• Accedi • Iscriviti gratis
  • Università di Parma, 1 professore di seconda fascia, SC 06/H1 - Ginecologia e ostetricia

    Procedura di selezione per la chiamata di un professore di seconda fascia, settore concorsuale 06/H1 - Ginecologia e ostetricia, per il Dipartimento di medicina e chirurgia. (GU n.90 del 17-11-2020)

    Requisiti: 
    a) studiosi in possesso dell’abilitazione scientifica nazionale, ai sensi dell’art. 16 della Legge n. 240/2010, per il Settore Concorsuale, ovvero per uno dei Settori Concorsuali, ricompresi nel medesimo macrosettore e per le funzioni oggetto del procedimento, ovvero per funzioni superiori, purchè non già titolari delle medesime funzioni superiori;
    b) candidati che abbiano conseguito l’idoneità, ai sensi della Legge n. 210/1998, per la fascia corrispondente a quella per la quale viene emanato il bando, limitatamente al periodo di durata della stessa;
    c) professori già in servizio presso altri Atenei italiani, nella fascia corrispondente a quella per la quale è bandita la selezione;
    d) studiosi stabilmente impegnati all’estero in attività di ricerca o insegnamento a livello universitario, in posizione di livello pari a quelle oggetto del bando, sulla base di tabelle di corrispondenza, aggiornate ogni tre anni, definite dal MIUR, sentito il CUN.
    Dove va spedita la domanda: 
    all’indirizzo protocollo@pec.unipr.it con la seguente modalità: tramite posta elettronica certificata (PEC), accompagnata da firma digitale apposta sulla medesima e su tutti i documenti per i quali è prevista l’apposizione della firma autografa in ambiente tradizionale; tramite posta elettronica certificata (PEC), mediante trasmissione della copia della domanda sottoscritta in modo autografo, unitamente alla copia del documento di identità del sottoscrittore; tutti i documenti per i quali è prevista l’apposizione della firma autografa in ambiente tradizionale dovranno essere analogamente trasmessi in copia sottoscritta. Le copie di tali documenti dovranno essere acquisite mediante scanner. Per l’invio telematico di documentazione dovranno essere utilizzati formati statici e non direttamente modificabili, privi di macroistruzioni e di codici eseguibili, preferibilmente in formato “PDF”. In alternativa, la predetta domanda di ammissione, redatta in carta libera e indirizzata al Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Parma, debitamente sottoscritta dall’interessato, potrà essere consegnata a mano a questa Università degli Studi di Parma – Area Dirigenziale Affari Generali e Legale – Staff d’Area – Via Università, 12 – Parma (Italia), nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 9:00 alle ore 13:00, martedì e giovedì dalle ore 9:00 alle ore 13:00 e dalle ore 15:00 alle ore 17:00, entro il termine perentorio di 20 (venti) giorni, decorrenti dal giorno successivo alla data di pubblicazione dell’avviso del presente bando sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana – 4^ Serie Speciale – Concorsi ed Esami.
    La domanda di ammissione potrà, altresì, essere spedita al Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Parma - Via Università, 12 - 43121 Parma (Italia), a mezzo raccomandata, con avviso di ricevimento, entro il termine sopra indicato. A tal fine farà fede il timbro a data dell'ufficio postale accettante.
    Contatta l'ente: 
    Eventuali informazioni o chiarimenti in merito alle modalita' di presentazione delle domande possono essere richiesti al responsabile del procedimento amministrativo: dott.ssa Marina Scapuzzi - responsabile unita' organizzativa (U.O.) Amministrazione personale docente - area dirigenziale personale e organizzazione dell'Universita' degli studi di Parma (tel. 0521 034318/0521 034333 - e-mail marina.scapuzzi@unipr.it).
    Prove d'esame: 
    Nella prima riunione, la Commissione di cui all’art. 6 del presente bando, provvede a definire i criteri da adottare nella valutazione comparativa dei candidati relativamente alle pubblicazioni scientifiche, al curriculum e all’attività didattica svolta, in conformità agli standard qualitativi riconosciuti a livello internazionale, di cui all’art. 5 del presente bando. Provvede, altresì, a definire tre distinte tematiche su cui dovrà vertere la prova didattica.