• Accedi • Iscriviti gratis
  • 2 posti educatore asilo nido presso Comune di Eboli

    Procedura di selezione, per titoli ed esami, per la copertura a tempo indeterminato e pieno, di due posti di educatore asilo nido. (GU n.41 del 24-05-2019)

    Occupazione: 
    Luogo: 
    Posti disponibili: 
    2
    Scadenza: 
    23/06/2019
    Attenzione, concorso scaduto!
    Tipo: 
    concorso
    Cittadinanza: 
    Europea
    Contratto: 
    tempo indeterminato
    Requisiti: 
    a) avere un’età non inferiore ad anni 18 e non superiore a quella prevista dalle norme
    vigenti per il collocamento a riposo;
    b) essere cittadino italiano (sono equiparati gli italiani non appartenenti alla Repubblica);
    - oppure essere cittadino di uno degli Stati membri dell’Unione Europea;
    - oppure essere familiare di cittadino di uno degli Stati membri dell’Unione Europea
    non avente la cittadinanza di uno Stato membro, con titolarità del diritto di soggiorno o del
    diritto di soggiorno permanente;
    - oppure essere cittadino di Paesi terzi (extracomunitari) titolare del permesso di
    soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o titolare dello status di rifugiato o dello status
    di protezione sussidiaria;
    ai sensi dell’art. 38 del D.Lgs. n. 165/2001, come modificato dall’art. 7 della L. 97/2013.
    c) avere il godimento dei diritti civili e politici (o non essere incorso in alcuna delle cause
    che, a norma delle vigenti disposizioni di legge, ne impediscano il possesso);
    d) essere in possesso, per quanto a conoscenza, dell'idoneità fisica all’attività lavorativa da
    svolgere, nella consapevolezza che l’Amministrazione, prima dell'assunzione, sottoporrà gli
    interessati a visita medica preventiva in ottemperanza alle normative vigenti. Il giudizio
    medico positivo è indispensabile ai fini dell'assunzione. La condizione di privo della vista
    è causa di inidoneità, ai sensi dell’art. 1 della Legge 28/3/1991, n. 120, data la particolare
    natura dei compiti che la posizione di lavoro implica;
    e) essere in posizione regolare nei confronti degli obblighi di leva e del servizio militare
    (solo per i candidati di sesso maschile nati entro il 31/12/1985);
    f) non aver riportato condanne penali che impediscano, ai sensi delle vigenti disposizioni
    di legge e/o del vigente C.C.N.L., la costituzione del rapporto d’impiego con Pubbliche
    Amministrazioni, salvo che sia stato estinto il reato per il quale il concorrente è stato
    condannato, ovvero sia stata conseguita la riabilitazione, ai sensi dell'art. 178 c.p., alla data di
    scadenza del termine per la presentazione delle domande di ammissione alla procedura
    concorsuale;
    g) non essere stato destituito o dispensato dall'impiego presso una Pubblica
    Amministrazione per persistente insufficiente rendimento, ovvero non essere stato dichiarato
    decaduto da un impiego statale, ai sensi dell'art. 127, primo comma, lettera d), del T.U.
    approvato con D.P.R. 10/1/57, n. 3, così come previsto dall’art. 2, comma 3, del D.P.R. n.
    487/94 e s.m.i.;
    h) essere in possesso del titolo di studio previsto dal successivo art. 3.
    ---
    Continuano ad avere validità per l'accesso ai posti di educatore dei servizi educativi per
    l'infanzia i titoli conseguiti nell'ambito delle specifiche normative regionali - Deliberazione
    Giunta Regionale n. 490 del 21.10.2015 (pubblicata sul BURC n. 8 del 8.2.2016), ove non
    corrispondenti a quelli di cui al periodo precedente, conseguiti entro il 31.05.2017 (D.Lgs. 13
    aprile 2017, n. 65 - art. 14, comma 3), e precisamente:
     Laurea in Scienze dell’Educazione;
     Laurea in Scienze della Formazione oppure Educatore Professionale;
     Assistente Sociale;
    (sono le cd. “figure professionali di III livello”).
    Sono altresì valide le “Figure Professionali” di II livello che siano in possesso dei titoli di
    studio di:
     Maturità o diplomi di scuola magistrale;
     Diploma di istituto magistrale;
     Diploma di puericultrice;
     Altri titoli equipollenti.
    Dove va spedita la domanda: 
    Comune di Eboli - Servizio Personale, via Matteo Ripa, n. 49, 84025 - EBOLI (SA)
    PEC: comune@pec.comune.eboli.sa.it
    Contatta l'ente: 
    Servizio Personale del Comune di Eboli - (tel. 0828/328262 – e-mail: mg.caputo@comune.eboli.sa.it).
    www.comune.eboli.sa.it
    Prove d'esame: 
    Le prove d’esame consistono in una prova scritta ed in una prova orale.
    ---
    La prova scritta consisterà nello svolgimento di un elaborato sulle seguenti materie d'esame:
    - Elementi di psicologia e pedagogia dell’età evolutiva della prima infanzia (fascia di età
    da 0 a 3 anni);
    - L’osservazione e la documentazione: metodologie, tecniche e significati;
    - La progettazione educativa e la programmazione nel Nido d’infanzia: contenuti,
    metodologie e finalità;
    - Valutazione, costruzione e monitoraggio della qualità del servizio;
    - Spazi, arredi e materiali: il nido ed i suoi ambienti;
    - Gestione sociale dei gruppi e socializzazione tra bambini;
    - Conduzione della giornata educativa;
    - Affettività, figure di riferimento e costruzione delle relazioni tra adulti e bambini;
    - Il momento dell’“ambientamento“ nel Nido d’infanzia;
    - I momenti di routine (accoglienza e commiato, pranzo, sonno, igiene personale);
    - Le attività ludiche nel nido d’infanzia;
    - Imparare al nido: dimensioni cognitive, linguistiche e relazionali del percorso di crescita
    del bambino;
    - L’integrazione dei bambini in situazione di disabilità nel Nido d’infanzia;
    - L’educazione interculturale nel Nido d’infanzia;
    - La continuità educativa orizzontale (nido d’infanzia – famiglia): modalità e significati;
    - La continuità educativa verticale (nido d’infanzia – scuola infanzia);
    - Le relazioni all’interno del gruppo di lavoro: modalità e significati;
    - La normativa vigente relativa ai servizi per la prima infanzia.
    ---
    La prova orale verterà sulle materie oggetto della prova scritta nonché sui seguenti argomenti:
    Elementi di diritto amministrativo, con particolare riferimento:  all’ordinamento degli Enti Locali (D.Lgs. n. 267/00 e successive modifiche e
    integrazioni);  alla normativa in materia di protezione delle persone fisiche con riguardo al
    trattamento dei dati personali (Regolamento UE 2016/679);  alla disciplina del rapporto di lavoro nell’Ente Locale (D.Lgs. n. 165/01 e s.m.i.;
    C.C.N.L. vigenti);  al Codice di comportamento dei dipendenti pubblici.