dirigente area finanziaria presso AGENZIA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO DELL'UMBRIA

Luogo: 
Posti disponibili: 
1
Scadenza: 
11/04/2019
Attenzione, concorso scaduto!
Tipo: 
Cittadinanza: 
Contratto: 
Titolo di studio: 

Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di un posto di dirigente economico finanziario, a tempo indeterminato.

Requisiti: 
1. Al concorso sono ammessi coloro che, alla data di scadenza del bando, siano in possesso dei seguenti requisiti: a) cittadinanza italiana. Sono equiparati ai cittadini gli italiani non appartenenti alla Repubblica e in possesso della cittadinanza di un altro Stato membro dell’Unione Europea; b) godimento dei diritti civili e politici; c) idoneità fisica all’impiego. L’Amministrazione si riserva di sottoporre a visita medica i vincitori del concorso, in base alla normativa vigente; d) posizione regolare nei confronti degli obblighi militari; e) possesso, ai sensi dell’art. 10 della legge regionale 1 febbraio 2005, n. 2: 1) per i dipendenti di ruolo delle pubbliche amministrazioni, di «cinque anni di servizio svolti in posizioni funzionali per le quali è richiesto il diploma di laurea», ovvero 2) per i dipendenti di aziende private, di «cinque anni di servizio in posizioni funzionali afferenti la carriera direttiva o dirigenziale»; f) uno dei seguenti titoli di studio: I. Diploma di laurea del vecchio ordinamento (DL) in Economia e Commercio o equipollente e in Giurisprudenza o equipollente; II. Laurea Specialistica (LS) della classe DM 509/99 equiparata a uno dei Diplomi di Laurea (DL) di cui al punto I.; III. Laurea Magistrale (LM) della classe DM 270/04 equiparata a uno dei Diplomi di Laurea (DL) di cui al punto I.; oppure altro diploma di laurea conseguito secondo il previgente ordinamento universitario, dichiarato equiparato o equipollente, ai fini dei pubblici concorsi, a uno o più dei titoli di studio sopra indicati. In quest'ultimo caso, l’equipollenza dovrà essere obbligatoriamente documentata tramite l’indicazione del relativo provvedimento legislativo o ministeriale. Non saranno effettuate ricerche preventive, né verranno rilasciati pareri al pubblico. Nel caso in cui il titolo di studio sia stato conseguito all’estero, il candidato dovrà allegare alla domanda di partecipazione idonea documentazione comprovante il riconoscimento da parte delle competenti autorità italiane che tale titolo è equipollente ad uno dei titoli di studio richiesti per l’accesso; g) assenza di condanne penali ovvero le condanne riportate o i procedimenti penali pendenti dei quali dovrà essere specificata la natura. 2. Non possono essere ammessi al concorso: a) coloro che siano esclusi dall’elettorato politico attivo; b) coloro che siano stati dispensati o destituiti dall’impiego presso una pubblica amministrazione. 3. I cittadini degli Stati membri dell’Unione europea devono, inoltre, possedere i seguenti requisiti: a) godere dei diritti civili e politici anche negli Stati di appartenenza o di provenienza; b) essere in possesso, fatta eccezione della titolarità della cittadinanza italiana, di tutti i requisiti previsti per i cittadini della Repubblica; c) avere adeguata conoscenza della lingua italiana. 4. I candidati privi di uno dei requisiti indicati ai commi 1, 2 e 3 sono esclusi, in qualunque momento, con provvedimento motivato, dal concorso. 5. L’Amministrazione procederà a idonei controlli sulla veridicità delle dichiarazioni contenute nella domanda di coloro che saranno dichiarati vincitori. Qualora dal controllo emerga la non veridicità del contenuto delle dichiarazioni del candidato, questi, oltre a rispondere ai sensi dell’art. 76 del DPR 445/2000, decadrà dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera. 6. La partecipazione alla procedura è disposta con riserva dell'accertamento del possesso dei requisiti stabiliti nel presente bando. La mancanza anche di uno solo dei requisiti sopra indicati comporta, in qualunque momento, l'esclusione dalla procedura, la quale viene disposta con atto motivato del dirigente del Servizio “Organizzazione e gestione risorse umane, finanziarie e servizi comuni".
Dove va spedita la domanda: 
a) consegnata a mano presso l'ufficio protocollo dell’ADiSU - Agenzia per il Diritto allo Studio Universitario dell’Umbria - Via Benedetta n. 14, 06123 - Perugia (dal lunedì al venerdì: dalle ore 9 alle ore 13; il martedì e il giovedì: dalle ore 15 alle ore 17). La data di presentazione è stabilita dal timbro apposto sulla domanda dall'ufficio protocollo ricevente; b) inviata per posta, mediante raccomandata con avviso di ricevimento, con indicazione sulla busta “CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI DIRIGENTE ECONOMICO FINANZIARIO A TEMPO INDETERMINATO”. La data di presentazione è stabilita dal timbro dell’ufficio postale accettante; c) inviata all’indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) adisu@pec.it
Contatta l'ente: 
Il Servizio “Organizzazione e gestione risorse umane, finanziarie e servizi comuni” – Via Benedetta, 14, 06123 Perugia – Dirigente Stefania Cardinali (indirizzo e-mail stefania.cardinali@adisu.umbria.it) è l’unità organizzativa responsabile del procedimento. Per eventuali chiarimenti e informazioni gli interessati potranno rivolgersi ai seguenti recapiti: - tel. 075 4693211 – 075 4693314 – indirizzo e-mail stefania.cardinali@adisu.umbria.it.
Prove d'esame: 
2. Le due prove sono volte ad accertare la preparazione del candidato sia sotto il profilo teorico sia sotto quello applicativo, al fine di verificare le conoscenze e competenze connesse alle funzioni dirigenziali da svolgere. La prova orale interdisciplinare mira ad accertare la preparazione e la professionalità dei candidati, nonché le capacità gestionali, organizzative e di direzione, in relazione al posto da ricoprire. 3. La prova orale sarà preceduta, altresì, dall’accertamento della conoscenza della lingua inglese, nonché dell’uso dei dispositivi e delle più diffuse applicazioni informatiche. 4. L’accertamento della conoscenza della lingua potrà essere effettuato tramite un colloquio o mediante traduzione a vista di un testo scritto fornito dalla Commissione. L’accertamento delle conoscenze informatiche potrà avvenire anche con l’utilizzo degli strumenti informatici. Non si procederà all’accertamento della conoscenza informatica e linguistica qualora questa venga attestata con idonea documentazione rilasciata da istituti pubblici o privati. 5. Il punteggio globale attribuito dalla Commissione esaminatrice sarà adeguatamente motivato, con una relazione dettagliata che dovrà essere inserita integralmente nel verbale dei lavori della suddetta Commissione d’esame. 6. Per lo svolgimento delle prove si osserveranno le norme di cui al regolamento regionale 19 marzo 2010, n. 6, nonché le norme di cui al DPR 9 maggio 1994, n. 487 e ss.mm.ii..

Concorsipubblici.com consiglia

Vuoi avere notifiche dei prossimi concorsi?
Registrati gratuitamente