• Accedi • Iscriviti gratis
  • 8 amministrativo gestionale presso UNIVERSITA' DI PAVIA

    Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di otto posti di categoria D1, a tempo indeterminato, area amministrativo-gestionale, di cui un posto riservato ai sensi degli articoli 678 comma 9 e 1014 comma 1lettera a) del decreto legislativo n. 66/2010 e quattro posti riservati ai sensi dell'articolo 52, comma 1-bis, del decreto legislativo n. 165/2001.

    Occupazione: 
    Luogo: 
    Posti disponibili: 
    8
    Scadenza: 
    25/07/2019
    Attenzione, concorso scaduto!
    Tipo: 
    Cittadinanza: 
    Requisiti: 
    1) Titolo di studio: è richiesto il possesso di Laurea (ex DM 270/2004 e DM 509 /1999) o
    Diploma di Laurea conseguito precedentemente all’entrata in vigore del D.M. n.
    509/1999
    Per i titoli di studio conseguiti all'estero è richiesto il riconoscimento di equipollenza ai
    sensi della vigente normativa in materia, oppure la dichiarazione di equivalenza, ai fini
    della presente selezione, ai sensi dell'art. 38 del D.Lgs. n.165/2001. La dichiarazione di
    Università di Pavia – Area Risorse umane e finanziarie – Servizio Organizzazione e innovazione
    Palazzo del Maino, via Mentana 4, 27100 Pavia (Italia) - T +39 0382 98 4979 - 4988 - 4162
    Mail: concorsipta@unipv.it – PEC: amministrazione-centrale@certunipv.it
    Responsabile del procedimento: Ileana Pomici, Responsabile
    equivalenza dovrà risultare da idonea certificazione rilasciata dalla Presidenza del
    Consiglio dei Ministri, Dipartimento per la Funzione Pubblica.
    I candidati che, al momento della domanda, non siano ancora in possesso della
    suddetta certificazione devono produrre ricevuta dell’avvenuto invio della richiesta di
    riconoscimento di equivalenza all'autorità competente.
    Il modulo per la richiesta di equivalenza del titolo di studio estero è reperibile
    all’indirizzo: http://www.funzionepubblica.gov.it/strumenti-e-controlli/modulistica ;

    2) Cittadinanza italiana. Sono equiparati ai cittadini gli italiani non appartenenti alla
    Repubblica (San Marino, Città del Vaticano) ovvero cittadinanza di uno degli Stati
    dell’Unione Europea o loro familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro
    purché siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente,
    nonché cittadini di Paesi terzi che siano titolari del permesso di soggiorno CE per
    soggiornanti di lungo periodo o che siano titolari dello status di rifugiato ovvero dello
    status di protezione sussidiaria.
    3) I cittadini degli Stati membri dell’Unione europea o loro familiari o cittadini di Paesi terzi
    di cui al precedente punto 2) devono possedere i seguenti requisiti:
    a) godere dei diritti civili e politici anche negli Stati di appartenenza o di
    provenienza;
    b) essere in possesso, fatta eccezione della titolarità della cittadinanza italiana, di
    tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini della Repubblica;
    c) avere adeguata conoscenza della lingua italiana.
    4) Età non inferiore agli anni 18.
    5) Idoneità fisica all’impiego.
    6) Avere ottemperato, per i nati fino al 1985, alle norme sul reclutamento militare.
    7) Non essere stato escluso dall’elettorato politico attivo.
    8) Non essere stato destituito o dispensato dall’impiego presso una pubblica
    amministrazione per persistente insufficiente rendimento, non essere stato dichiarato
    decaduto da un impiego statale per aver conseguito l’impiego stesso mediante la
    produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabili e non essere stato
    licenziato a decorrere dalla data di entrata in vigore del primo contratto collettivo di
    lavoro (21/5/1996).
    9) Non aver riportato condanne che comportino l’interdizione dai pubblici uffici.
    10) Per beneficiare della riserva di cui all’art.1 punto A del bando (riserva militare): essere in
    possesso dei requisiti previsti dal d.lgs n. 66/2010.
    11) Per beneficiare della riserva di cui all’art. 1 punto B del bando:
    • essere in servizio presso l’Università degli Studi di Pavia nella categoria C da
    almeno due anni;
    • non essere incorso negli ultimi due anni in sanzioni disciplinari più gravi del
    rimprovero verbale.
    Dove va spedita la domanda: 
    Presentazione della domanda - Termini e modalità. La domanda di partecipazione al
    concorso, nonché i relativi allegati, devono essere presentati, entro il termine perentorio di 30
    giorni successivi dalla data di pubblicazione del bando nella Gazzetta Ufficiale – IV^ serie
    speciale – Concorsi ed Esami-, per via telematica utilizzando la piattaforma “Pica”
    Contatta l'ente: 
    . Ai sensi di quanto disposto dall’art. 5 della legge 7
    agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni ed integrazioni, il responsabile del
    procedimento di cui al presente bando è la dott.ssa Loretta Bersani (Dirigente dell’Area Risorse
    Umane e Finanziarie, Piazza Leonardo Da Vinci n.17, 27100 Pavia, telefono 0382/984979-4988-
    4162 fax 0382/984970 – mail: concorsipta@unipv.it ).
    Prove d'esame: 
    Prove d’esame. Per ragioni di celerità ed efficienza del procedimento, in considerazione
    del rapporto tra il numero dei posti messi a concorso e il numero dei candidati ammessi alla
    selezione, l’Ateneo può procedere all’espletamento di prove di preselezione di tipo attitudinale,
    da svolgersi anche con l’ausilio di mezzi automatizzati.
    La prova di preselezione, se attuata, consisterà in test a risposta multipla e/o domande a
    risposta sintetica atti a rilevare le caratteristiche attitudinali e le conoscenze delle materie
    oggetto delle prove concorsuali.
    La preselezione sarà superata con una votazione di almeno 21/30 o equivalente.
    La valutazione conseguita in sede di preselezione non concorre alla formazione del voto finale.