• Accedi • Iscriviti gratis
  • 1 posto maestro scuola materna presso COMUNE DI MANTOVA

    Concorso pubblico, per esami, per la copertura di un posto di maestra di scuola materna, categoria C, a tempo pieno ed indeterminato. (GU n.43 del 31-05-2019)

    Luogo: 
    Posti disponibili: 
    1
    Scadenza: 
    19/06/2019
    Attenzione, concorso scaduto!
    Tipo: 
    Cittadinanza: 
    Requisiti: 
    a) cittadinanza italiana, oppure cittadinanza di uno degli Stati membri dell’Unione Europea, oppure
    condizione di familiare di cittadino di uno degli Stati membri dell’Unione Europea non avente la
    cittadinanza di uno Stato membro ma titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno
    permanente, oppure cittadinanza di Paesi terzi e titolarità del permesso di soggiorno CE per
    soggiornanti di lungo periodo o di status di rifugiato o di status di protezione sussidiaria (sono
    fatte salve ai sensi dell’art. 38 del D. Lgs. 165/2001 e s.m.i., comma 3-ter, le disposizioni di cui
    all’art. 1 D.P.R. 752/1976 in materia di conoscenza della lingua italiana), oppure carta blu se
    familiare non comunitario di cittadini italiani. Ai cittadini non italiani è richiesta un’adeguata
    conoscenza della lingua italiana.
    b) età non inferiore agli anni 18 e non superiore al limite ordinamentale stabilito dall’Ente (65 anni);
    c) idoneità fisica all'impiego (il Comune si riserva la facoltà di sottoporre a visita medica di controllo
    il vincitore del concorso);
    d) non esclusione dall'elettorato politico attivo;
    e) per i candidati di sesso maschile: regolare posizione nei riguardi degli obblighi militari di leva
    oppure non essere tenuti all’assolvimento di tale obbligo a seguito dell’entrata in vigore della
    legge di sospensione del servizio militare obbligatorio;
    f) Titolo di Studio.
    Possono partecipare coloro che risultano in possesso di:
    Uno dei seguenti titoli di studio conseguito entro l’anno scolastico 2001-2002:
     diploma di Scuola Magistrale, triennale, di abilitazione all’insegnamento nelle scuole del
    grado preparatorio;
    g) non aver riportato condanne penali definitive o provvedimenti definitivi del tribunale (L. 475/1999)
    che impediscano, ai sensi delle vigenti disposizioni di legge, la costituzione del rapporto di
    impiego presso la Pubblica Amministrazione. Si precisa che la sentenza prevista dall'art. 444 del
    Codice di procedura penale (cosiddetto patteggiamento) è equiparata a una pronuncia di
    condanna in applicazione dell’art. 445, comma 1bis del Codice di procedura penale;
    h) non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione per
    persistente insufficiente rendimento oppure non essere stati dichiarati decaduti per aver
    conseguito l’impiego mediante produzione di documenti falsi o viziati da invalidità insanabile;
    ovvero non essere stati licenziati a seguito di procedimento disciplinare;
    i) conoscenza della lingua inglese.
     diploma di Istituti Magistrali di maturità magistrale (compreso quello di liceo sociopsicopedagogico);
     titolo di studio appositamente riconosciuto equivalente, a seguito dell’attuazione di progetti di
    sperimentazione, autorizzati ai sensi dell’art. 278 del decreto legislativo 16 aprile 1994, n.
    297;
     titolo equipollente a uno dei predetti diplomi, dichiarato tale ai fini dell’insegnamento nelle
    scuole materne, con onere del Candidato di indicare il relativo decreto;
     Per i candidati cittadini di uno degli Stati membri dell’Unione europea, la verifica
    dell’equivalenza del titolo di studio posseduto avrà luogo ai sensi dell’art. 38, comma 3, del
    decreto legislativo 30 marzo 2001 n. 165.
    Oppure:
     Diploma di Laurea vecchio ordinamento (DL) in Scienze della Formazione Primaria – indirizzo
    Scuola Materna;
     Laurea Magistrale a ciclo unico in Scienze della Formazione Primaria (classe LM-85 bis).
    Dove va spedita la domanda: 
    Comune di Mantova - settore affari generali e istituzionali - servizio gestione risorse umane e organizzazione - via Roma n. 39 - 46100 Mantova
    PEC risorse.umane@pec.comune.mantova.it
    Contatta l'ente: 
    Servizio gestione risorse umane e organizzazione (tel. 0376 376283/338286).
    www.comune.mantova.gov.it
    Prove d'esame: 
    Eventuale prova preselettiva.
    1^ prova - PROVA SCRITTA. La prova scritta consisterà nella somministrazione di test a risposta
    multipla e/o nella redazione di un elaborato, un parere o una relazione, eventualmente articolati in
    più argomenti o quesiti, finalizzati a verificare la specifica conoscenza delle materie sotto indicate.
    2^ prova - PROVA DI ACCERTAMENTO della conoscenza della lingua inglese. Il candidato dovrà
    dimostrare di saper sostenere correttamente una semplice conversazione nella lingua inglese e/o di
    saper leggere e tradurre un breve testo in lingua inglese;
    3^ prova - PROVA DI ACCERTAMENTO, a contenuto teorico-pratico, della conoscenza dell'uso di
    apparecchiature e di applicazioni informatiche tra le più diffuse (Word, Excel, ambente Windows,
    strumenti di navigazione Internet). Il candidato in possesso della patente europea del computer del
    tipo ECDL Full Standard, da far risultare nella domanda, non dovrà sostenere la predetta prova;
    4^ prova - PROVA ORALE. La prova orale consisterà in una dinamica di gruppo finalizzata non solo
    alla valutazione delle conoscenze ma anche delle capacità e delle attitudini dei candidati, avrà per
    oggetto le materie sotto indicate e si articolerà in:
    a) autopresentazione del Candidato;
    b) osservazione di una dinamica di gruppo derivante da una simulazione di ruolo;
    c) discussione e approfondimento della prova scritta con formulazione di domande tecniche vertenti
    sulle materie sotto indicate.
    ---
    Materie delle prove scritta e orale:
    - Nozioni relative al Testo Unico degli Enti Locali (D. Lgs. 267/2000 e s.m.i.), limitatamente alla
    Parte I – Ordinamento istituzionale, e al Contratto collettivo nazionale di lavoro del comparto
    Funzioni locali;
    - Codice di comportamento dei dipendenti pubblici (D.P.R. 62/2013) e codice di comportamento dei
    dipendenti del Comune di Mantova (reperibile sul sito internet dell’Ente);
    - Lineamenti di psicologia dell'età evolutiva con particolare riferimento alla fascia 3-6 anni;
    - Il Decreto Legislativo 13 aprile 2017, n. 65 “Istituzione del sistema integrato di educazione e
    istruzione dalla nascita sino a sei anni, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera e), della
    legge 13 luglio 2015, n. 107” (artt. da 1 a 10);
    - Le “Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo d’istruzione”
    (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - settembre 2012) con riferimento alle
    Scuole dell’Infanzia;
    - Il "P.T.O.F." (Piano Triennale dell'Offerta Formativa) nelle scuole dell’infanzia gestite dal Comune
    di Mantova;
    - Approcci al plurilinguismo e alle tecnologie multimediali nella didattica per l’infanzia nelle scuole
    dell’infanzia;
    - La continuità educativa: i rapporti con gli Asili Nido e le Scuole Primarie;
    - L’individuazione, l’intervento precoce e i processi di inclusione scolastica di bambini/e disabili e/o
    con bisogni educativi speciali;
    - Principi ispiratori, metodo di lavoro, materiali, organizzazione e finalità delle Scuole Montessoriane
    ("Case dei Bambini");
    - Norme igienico-sanitarie nell'ambito delle scuole dell'infanzia;
    - Documentare i progetti di scuola e i piani educativi personalizzati; valutare le competenze dei
    soggetti in educazione e i percorsi promossi;
    - L'accoglienza di bambini di altre culture e nazionalità;
    - Il “Regolamento dei Servizi Comunali per la prima infanzia” del Comune di Mantova approvato con
    D.C.C. N. 53 del 30 luglio 2012;
    - Le “Norme di comportamento nell’ambito dei servizi comunali per la prima infanzia” (Approvate con
    Determinazione n. 1719 del 27 agosto 2013);
    - “Obblighi dei lavoratori” ai sensi dell’art. 20 del D. Lgs. 81/2008 (Testo Unico in materia di
    sicurezza sul lavoro);