25 posti restauratore presso Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Occupazione: 
Luogo: 
Posti disponibili: 
25
Scadenza: 
15/07/2019
Attenzione, concorso scaduto!
Tipo: 
Cittadinanza: 
Contratto: 
Titolo di studio: 

Concorso pubblico, per esami, per l'ammissione di venticinque allievi al 70° corso di diploma di durata quinquennale, equiparato alla laurea magistrale a ciclo unico, in conservazione e restauro dei beni culturali (LMR/02), abilitante alla professione di «Restauratore di beni culturali» della Scuola di alta formazione e studio dell'Istituto superiore per la conservazione ed il restauro, per le sedi di Roma (quindici posti) e di Matera (dieci posti) - anno accademico 2019/2020. (GU n.43 del 31-05-2019)

Requisiti: 
a) diploma quinquennale (o quadriennale piu' anno integrativo) di istruzione secondaria superiore; e' consentita l'iscrizione con riserva per i candidati che conseguano il diploma prima della data di inizio della prova grafica; b) cittadinanza italiana o di altro Stato dell'Unione europea. Sono ammessi, alle stesse condizioni, anche cittadini di Stati extracomunitari, purche' dimostrino il possesso di un titolo di studio equipollente a quello richiesto sub a); c) idoneita' fisica alle attivita' che il Percorso formativo professionalizzante comporta; d) di non aver riportato condanne passate in giudicato a pena detentiva superiore a tre anni.
Dove va spedita la domanda: 
mbac-is-cr@mailcert.beniculturali.it
Contatta l'ente: 
Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro via di San Michele, 25 00153 Roma Tel. 06 67236300 Fax 06 67236409 is-cr.segreteria@beniculturali.it --- Scuola di Alta Formazione e Studio sede di Matera Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro via Luigi La Vista, 5 75100 Matera is-cr.saf-matera@beniculturali.it tel. 0835 / 256626 – 0835 / 334461 www.safmatera.iscr.beniculturali.it --- http://www.iscr.beniculturali.it/
Prove d'esame: 
L'esame di ammissione consiste in: a) prova di conversazione in lingua italiana, riservata esclusivamente ai candidati cittadini stranieri; b) prova grafica; c) test attitudinale pratico - percettivo; d) prova orale atta a dimostrare la conoscenza diretta delle opere d'arte e la capacita' di mettere in relazione i dati storico-artistici e quelli tecnici, nonche' una conoscenza di base delle scienze della natura (chimica, biologia, scienze della terra, fisica). La prova orale sara' sostenuta in lingua italiana anche dai cittadini stranieri. I candidati dovranno altresi' dimostrare una conoscenza di base della lingua inglese. I candidati in possesso di certificazione CEFR (Common European Framework of Reference for Languages) con livello B1 o superiore, sono esonerati dal sostenere la prova d'inglese. --- Prova grafica. Consiste nella trasposizione grafica di un manufatto artistico o parte di esso, condotta per mezzo di una riproduzione fotografica in bianco e nero. Il disegno dovra' essere eseguito con matita in grafite nera, a tratto lineare, senza chiaroscuro, in una riproduzione in scala rispetto al formato della fotografia. Per trasposizione grafica a tratto lineare si intende la sintesi critica del manufatto per mezzo di un tratto essenziale, nitido e opportunamente modulato, teso a restituire la definizione volumetrica, le proporzioni e la particolare tecnica esecutiva in esame. La prova ha durata di sei ore consecutive. Per l'esecuzione della riproduzione in scala sono ammesse griglie quadrettate e fogli millimetrati gia' in possesso del candidato. --- Test attitudinale pratico - percettivo: Per i Percorsi formativi professionalizzanti 1 e 2, la prova consiste nell'integrazione, mediante tratteggio verticale ad acquarello, previa stuccatura a gesso e colla, di lacune presenti in riproduzioni policrome a stampa.

Concorsipubblici.com consiglia

Vuoi avere notifiche dei prossimi concorsi?
Registrati gratuitamente