• Accedi • Iscriviti gratis
  • COMUNE DI CHIVASSO, 2 posti di istruttore tecnico

    Concorso pubblico, per esami, per la copertura di due posti di istruttore tecnico, categoria C, a tempo indeterminato e pieno, per l'Area governo del territorio. (GU n.24 del 25-03-2022)

    Requisiti: 
    Titolo di studio: diploma di Geometra, oppure di Perito edile, oppure altro titolo equipollente ai sensi di legge o titolo di studio considerato assorbente (Diploma di Laurea in Architettura o in Ingegneria Civile o Ingegneria Edile o Ingegneria Edile - Architettura o Ingegneria per l’Ambiente e il territorio o Pianificazione territoriale, urbanistica e ambientale (vecchio ordinamento); oppure: Laurea Triennale ai sensi del D.M. n. 509/1999 classe 4 (Scienze dell’Architettura e dell’Ingegneria Edile), classe 7 (Urbanistica e scienze della pianificazione territoriale e ambientale) e classe 8 (Ingegneria Civile e Ambientale); ppure: Laurea Triennale ai sensi del D.M. 270/2004 classe L-17 (Scienze dell’Architettura), classe L-23 (Scienze e Tecniche dell’Edilizia), classe L-21 (Scienze della Pianificazione Territoriale, urbanistica, paesaggistica e ambientale) e classe L-7 (Ingegneria Civile e Ambientale); oppure: Laurea Specialistica ai sensi del D.M. 509/1999, classe 4/S (Architettura e Ingegneria Edile), classe 28/S (Ingegneria Civile), classe 38/S (Ingegneria per l’ambiente e il territorio) e classe 54/S (Pianificazione territoriale urbanistica e ambientale); oppure: Laurea Magistrale ai sensi del D.M. 270/2004 classe LM-4 (Architettura e ingegneria edilearchitettura), classe LM-23 (Ingegneria Civile), classe LM-24 (Ingegneria dei sistemi edilizi), classe LM-26 (Ingegneria della Sicurezza), classe LM-35 (Ingegneria per l’ambiente e il territorio) e classe LM-48 (Pianificazione territoriale urbanistica e ambientale); ovvero altro titolo equivalente con obbligo di precisa indicazione a cura del candidato, nella domanda di ammissione, del provvedimento che sancisce la predetta equivalenza.
    Dove va spedita la domanda: 
    I candidati che intendono partecipare alla selezione devono registrarsi utilizzando, esclusivamente ed a pena di esclusione, il seguente link https://candidature.software-ales.it.
    Contatta l'ente: 
    Ufficio personale, piazza C.A. Dalla Chiesa n. 8 - 10034 Chivasso - 011/91.15.210 - 214.
    www.comune.chivasso.to.it
    Prove d'esame: 
    PRESELEZIONE L’Amministrazione Comunale, nel caso in cui il numero delle candidature sia elevato, si riserva di far precedere le prove di esame da PRESELEZIONE tramite la somministrazione di quiz a risposta multipla.
    ---
    La prova SCRITTA è finalizzata a valutare il possesso di competenze e conoscenze connesse alla qualifica professionale richiesta. La prova potrà consistere nella risoluzione di quesiti a risposta aperta e/o test a risposta multipla sulle materie previste dal programma d’esame.
    ---
    La prova ORALE sarà volta ad approfondire e a valutare la completezza delle conoscenze delle materie d'esame, la capacità di cogliere i concetti essenziali degli argomenti proposti, la chiarezza di esposizione, la capacità di collegamento e di sintesi, le attitudini dimostrate, la conoscenza di tecniche di lavoro o di procedure necessarie all'esecuzione del lavoro stesso, la capacità di valutazione critica e di individuazione di soluzioni innovative. Potranno altresì essere utilizzate dinamiche di gruppo al fine di verificare il possesso di attitudini necessarie ai fini della copertura del ruolo attraverso l’osservazione dei comportamenti organizzativi dei candidati.
    ---
    Le prove avranno per oggetto le seguenti materie:
    • D.P.R. 207/2010 e smi ,
    • D.Lgs. 50/2016 e s.m.i. e normativa attuativa
    • D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia;
    • Normativa regionale in materia di pianificazione territoriale, urbanistica edilizia (L.R. 56/77 e s.m.i., L.R. 16/18 e smi; L.R. 19/99 e smi)
    • D.Lgs. 42/04 e s.m.i., D.P.C.M. 12/12/2005, D.P.R. 31/17 e L.R. 32/08 e smi
    • disposizioni legislative e regolamentari in materia di espropriazione per pubblica utilità (DPR 327/2001)
    • Disposizioni legislative e regolamentari in materia ambientale (D.Lgs. 152/2006 e smi)
    • SUAP ed attività di commercio su aree pubbliche – esercizi di vicinato – grandi e medie strutture (Decreto del Presidente della Repubblica 7 settembre 2010, n. 160 Regolamento per la semplificazione ed il riordino della disciplina sullo sportello unico per le attività produttive; Decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114 Riforma della disciplina relativa al settore del commercio; Decreto legislativo n. 59/10 e smi; L.R. 28/99 e s.m.i. e L.R. 38/06 e s.m.i.);
    • Disciplina in materia di manifestazioni pubbliche/spettacoli:
    • Regio decreto 18/06/1931 n.773 Testo Unico Leggi di Pubblica sicurezza
    • Regio Decreto n.635 del 6/05/1940 Regolamento d’esecuzione del T.U.LP.S., in particolare gli articoli 141, 141-bis 142 • Decreto Ministeriale (Ministero dell’Interno) 19 agosto 1996 recante “Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio dei locali di intrattenimento e di pubblico spettacolo”;
    • Decreto Ministeriale 18/03/1996 inerente le “Norme per la costruzione e l’esercizio degli impianti sportivi”, come modificato dal Decreto Ministeriale 06/06/2005
    • Circolare del Direttore Generale della Pubblica Sicurezza (Dipartimento di Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno) Gabrielli n.555/OP/0001991/2017 del 7 giugno 2017,
    • Circolare n. 11464 del 19 giugno 2017 del Capo Dipartimento dei Vigili del fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile.
    • La direttiva del 28 luglio 2017 del Capo di Gabinetto del Ministero dell’Interno, Prefetto Mario Morcone (n. 11001/110(10) Uff. II – Ord. Sic. Pub.)
    • normativa inerente la Prevenzione incendi e la sicurezza sui luoghi di lavoro
    • diritto amministrativo con particolare riferimento ai principi dell’azione amministrativa, agli atti, alle responsabilità e al procedimento amministrativo (L. 241/90 e s.m.i.);
    • Ordinamento degli enti locali (D.Lgs. nr. 267/2000 e s.m.i.)
    • Decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa
    • disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità e la promozione della trasparenza nella Pubblica Amministrazione.
    • Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle Amministrazioni Pubbliche (d.lgs. n. 165/2001 e s.m.i.);
    • La responsabilità civile, penale, amministrativa e contabile del pubblico dipendente.