• Accedi • Iscriviti gratis
  • FONDAZIONE I.R.C.C.S. ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI MILANO, 1 programmatore

    Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di un posto di assistente tecnico, programmatore, categoria C, a tempo pieno ed indeterminato, per la struttura complessa ICT e SIA. (GU n.26 del 01-04-2022)

    Requisiti: 
    Requisiti specifici di ammissione: diploma di istruzione secondaria di secondo grado di perito informatico o altro equipollente con specializzazione in informatica, ovvero, in alternativa, diploma di istruzione secondaria di secondo grado, unitamente ad un attestato di competenze informatiche legalmente riconosciuto.
    Dove va spedita la domanda: 
    https://istitutotumorimilano.miscrivo.it
    Contatta l'ente: 
    Risorse umane e R.s. della fondazione, tel. 02/23902255-2523, dalle ore 10,00 alle ore 11,30 e dalle ore 14,00 alle ore 15,30.
    Prove d'esame: 
    Prova preselettiva (DPR 487/94 art. 7, comma 2 bis)
    Il relazione al numero di candidature pervenute, la Fondazione si riserva di procedere all’espletamento di apposita prova preselettiva, volta a determinare il numero dei candidati da ammettere alle prove successive. L’eventuale prova preselettiva consisterà in quesiti a risposta multipla su argomenti di cultura generale, su aspetti normativi e di organizzazione del Servizio Sanitario Regionale e Nazionale.
    ---
    Le prove d'esame sono le seguenti:
    1. prova scritta: vertente su argomenti attinenti al profilo a concorso mediante lo svolgimento di tema o soluzione di quesiti a risposta sintetica.
    2. prova pratica: consistente nell’esecuzione di tecniche specifiche o predisposizione di atti connessi alla qualificazione professionale richiesta.
    3. prova orale: oltre agli argomenti attinenti al profilo a concorso, verifica della conoscenza almeno a livello iniziale della lingua inglese; per i candidati non in possesso di cittadinanza italiana, di cui alla lettera a) dell’elenco dei requisiti generali di ammissione previsti dal presente bando, la Commissione Esaminatrice verifica l’adeguata conoscenza della lingua italiana.