• Accedi • Iscriviti gratis
  • 3 dirigente presso COMUNE DI PESARO

    Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di tre posti di dirigente a tempo indeterminato, con riserva di un posto al personale interno.

    Occupazione: 
    Posti disponibili: 
    3
    Scadenza: 
    20/06/2019
    Attenzione, concorso scaduto!
    Tipo: 
    concorso
    Cittadinanza: 
    Italiana
    Contratto: 
    tempo indeterminato
    Titolo di studio: 
    Requisiti: 
    pag.2
     programmare, gestire, valutare e rendicontare le attività ordinarie o straordinarie istituzionali ad esso
    attribuite;
     formulare piani e programmi di attività, sia a breve che a medio termine, assicurare la loro attuazione,
    verificare e controllare consuntivi economici e di attività e relativi scostamenti;
     formulare la proposta di budget economico, per la definizione del bilancio;
     definire l’organizzazione interna del servizio, l’amministrazione e gestione del personale assegnato,
    curandone lo sviluppo professionale e di carriera, nel quadro delle politiche generali del personale;
     gestire specifiche relazioni con le organizzazioni sindacali;
     provvedere alla programmazione, assegnazione e organizzazione del lavoro, delle attività e del
    personale e alla definizione degli obiettivi e dei programmi di lavoro delle unità dipendenti, gestire il
    sistema di valutazione delle prestazioni, adottare provvedimenti di mobilità del personale all’interno del
    Servizio;
     coordinare lo svolgimento dei processi; individuare i responsabili dei procedimenti; semplificare le
    procedure operative;
     esprimere i pareri di regolarità tecnica sulle proposte di deliberazione;
     proporre azioni e resistere in giudizio;
    È responsabile della attuazione degli obblighi di cui all’art.18 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. per il Servizio di
    competenza, ivi compresi quelli derivanti dall’eventuale delega da parte del Datore di Lavoro;
    Su delega del Sindaco è responsabile del trattamento dei dati personali e nomina gli incaricati;

    In relazione a tale ruolo e funzioni verrà privilegiata la comprovata esperienza pluriennale e la specifica
    professionalità.

    ART. 1 REQUISITI PER L’AMMISSIONE AL CONCORSO
    Per essere ammessi a partecipare al concorso pubblico è necessario possedere i seguenti requisiti:
    A. cittadinanza italiana (sono equiparati ai cittadini italiani gli italiani non appartenenti alla Repubblica)
    o di uno degli Stati membri dell’Unione Europea o status ad essa equiparato a norma di legge, al
    fine dell’assunzione alle dipendenze della pubblica amministrazione. Ai sensi dell’articolo 38,
    commi 1 e 3 bis, del decreto legislativo n. 165/2001 possono essere ammessi al concorso i
    familiari di cittadini di Stati membri dell’Unione Europea, non aventi la cittadinanza di uno Stato
    membro, purché titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente ovvero i
    cittadini di Paesi terzi purché titolari del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo
    periodo o titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria;
    B. godimento dei diritti civili e politici;
    C. età non inferiore ad anni 18 e non superiore a quella prevista dalle norme vigenti per il
    collocamento a riposo;
    D. non essere stati licenziati o destituiti o dichiarati decaduti dall'impiego presso una pubblica
    amministrazione;
    E. per i cittadini italiani soggetti all'obbligo di leva: essere in posizione regolare nei confronti di tale
    obbligo;
    F. non aver riportato provvedimenti di destituzione o dispensa dall’impiego, ovvero non essere stati
    licenziati da una Pubblica Amministrazione per persistente, insufficiente rendimento ovvero non
    essere stati dichiarati decaduti da un pubblico impiego perché conseguito mediante la produzione
    di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile o licenziati per le medesime ragioni.
    G. non aver riportato condanne penali e non avere procedimenti penali pendenti che impediscano, ai
    sensi delle vigenti disposizioni in materia, la costituzione del rapporto d’impiego con la Pubblica
    Amministrazione;
    H. non trovarsi in alcuna situazione che possa comportare inconferibilità/incompatibilità dell’incarico
    dirigenziale ai sensi del D.Lgs. n. 39/2013.
    I. non essere stati condannati, anche con sentenza passata in giudicato per i reati previsti nel capo I
    del titolo II del libro II del Codice Penale, come disposto dall’art. 35 bis del D.Lgs. 165/2001;
    J. idoneità fisica allo svolgimento delle mansioni proprie del posto da ricoprire;
    K. possedere il seguente titolo di studio: laurea specialistica o magistrale oppure diploma di laurea
    conseguito secondo gli ordinamenti didattici previgenti al decreto ministeriale 3 novembre 1999, n.
    509;
    L. possedere almeno uno dei seguenti requisiti professionali:
     essere dipendenti di ruolo delle pubbliche amministrazioni, muniti di laurea, che abbiano
    compiuto almeno cinque anni di servizio o, se in possesso del dottorato di ricerca o del diploma
    di specializzazione conseguito presso le scuole di specializzazione individuate con decreto del
    Presidente del Consiglio dei ministri, di concerto con il Ministro dell'istruzione, dell'università e
    della ricerca, almeno tre anni di servizio, svolti in posizioni funzionali per l'accesso alle quali è
    richiesto il possesso del dottorato di ricerca o del diploma di laurea. Per i dipendenti delle
    amministrazioni pubbliche reclutati a seguito di corso-concorso, il periodo di servizio è ridotto a
    quattro anni. La posizione funzionale per l’accesso alla quale è richiesto il possesso del diploma
    di laurea è individuata nella posizione giuridica D del vigente ordinamento professionale del
    personale dipendente, ovvero in posizioni giuridiche di altri ordinamenti assimilabili, per
    contenuti, alla predetta posizione giuridica;
     essere in possesso della qualifica di dirigente in enti e strutture pubbliche non ricomprese nel
    campo di applicazione dell’art.1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e
    successive modifiche ed integrazioni, muniti del diploma di laurea, ed aver svolto per almeno
    due anni le funzioni dirigenziali;
     essere muniti del diploma di laurea, e aver ricoperto incarichi dirigenziali o equiparati in
    amministrazioni pubbliche per un periodo non inferiore a cinque anni;
     essere muniti del diploma di laurea ed avere maturato con servizio continuativo per almeno
    quattro anni presso enti od organismi internazionali, esperienze lavorative in posizioni funzionali
    apicali per le quali è richiesto il possesso del diploma di laurea.
    Dove va spedita la domanda: 
    protocollo generale del Comune di
    Pesaro entro il termine perentorio del 20 giugno 2019 tramite una delle seguenti modalità, con
    esclusione di qualsiasi altro mezzo:
    -. presentazione direttamente a mano in busta chiusa, all’Ufficio Protocollo del Comune di Pesaro sito
    L.go Mamiani 11, Pesaro – piano terra; sulla busta contenente la domanda il concorrente deve apporre il
    proprio nome, cognome, indirizzo, nonché la seguente dicitura: “Concorso pubblico per n. 3 posti di
    Dirigente”
    -. trasmissione da casella di posta elettronica certificata (PEC) alla casella di posta elettronica certificata
    istituzionale del Comune di Pesaro esclusivamente al seguente indirizzo: comune.pesaro@emarche.it, a
    pena di irricevibilità e conseguente esclusione; nell’oggetto della trasmissione va indicata la dicitura
    “Concorso pubblico per n. 3 posti di Dirigente” nonché il cognome ed il nome del candidato mittente;
    -. servizio postale con raccomandata con avviso di ricevimento indirizzata al Comune di Pesaro –
    Ufficio Protocollo – L.go Mamiani 11, 61121 Pesaro, purché la stessa pervenga al protocollo generale del
    Comune di Pesaro entro il termine perentorio di scadenza di cui sopra. Non sarà ritenuta valida la data di
    spedizione
    Contatta l'ente: 
    Per ogni informazione ci si potra' rivolgere al Comune di Pesaro
    presso:
    Sportello Informa&Servizi - largo Mamiani n. 11 (0721/387-400);
    Informa giovani (0721/387-775);
    Servizio amministrazione e risorse - U.O. Gestione del
    personale (0721/387-872-876-870).
    Prove d'esame: 
    pag.5

     Reati contro la pubblica amministrazione;
     Diritto dell’Unione Europea
     Economia delle amministrazioni pubbliche
     Management pubblico
     Diritto privato con particolare riguardo ai diritti reali, alle obbligazioni, ai contratti;
     Normativa in materia di gestione e disciplina di rapporto del lavoro del personale degli Enti Locali;
     Codice di comportamento e codice disciplinare dei pubblici dipendenti, compiti e responsabilità
    dirigenziali
     Norme in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro
     Normativa su appalti, gare e contratti
     Normativa in materia di servizi pubblici locali
     La gestione associata dei servizi
     Amministrazione e razionalizzazione del patrimonio degli EE.LL.;
     Progettazioni, appalti, direzione, contabilità e collaudo di opere pubbliche;
     Legislazione in materia ambientale;
     Legislazione in materia urbanistica; Sistema dei vincoli, ecc.;
     Legislazione in materia di Demanio e Patrimonio;
     Legislazione in materia di Espropriazioni;
     Testo unico in materia di società a partecipazione pubblica;
     Normativa in materia di anticorruzione, trasparenza e accesso civico;
     Esternalizzazione di funzioni e servizi;
     Metodologie e strumenti di programmazione e controllo
     Processi, lavoro e organizzazione
     Criteri e metodi di definizione della qualità dei servizi
     Piani e strumenti per il miglioramento delle relazioni con i cittadini
     Amministrazione digitale e conoscenza ed utilizzo dei principali strumenti software in ambiente
    Windows;
     Conoscenza della lingua inglese.
    ART. 6. PROVE DI ESAME
    Le fasi di concorso prevedono due prove scritte ed un colloquio, come segue:
    -A-. Luogo, data ed orario della prima prova scritta:
    * Luogo: Pesaro, Pala “Nino Pizza” via dell’ Esposizioni snc
    * Data: 25 giugno 2019
    * Orario: Ore 9,00.
    Tale avviso costituisce preavviso di almeno 15 giorni sulla data fissata per l’inizio della prova e vale come
    notifica di convocazione alla prova scritta per i candidati che hanno presentato la domanda di
    partecipazione nei termini.

    1° Prova scritta: la prova sulle materie di esame, potrà consistere, alternativamente e/o
    congiuntamente in:
    - redazione di un elaborato con uno o più quesiti;
    - soluzione di una serie di quesiti a risposta sintetica;
    - soluzione di una serie di test a risposta multipla;

    -B-. Luogo, data ed orario della seconda prova scritta:
    * Luogo: Pesaro, Pala “Nino Pizza” via dell’ Esposizioni snc
    * Data: 26 giugno 2019
    * Orario: Ore 9.00
    Tale avviso costituisce preavviso di almeno 15 giorni sulla data fissata per l’inizio della prova e vale come
    notifica di convocazione alla prova scritta per i candidati che hanno presentato la domanda di
    partecipazione nei termini.


    Comune
    di Pesaro




    pag.6
    2^Prova scritta consisterà nella redazione di un elaborato per la verifica del possesso delle
    conoscenze e competenze dei candidati, l’attitudine al ragionamento giuridico, la capacità di
    impostare analisi critiche di problemi complessi e di proporre soluzioni argomentate.

    - C-. Luogo, data ed orario della prova orale:
    Il colloquio si svolgerà a decorrere dall’ 8 luglio 2019 dalle ore 9.00 presso gli Uffici del Palazzo
    Comunale, Piazza del Popolo n.1, Pesaro.
    Tale avviso costituisce preavviso di almeno 15 giorni sulla data fissata per l’inizio della prova e vale come
    notifica di convocazione alla prova orale per i candidati che hanno presentato la domanda di partecipazione
    nei termini.