• Accedi • Iscriviti gratis
  • Azienda Ospedaliera Universitaria di Messina Policlinico «Gaetano Martino» di Messina, 2 dirigente medico disciplina di ginecologia e ostetricia.

    Concorso pubblico, per titoli e prove d'esame, per la copertura di due posti di dirigente medico a tempo indeterminato, disciplina di ginecologia e ostetricia. (GU n.91 del 19-11-2019)

    100 Quiz di attualità

    E-book in formato pdf oppure epub. Download immediato.

    € 4,49
    € 2,99
    Luogo: 
    Posti disponibili: 
    2
    Scadenza: 
    19/12/2019
    Attenzione, concorso scaduto!
    Tipo: 
    concorso
    Cittadinanza: 
    Europea
    Contratto: 
    tempo indeterminato
    Titolo di studio: 
    Requisiti: 
    e) Diploma di Laurea in Medicina e Chirurgia;
    f) Specializzazione nella disciplina oggetto della selezione o in una delle discipline equipollenti,
    g) Iscrizione all’albo dell’ordine dei medici,
    Dove va spedita la domanda: 
    in via telematica (www.polime.it - Sezione Concorsi)
    Contatta l'ente: 
    Per eventuali chiarimenti ed informazioni, gli interessati possono rivolgersi al settore risorse umane (tel. 090/221.3431-3901).
    Prove d'esame: 
    La Commissione disporrà, complessivamente, di 100 punti così ripartiti:
    a) 20 punti per i titoli;
    b) 80 punti per le prove d'esame.
    I punti per le prove d'esame saranno così ripartiti:
    a) 30 punti per la prova scritta;
    b) 30 punti per la prova pratica;
    c) 20 punti per la prova orale.
    I punti per la valutazione dei titoli saranno così ripartiti:
    a) titoli di carriera: massimo 10
    b) titoli accademici e di studio: massimo 3
    c) pubblicazioni e titoli scientifici: massimo 3
    d) curriculum formativo e professionale: massimo 4

    PROVE D’ESAME La Commissione sottoporrà gli aspiranti alle seguenti prove d'esame: a) prova scritta: relazione su caso clinico simulato o su argomenti inerenti alla disciplina messa a concorso, o soluzione di una serie di quesiti a risposta sintetica inerenti alla disciplina stessa; b) prova pratica: su tecniche e manualità peculiari della disciplina messa a concorso. Per le discipline dell’area chirurgica la prova, in relazione anche al numero di candidati, si svolge su cadavere o materiale anatomico in sala autoptica, ovvero con altra modalità a giudizio insindacabile della Commissione. La prova dovrà comunque essere anche illustrata schematicamente per iscritto; c) prova orale: sulle materie inerenti la disciplina a concorso, nonché sui compiti connessi alla funzione da conferire.