• Accedi • Iscriviti gratis
  • AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA «GOLGI REDAELLI» DI MILANO, 1 dirigente biologo

    Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di un posto di dirigente biologo, disciplina di microbiologia e virologia o disciplina equipollente. (GU n.98 del 10-12-2021)

    Occupazione: 
    Luogo: 
    Posti disponibili: 
    1
    Scadenza: 
    10/01/2022
    Attenzione, concorso scaduto!
    Tipo: 
    concorso
    Cittadinanza: 
    Europea
    Contratto: 
    tempo indeterminato
    Titolo di studio: 
    Requisiti: 
    - Laurea in Scienze biologiche;
    - Iscrizione al relativo Albo professionale;
    - Abilitazione alla professione di Biologo;
    - Specializzazione nella disciplina di cui al presente bando o in altra disciplina equipollente ai sensi del D.M. 30.01.1998;
    Dove va spedita la domanda: 
    Collegarsi al sito internet: https://golgiredaelli.iscrizioneconcorsi.it/
    Contatta l'ente: 
    U.O.C. Gestione risorse umane dell'Azienda di servizi alla persona «Golgi-Redaelli» - Dipartimento amministrativo Via B. D'Alviano n. 78 - Milano, alla quale ci si potrà rivolgere per eventuali informazioni (tel. 0272518.248-210 dal lunedì al giovedì dalle ore 8,30 alle ore 12,00).
    www.golgiredaelli.it
    Prove d'esame: 
    PROVA SCRITTA
    Svolgimento di un tema su argomenti inerenti alla disciplina a concorso e impostazione di un piano di lavoro o soluzione di una serie di quesiti a risposta sintetica inerenti alla disciplina stessa.
    PROVA PRATICA
    Esecuzione di misure strumentali o di prove di laboratorio o soluzione di test su tecniche e manualità peculiari della disciplina messa a concorso, con relazione scritta sul procedimento seguito.
    PROVA ORALE
    Verterà sulle materie inerenti alla disciplina messa a concorso nonché sui compiti connessi alla funzione da conferire. Sarà inoltre accertata la conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse nonché della lingua straniera (inglese o francese) come disposto dall’art. 37 del D. Lgs. 165/2001. Per i soli cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea o di Paese non comunitario la Commissione giudicatrice accerterà che il candidato abbia un’adeguata conoscenza della lingua italiana.