• Accedi • Iscriviti gratis
  • 2 posti poliziotto municipale presso Unione di Comuni Verona Est

    Selezione pubblica, per esami, per la copertura di due posti di agente di polizia locale, categoria C, a tempo indeterminato e pieno. (GU n.29 del 12-04-2019)

    Occupazione: 
    Luogo: 
    Posti disponibili: 
    2
    Scadenza: 
    29/04/2019
    Attenzione, concorso scaduto!
    Tipo: 
    concorso
    Cittadinanza: 
    Europea
    Contratto: 
    tempo indeterminato
    Titolo di studio: 
    Requisiti: 
    a. cittadinanza italiana oppure appartenenza ad uno dei paesi membri dell’Unione Europea ovvero
    familiare di cittadino di uno degli Stati membri dell’Unione Europea non avente la cittadinanza
    di uno Stato membro, purché titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno
    permanente; essere cittadino di Paesi terzi (extracomunitari) purché titolari di permesso di
    soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o titolare dello status di rifugiato ovvero dello
    status di protezione sussidiaria. Ai sensi dell’art. 3 del D.P.C.M. 7 febbraio 1994 n. 174 i
    cittadini degli stati membri dell’Unione europea e di Paesi terzi devono possedere ai fini
    dell’accesso ai posti della Pubblica amministrazione i seguenti requisiti:
    - godere dei diritti civili e politici negli stati di appartenenza o provenienza;
    - essere in possesso, fatta eccezione della cittadinanza italiana, di tutti gli altri requisiti
    previsti per i cittadini della Repubblica;
    - avere adeguata conoscenza della lingua italiana.
    b. avere un’età non inferiore agli anni 18.
    c. non avere riportato condanne penali e non avere procedimenti penali pendenti a proprio carico,
    salvo l’avvenuta riabilitazione, che impediscano ai sensi delle vigenti disposizioni in materia la
    costituzione del rapporto di impiego con la pubblica amministrazione;
    d. non aver subito condanna a pena detentiva per delitto non colposo o non essere stato sottoposto
    a misura di prevenzione;
    e. non essere stato espulso dalle Forze Armate o dai corpi militarmente organizzati;
    f. non essere stati destituiti o dispensati dall'impiego presso una pubblica amministrazione per
    persistente insufficiente rendimento o licenziati a seguito di procedimento disciplinare, ovvero
    non essere stati dichiarati decaduti per aver prodotto documenti falsi o viziati da invalidità non
    sanabile e inoltre non essere dipendenti dallo Stato o di enti pubblici collocati a riposo anche in
    applicazione di disposizioni a carattere transitorio o speciale;
    g. avere il godimento dei diritti civili e politici e, pertanto, non essere esclusi dall'elettorato
    politico attivo;
    h. (solo per i candidati di sesso maschile nati entro il 31/12/1985): essere in regola nei confronti
    degli obblighi di leva militare;
    i) non aver impedimenti al porto ed all’uso delle armi (ai sensi dell’art. 15 – comma 7 – della
    Legge n. 230/98, non possono partecipare al concorso coloro che hanno prestato servizio civile
    sostitutivo del servizio militare in qualità di “obiettori di coscienza”, trattandosi di impiego che
    comporta l’uso delle armi, a meno che non abbiano rinunciato allo status di “obiettore di
    coscienza” ai sensi del comma 7-ter del medesimo articolo);
    j) essere in possesso di patente abilitante alla guida di autovetture;
    k) essere in possesso dei seguenti requisiti psico-fisici, da accertarsi in sede di visita preassuntiva:
    - sana e robusta costituzione fisica e immunità da disturbi / imperfezioni psico-fisiche
    pregiudizievoli allo svolgimento dei compiti di istituto;
    - acutezza visiva non inferiore a 12 decimi complessivi con non meno di cinque decimi
    nell’occhio che vede meno;
    - normalità del senso cromatico e luminoso;
    - conservata capacità uditiva;
    l) essere in possesso di un diploma di maturità rilasciato da istituti secondari di secondo grado
    riconosciuti dall’ordinamento scolastico dello Stato Italiano. I candidati in possesso di titolo di
    studio conseguito all’estero saranno ammessi al concorso con riserva in attesa del
    riconoscimento di equivalenza del titolo di studio posseduto con quello richiesto dal presente
    bando, così come previsto dall’art. 38 del D. Lgs n. 165/2001. La richiesta di equivalenza deve
    essere rivolta al Dipartimento della Funzione Pubblica U.P.P.A. Servizio Reclutamento, Corso
    Vittorio Emanuele II n. 116, 00186 ROMA entro la data di scadenza del bando ed il candidato
    dovrà indicare nella domanda di partecipazione di aver avviato l’iter procedurale. Il decreto di
    riconoscimento del titolo deve essere posseduto e prodotto entro la data di approvazione della
    graduatoria finale di merito;
    m) non essere stato sottoposto a misura di prevenzione.
    Dove va spedita la domanda: 
    Unione di Comuni Verona Est, Piazzale Trento, 2 - 37030 Colognola ai Colli (VR)
    protocollogenerale@pec.unionevrest.it
    Contatta l'ente: 
    Vice Com. dott. Laura Regnoto, Comando Polizia Locale, Caldiero (VR) P.za Marcolungo 19 (tel. 045
    6152385, mail: regnoto.laura@unionevrest.it / agenti@unionevrest.it; fax 045 6170586).
    www.unionevrest.it
    Prove d'esame: 
    Preselezione
    Qualora il numero dei candidati ammessi alla selezione risulti superiore a 30, potrà darsi luogo ad una
    prova pre-selettiva consistente in quesiti a risposta multipla, da risolvere in un tempo predeterminato,
    sulle materie delle prove d’esame.
    ➢ Prima prova scritta: potrà consistere in un questionario formato da una serie di domande alle
    quali si deve rispondere in maniera sintetica e/o argomenti da trattare sinteticamente e/o da una
    serie di domande con risposte predefinite a scelta multipla, anche a carattere attitudinale.
    ➢ Seconda prova scritta a contenuto teorico-pratico: consisterà nella redazione di un elaborato
    finalizzato alla soluzione di uno o più quesiti tecnici posti dalla commissione o alla descrizione
    di una procedura e/o alla redazione di un atto e/o provvedimento sulle materie elencate all’art.
    8.
    ➢ Prova di efficienza fisica: consisterà, per i candidati di sesso maschile, nelle seguenti attività
    fisiche da eseguirsi in sequenza:
    a. corsa di 1.000 metri da compiersi nel tempo massimo di 4’45”:
    b. 4 sollevamenti alla sbarra continuativi da compiersi nel tempo massimo di 2’00”;
    c. 10 piegamenti sulle braccia da compiersi nel tempo massimo di 1’00”;
    mentre consisterà, per i candidati di sesso femminile, nelle seguenti prove da eseguirsi in
    sequenza:
    a. corsa di 1.000 metri da compiersi nel tempo massimo di 5’15”,
    b. 2 sollevamenti alla sbarra continuativi da compiersi nel tempo massimo di 2’00”;
    c. 5 piegamenti sulle braccia da compiersi nel tempo massimo di 1’00”.
    In caso di non superamento anche di una sola delle tre prove di efficienza fisica, gli aspiranti
    rispettivamente di genere maschile o femminile avranno la facoltà di ripetere l’intero ciclo di prove
    secondo la sequenza sopra stabilita. Gli aspiranti possono ripetere il ciclo di prove fisiche una sola
    volta.
    ➢ Valutazione psicoattitudinale: consisterà in un colloquio con uno psicologo, allo scopo di accertare
    l’idoneità o meno del candito ad assumere il ruolo di agente di polizia locale, nonché al porto delle
    armi in dotazione;
    ➢ Prova orale: consisterà in un colloquio individuale a contenuto tecnico professionale, mirato ad
    accertare le conoscenze tecniche specifiche dei candidati, la padronanza di uno o più argomenti, la
    capacità di sviluppare ragionamenti complessi nell’ambito degli stessi, e l'attitudine per le attività che
    il candidato sarà chiamato a svolgere.
    ---
    Le prove d’esame di cui al precedente art. 7 verteranno sul seguente programma:
    1. Nozioni di Diritto amministrativo con particolare riferimento alla L. 241/90 e s.m.i. “Nuove
    norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti
    amministrativi”, forme di accesso civico;
    2. Nozioni in materia di documentazione amministrativa: DPR 445/2000;
    3. Testo unico delle leggi sull’Ordinamento degli Enti Locali (D. Lgs. 267/2000) limitatamente
    alla parte I – Ordinamento istituzionale;
    4. Nozioni fondamentali in materia di pubblico impiego, diritti, doveri e responsabilità civile,
    amministrativa e penale dei pubblici dipendenti: D. Lgs 165/2001.
    5. Elementi di diritto penale e procedura penale con riferimento agli atti e alle procedure di Polizia
    Giudiziaria;
    6. Legge 24 Novembre 1981 n. 689 (Legge di depenalizzazione);
    7. Codice della strada;
    8. Nozioni sulla legislazione disciplinante le attività commerciali;
    9. Nozioni sulla legislazione disciplinante le attività di urbanistica, edilizia, smaltimento rifiuti e
    tutela dell’ambiente con riferimento all’attività di vigilanza della Polizia Locale;
    10. Legge quadro sull’Ordinamento della Polizia Locale L. 65/1986;
    11. Testo Unico delle leggi di Pubblica Sicurezza.