• Accedi • Iscriviti gratis
  • Comune di Como , 6 istruttore direttivo, area amministrativa

    Concorso pubblico, per soli esami, per la copertura di sei posti di istruttore direttivo, area amministrativa, categoria D, a tempo pieno ed indeterminato, di cui tre con riserva a favore delle Forze armate. (GU n.19 del 8-3-2022)

    Requisiti: 
    titoli di studio: ➢ Laurea triennale appartenente a una delle seguenti classi delle lauree ex DM 270: • L-14 Scienze dei servizi giuridici • L-36 Scienze politiche e delle relazioni internazionali • L-16 Scienze dell'amministrazione e dell'organizzazione
    ➢ Lauree triennale ex D.M. 509/99 equiparate con Decreto interministeriale del 9 luglio 2009 a una delle classi di lauree sopra indicate;
    ➢ Lauree Magistrali (DM 270/04) appartenente a una delle seguenti classi: • LMG/01 Giurisprudenza • LM-63 Scienze delle pubbliche amministrazioni • LM-56 Scienze dell’economia • LM-62 Scienze della politica
    ➢ Laurea Specialistica (LS) ex D.M. 509/99 o Diploma di Laurea del vecchio ordinamento universitario (DL), equiparati con Decreto interministeriale del 9 luglio 2009 a una delle lauree magistrali delle classi sopra indicate;
    ➢ Diploma di Laurea equipollente a uno dei Diplomi di Laurea del vecchio ordinamento equiparati una delle lauree magistrali delle classi sopra indicate.
    Dove va spedita la domanda: 
    https://scanshareservice.it/comune-como/

    https://www.comune.como.it/it/comune/lavorare-in-comune/concorsi/concorsi-attivi/index.html
    Contatta l'ente: 
    Ufficio Gestione Giuridica del Servizio Risorse Umane, al seguente contatto: concorsi@comune.como.it avendo cura di indicare nell’oggetto della richiesta “Concorso D1 Amministrativo”.
    Prove d'esame: 
    l concorso sarà espletato come segue: a) un’eventuale prova preselettiva che l’Amministrazione si riserva di svolgere qualora il numero dei candidati che abbiano presentato domanda di partecipazione al concorso sia superiore a 100; b) una prova scritta alla quale accederanno i candidati che avranno superato l’eventuale prova preselettiva di cui alla precedente lettera a), volta ad accertare l’effettivo possesso delle competenze tecniche proprie della professionalità ricercata; c) una prova orale a cui saranno ammessi i candidati che avranno superato la prova di cui alla precedente lettera b).

    L’Amministrazione si riserva di procedere allo svolgimento di una prova preselettiva qualora il numero dei candidati sia superiore a 100 unità. La Commissione potrà comunque valutare, anche qualora il numero dei candidati superi le 100 unità, di non effettuare alcuna preselezione.

    La prova scritta avrà contenuto teorico-pratico e potrà consistere nella soluzione di domande a risposta chiusa su scelta multipla e/o nello svolgimento di un elaborato e/o in una serie di quesiti ai quali dovrà essere data una risposta sintetica.
    La prova avrà ad oggetto le seguenti materie:  elementi di diritto costituzionale;  diritto amministrativo;  normativa in materia di appalti pubblici;  diritto civile con particolare riferimento alle obbligazioni e ai contratti;  elementi di diritto penale con particolare riferimento ai reati contro la Pubblica Amministrazione;  disciplina del lavoro pubblico e responsabilità dei pubblici dipendenti;  ordinamento degli Enti Locali (Testo Unico degli Enti Locali d.lgs. n. 267/2000 e s.m.i.);  elementi di legislazione in materia di anticorruzione, trasparenza, controlli interni e privacy.
    La prova orale consisterà in un colloquio interdisciplinare volto ad accertare la preparazione e la capacità professionale dei candidati sulle materie della prova scritta di cui al punto 5.b) e sarà altresì volta ad accertare il possesso della conoscenza della lingua inglese e dell’uso delle tecnologie informatiche e delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione e anche delle competenze digitali volte a favorire processi di innovazione amministrativa e di trasformazione digitale della pubblica amministrazione.