istruttore direttivo legale presso COMUNE DI OLBIA

Occupazione: 
Luogo: 
Posti disponibili: 
1
Scadenza: 
07/02/2019
Attenzione, concorso scaduto!
Tipo: 
Cittadinanza: 
Contratto: 
Titolo di studio: 

Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura, a tempo indeterminato e pieno, di un posto di istruttore direttivo legale, avvocato, categoria D1.

Requisiti: 
1 C O M U N E D I O L B I A Provincia di Sassari Zona Omogenea Olbia – Tempio BANDO DI PUBBLICO CONCORSO PER TITOLI ED ESAMI PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO E PIENO DI UN POSTO NEL PROFILO PROFESSIONALE DI ISTRUTTORE DIRETTIVO LEGALE - AVVOCATO, CAT. D1 (Ai sensi dell’art. 1014, comma 4 e dell’art. 678, comma 9 del D.Lgs. 66/2010, con il presente concorso si determina una frazione di riserva di posto a favore dei volontari delle FF.AA. che verrà cumulata ad altre frazioni che si dovessero realizzare) IL DIRIGENTE DEL SETTORE SVILUPPO ECONOMICO, TURISMO, CULTURA, SPORT E PERSONALE Vista la deliberazione di Giunta Comunale n° 92 del 10/04/2018; Visti gli artt. 678 e 1014 del D.Lgs. n° 66/2010 “Codice dell’Ordinamento militare”; Visto il Regolamento sull’Ordinamento degli Uffici e dei Servizi; Visto il D.Lgs. n° 165/2001; Visto il D.P.R. 445/2000; Visto il D.Lgs. 198/2006 “Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell’art. 6 della L. 28 novembre 2005, n. 246”; Visto il C.C.N.L. del Comparto Funzioni Locali per il triennio 2016-2018. RENDE NOTO ART. 1 - Indizione del concorso 1. E’ indetto il pubblico concorso, per titoli ed esami, per la copertura a tempo indeterminato e pieno di un posto nel profilo professionale di Istruttore Direttivo Legale-Avvocato, Cat. D1. 2. Ai sensi dell’art. 1014, comma 4 e dell’art. 678, comma 9 del d.lgs. 66/2010, con il presente concorso si determina una frazione di riserva di posto a favore dei volontari delle FF.AA. che verrà cumulata ad altre frazioni che si dovessero realizzare. ART. 2 - Trattamento economico 1. Lo stipendio iniziale annuo lordo è quello previsto per la categoria D1 dal contratto del Comparto Funzioni Locali triennio 2016-2018, oltre alla tredicesima mensilità e, se ed in quanto dovuti, l’assegno per il nucleo familiare e le altre indennità previste dai vigenti C.C.N.L. e dagli accordi collettivi decentrati. ART. 3 - Requisiti generali e speciali per l’ammissione 1. Per l’ammissione al concorso è prescritto il possesso dei seguenti requisiti: a) cittadinanza italiana o di altro stato appartenente all’unione europea; b) età non inferiore agli anni 18 e non maggiore di anni 60 compiuti; c) idoneità fisica all’impiego; Approvato con determinazione n° 4635 del 05/12/2018 2 d) per i candidati sottoposti agli obblighi del servizio militare di leva o volontario ai sensi della legislazione vigente: posizione regolare nei riguardi di questi; e) possesso di uno dei seguenti titoli di studio unitamente all’abilitazione professionale: Laurea in Giurisprudenza ovvero Laurea specialistica (LS) appartenente alla classe 22/s Classe delle Lauree in Giurisprudenza ovvero Laurea Magistrale in Giurisprudenza (LMG/01) e comunque qualunque laurea che consenta il conseguimento dell’abilitazione professionale; è richiesta altresì, quale requisito speciale, l’iscrizione all’Albo degli Avvocati con almeno due anni di anzianità (per anno di iscrizione si considera un periodo di 365 giorni). (N.B. Per i titoli di studio conseguiti all’estero è necessario il riconoscimento ai sensi della normativa vigente. Qualora il provvedimento non sia stato ancora emanato il candidato sarà ammesso con riserva); f) non aver riportato condanne penali che impediscano, ai sensi delle vigenti disposizioni, la costituzione del rapporto di impiego con una Pubblica Amministrazione; g) non essere stati interdetti o sottoposti a misure che escludono, secondo le leggi vigenti, dalla nomina agli impieghi pubblici; h) non essere esclusi dall’elettorato politico attivo e non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego o dichiarati decaduti dall’impiego presso una pubblica amministrazione o licenziati a seguito di procedimento disciplinare; i) non sono inoltre ammessi al concorso coloro che siano stati collocati a riposo, ai sensi della Legge 24/05/1970 n° 336 e successive modifiche e integrazioni.
Dove va spedita la domanda: 
Dirigente del Settore Sviluppo Economico, Turismo, Cultura, Sport e Personale del Comune di Olbia - via Garibaldi n° 49 - CAP 07026 OLBIA, dovrà essere inviata, a pena di esclusione dal concorso, entro il termine perentorio di trenta giorni dalla data di pubblicazione di un estratto del presente bando sulla Gazzetta Ufficiale. 2. La domanda dovrà essere inviata per posta, preferibilmente a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, ovvero tramite corriere, ovvero dovrà essere presentata direttamente al Servizio del Personale - Via Garibaldi n° 49, 1° piano, dal lunedì al venerdì ore 10,00 - 13,00 e il lunedì e mercoledì ore 17,00 - 18,00 ove sarà protocollata. I concorrenti che si avvalgono di questa modalità di presentazione devono presentare al Servizio predetto anche una copia della domanda, sulla quale, ad attestazione della data di presentazione, verrà apposto il timbro di arrivo all’Ente. 3. Le domande inviate a mezzo corriere o presentate direttamente al Servizio del Personale devono pervenire all’Ente per la protocollazione entro e non oltre il termine perentorio di trenta giorni dalla data di pubblicazione del presente bando sulla Gazzetta Ufficiale. Le domande spedite a mezzo posta entro il termine di cui al comma 1, devono pervenire al protocollo dell’Ente, a pena di decadenza, entro i dieci giorni successivi alla scadenza dello stesso. La data di spedizione della domanda è comprovata dal timbro e data dell’Ufficio Postale accettante. 4. La domanda potrà altresì essere inviata entro il termine di cui al comma 1 del presente articolo, alla casella di posta elettronica certificata all’indirizzo PEC ufficio.personale@pec.comuneolbia.it
Contatta l'ente: 
Per i requisiti vedasi il bando integrale disponibile presso il servizio del personale - tel. 0789/52237 - 52281 - 52289 e sul sito istituzionale www.comune.olbia.at.it
Prove d'esame: 
5 4) Ulteriori titoli universitari: Scuola di specializzazione universitaria o Master universitari di I° e II° livello attinenti alle materie del concorso, massimo punti 0.6:  Scuola di specializzazione, punti 0,6;  Master universitario di II° livello, punti 0,3;  Master universitario di I° livello, punti 0,1: Titoli di servizio (fino ad un massimo di 4 punti) 1) Servizio prestato con contratto di lavoro subordinato presso pubbliche amministrazioni di cui all’art. 1, comma 2, del D.lgs. n° 165/2001, con funzioni di avvocato, punti 0.1 per ogni mese o frazione di mese superiore ai 15 giorni di servizio anche non continuativo; 2) Eventuali affidamenti dei servizi legali di cui all’Allegato IX del Codice dei contratti pubblici (al cui novero rientrano tutti i servizi giuridici che non siano esclusi a norma dell’articolo 17, comma 1, lettera d, del Codice dei contratti pubblici), di durata almeno annuale, presso pubbliche amministrazioni di cui all’art. 1, comma 2, del D.Lgs. n° 165/2001, punti 1 per affidamento; 3) Esercizio della professione di avvocato per periodi ulteriori rispetto ai due anni previsti per l’accesso, punti 0,5 all’anno (365 giorni anche non consecutivi). Titoli vari (fino ad un massimo di 2 punti) 1) Pubblicazioni attinenti alle materie del concorso, punti 0,2. 2. Saranno valutati esclusivamente i titoli a tal fine dichiarati in domanda o allegati ad essa e verificabili; non sono ammesse successive integrazioni. ART. 9 – Prove d’esame 1. Sono previste, nell’ordine: una preselezione (eventuale), due prove scritte a carattere teorico e/o teorico-pratico e una prova orale. Eventuale preselezione Qualora i candidati ammessi al concorso siano in numero superiore a quaranta, le prove saranno precedute da una preselezione consistente nella soluzione di quiz a risposta guidata vertenti sulle materie previste per le prove d’esame; saranno ammessi i primi venticinque. Il punteggio conseguito nella prova preselettiva non verrà considerato ai fini del punteggio finale. Le domande oggetto della prova preselettiva, verteranno sulle stesse materie previste per la prima prova scritta. La Commissione esaminatrice, per la predisposizione e la correzione della prova a quiz si potrà avvalere di un sistema computerizzato automatico anche attraverso il supporto di ditte esterne. Qualora la preselezione non fosse necessaria, ne verrà data comunicazione mediante il sito istituzionale dell’Ente. La prima prova scritta, a contenuto teorico, consisterà nella redazione di un motivato parere legale vertente su una o più delle seguenti materie:  Diritto Civile;  Diritto Amministrativo e degli Enti locali;  Diritto Processuale Civile;  Diritto Processuale Amministrativo;  Diritto Costituzionale;  Diritto del Lavoro;  Diritto degli Appalti Pubblici;  Diritto Urbanistico (normativa nazionale e regionale).  Testo Unico Espropriazioni (DPR 327/2001). La seconda prova scritta consisterà nella redazione di un atto giudiziario vertente su una o più delle materie oggetto della prima prova scritta. La prova orale consisterà in un colloquio interdisciplinare sulle materie delle prove scritte. 2. All’interno della prova orale si procederà altresì all’accertamento della conoscenza della lingua inglese, nonché di adeguate conoscenze informatiche mediante una prova teorica o pratica riguardante l’utilizzo del personal computer.

Concorsipubblici.com consiglia

Vuoi avere notifiche dei prossimi concorsi?
Registrati gratuitamente