotecniche in roccia”, (responsabili scientifici i professori del Settore Scientifico Disciplinare ICAR/07), per il Settore concorsuale 08/B1 - Settore scientifico-disciplinare ICAR/07 -, presso il Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, Via Eudossiana 18, Roma. La ricerca è volta allo studio del comportamento meccanico in laboratorio di materiali rocciosi e discontinuità, che costituiscono gli ammassi rocciosi. In sito le discontinuità condizionano i meccanismi di instabilità per scivolamento e altri meccanismi più complessi (ribaltamento e instabilità flessionale), che interessano versanti naturali, fronti di 2 scavo, gallerie e dighe. Lo studio del comportamento di opere in sito in campo statico o dinamico sarà affrontato con modelli che portano in conto in modo esplicito la presenza di discontinuità. La retribuzione, compresi gli oneri a carico dell’Amministrazione, sarà rapportata, in misura pari al 100%, alla posizione iniziale del Ricercatore di ruolo confermato a tempo pieno. L’impegno annuo complessivo per lo svolgimento di attività didattica frontale non potrà essere inferiore a 36 ore e superiore a 72 ore. Sono ammessi a partecipare alla procedura selettiva i candidati italiani e stranieri, in possesso del titolo di dottore di ricerca in Ingegneria Geotecnica o di titolo equivalente. I requisiti per ottenere l’ammissione devono essere posseduti alla data di scadenza del termine utile per la presentazione delle domande. Alla selezione non possono partecipare coloro che abbiano un grado di parentela o di affinità fino al quarto grado compreso, ovvero un rapporto di coniugio, con un professore appartenente al Dipartimento che effettua la chiamata, ovvero con il Rettore, il Direttore generale o un componente del Consiglio di Amministrazione dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Non possono altresì partecipare coloro i quali abbiano già usufruito dei contratti di cui all’art. 24 della Legge n. 240/2010 e degli assegni di ricerca di cui all’art. 22 della Legge n. 240/2010, intercorsi anche con altri atenei italiani, statali, non statali o telematici, nonché con gli enti di cui al comma 1 dell’art. 22 della Legge n. 240/2010, con il medesimo soggetto, per un periodo che, sommato alla durata prevista dal contratto da attivare, superi complessivamente i dodici anni, anche non continuativi. Ai fini della durata dei predetti rapporti non rilevano i periodi trascorsi in aspettativa per maternità o per motivi di salute secondo la normativa vigente. I candidati sono ammessi alla procedura selettiva con riserva. Il Direttore del Dipartimento, con provvedimento motivato, dispone l’esclusione dalla stessa per mancanza dei requisiti di ammissione previsti
Dove va spedita la domanda: 
La domanda di partecipazione alla procedura selettiva, redatta in carta semplice secondo lo schema allegato (allegato A), indirizzata al Direttore del Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, deve essere presentata per via telematica (in formato pdf con scansione della firma e di tutti i documenti allegati) all’indirizzo di posta elettronica concorsi.disgpec@cert.uniroma1.it
Contatta l'ente: 
Responsabile del procedimento oggetto del Bando è la dott.ssa Elena Alessia de Roberto DISG – Sapienza Università di Roma elenaalessia.deroberto@uniroma1.it Via Eudossiana n. 18 Roma
Prove d'esame: 
La Commissione giudicatrice è composta da tre membri appartenenti al Settore scientifico disciplinare, al Settore concorsuale o al Macro-settore oggetto della posizione per la quale è bandita la presente procedura e individuati in maggioranza tra docenti non in servizio presso la Sapienza. La Commissione può essere composta da professori di I fascia, da professori di II fascia e da ricercatori a tempo indeterminato. E’ necessaria la partecipazione di un Professore di I fascia e di un Professore di II fascia. Per le posizioni gravanti su fondi assegnati al Dipartimento dal Consiglio di Amministrazione dell’Università “La Sapienza” i membri della Commissione sono professori di I e II fascia e ricercatori a tempo indeterminato designati con delibera del Consiglio di Dipartimento, approvata a maggioranza assoluta dei Professori di I e II fascia e dei ricercatori a tempo indeterminato. Per le posizioni gravanti su fondi esterni fa parte di diritto della Commissione il responsabile dei fondi. Gli altri due membri della Commissione giudicatrice sono Professori di I e II fascia, designati con delibera del Consiglio di Dipartimento, approvata a maggioranza assoluta dei Professori di I e II fascia e dei ricercatori a tempo indeterminato. Hanno titolo a far parte delle Commissioni giudicatrici di cui ai commi 3 e 4 del presente articolo: 1) i Professori di I fascia in possesso dei requisiti, in termini di valori soglia, per partecipare come Commissari all’abilitazione scientifica nazionale di cui all’art. 16 della Legge n. 240/2010; 2) I Professori di II fascia in possesso dei requisiti, in termini di valori soglia, per partecipare alle procedure dell’abilitazione scientifica nazionale di I fascia di cui all’art. 16 della Legge n. 240/2010; 3) i Ricercatori a tempo indeterminato, in possesso dei requisiti, in termini di valori soglia, per partecipare alle procedure dell’abilitazione scientifica nazionale di II fascia, di cui all’art. 16 della Legge n. 240/2010. Il possesso dei suindicati requisiti di qualificazione, in base alle soglie vigenti alla data di emissione del bando, è attestato dal Consiglio di Dipartimento nella delibera trasmessa all’Amministrazione. La Commissione giudicatrice nella sua composizione dovrà tenere conto ove possibile, del principio dell’equilibrata composizione di genere. La Commissione giudicatrice è nominata con dispositivo del Direttore del Dipartimento, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale – IV Serie speciale Concorsi ed Esami, sui siti web del Dipartimento e dell’Ateneo. Il termine di trenta giorni per la presentazione al Direttore del Dipartimento, da parte dei candidati, di eventuali istanze di ricusazione dei Commissari decorre dalla data di pubblicazione del dispositivo sulla Gazzetta Ufficiale – IV serie speciale. Decorso tale termine e, comunque, dopo l’insediamento della Commissione, non sono ammesse istanze di ricusazione dei Commissari. Le eventuali cause di incompatibilità e le modifiche dello stato giuridico intervenute successivamente alla nomina non incidono sulla qualità di componente della Commissione giudicatrice. La Commissione svolge i lavori alla presenza di tutti i componenti e assume le proprie deliberazioni a maggioranza. La Commissione può avvalersi anche di strumenti telematici di lavoro collegiale. I componenti della Commissione in servizio presso La Sapienza non fruiscono di rimborsi e/o compensi ad alcun titolo. I componenti non appartenenti ai ruoli dell’Ateneo possono usufruire esclusivamente del rimborso delle spese di missione, secondo le modalità previste dal relativo Regolamento di Ateneo. La Commissione, a pena di decadenza, si riunisce la prima volta entro 30 giorni dalla data di scadenza del termine per la presentazione delle istanze di ricusazione dei Commissari, tranne casi di motivata impossibilità (nel computo di tale termine è escluso il periodo 1° agosto -15 settembre). La Commissione dovrà concludere i propri lavori entro 60 giorni dalla data della prima riunione. Su richiesta del Presidente può essere concessa dal Direttore del Dipartimento una proroga per un massimo di 60 gg.

Concorsipubblici.com consiglia

Vuoi avere notifiche dei prossimi concorsi?
Registrati gratuitamente