66 collaboratore amministrativo presso AGENZIA NAZIONALE PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI

Occupazione: 
Luogo: 
Posti disponibili: 
66
Scadenza: 
13/12/2018
Attenzione, concorso scaduto!
Tipo: 
Cittadinanza: 
Contratto: 

Concorsi pubblici, per esami, per la copertura di sessantasei posti di vari profili professionali.

Requisiti: 
1. Per l’ammissione al concorso i candidati devono essere in possesso dei seguenti requisiti: a) cittadinanza italiana (sono equiparati ai cittadini italiani gli italiani non appartenenti alla Repubblica) o di uno degli Stati membri dell’Unione Europea. Ai sensi dell’articolo 38 del decreto legislativo n. 165/2001, come modificato dall’articolo 7, comma 1, della legge n. 97/2013, sono ammessi al concorso anche i familiari dei cittadini degli Stati membri dell’Unione europea che non hanno la cittadinanza di uno Stato membro e che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, nonché i cittadini di Paesi terzi che siano titolari del permesso di soggiorno CE per soggiorni di lungo periodo o che siano titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria. I cittadini degli Stati membri dell'Unione europea, nonché i sopraindicati soggetti di cui al suddetto articolo 38 del decreto legislativo n. 165/2001 e successive modificazioni, devono possedere tutti i requisiti richiesti ai cittadini della Repubblica, ad eccezione della cittadinanza italiana, godere dei diritti civili e politici nello Stato di appartenenza o di provenienza ed avere un’adeguata conoscenza della lingua italiana. b) uno tra i titoli universitari di seguito indicati: - laurea triennale (L) in Scienze dei servizi giuridici, Scienze dell’amministrazione e dell’organizzazione (rispettivamente classe L-14, L-16), ovvero ogni altro titolo di studio equiparato alle predette lauree ai sensi del decreto 9 luglio 2009 “Equiparazione tra classi delle lauree di cui all’ex decreto n. 509/1999 e classi delle lauree di cui all’ex decreto n. 270/2004, ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi” del Ministro dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca di concerto con il Ministro della Pubblica amministrazione e l’Innovazione, pubblicato sulla G. U. – serie generale – n. 233 del 7 ottobre 2009; - diploma di laurea (DL) in Giurisprudenza, Scienze politiche, ovvero laurea specialistica (LS) o laurea magistrale (LM) in una qualunque delle classi di lauree di possibile equiparazione ai sensi del decreto 9 luglio 2009 “Equiparazioni tra diplomi di lauree di vecchio ordinamento, lauree specialistiche (LS) ex decreto n. 509/1999 e lauree magistrali (LM) ex decreto n. 270/2004, ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi” del Ministro dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca di concerto con il Ministro della Pubblica amministrazione e l’Innovazione, pubblicato sulla G. U. – serie generale – n. 233 del 7 ottobre 2009, nonché ogni altro titolo di studio equipollente a dette lauree (DL o LS o LM) in base alla normativa vigente. I titoli universitari conseguiti all’estero saranno considerati utili purché riconosciuti equivalenti ad uno dei sopracitati titoli italiani. In tal caso, il candidato deve espressamente dichiarare nella propria domanda di partecipazione, a pena d’esclusione, gli estremi del provvedimento di equivalenza, ovvero di aver avviato l’iter per il riconoscimento dell’equivalenza del proprio titolo di studio, come previsto dalla normativa vigente. c) iscrizione nelle liste elettorali; d) godimento dei diritti politici negli Stati di appartenenza o di provenienza; e) idoneità fisica specifica incondizionata alle mansioni della posizione funzionale a concorso. L’AGENAS ha facoltà di sottoporre a visita medica di controllo i vincitori del concorso in base alla normativa vigente; f) non aver riportato condanne penali e non avere procedimenti penali in corso che impediscano, ai sensi delle vigenti disposizioni in materia, la costituzione ovvero il mantenimento di un rapporto di lavoro con una pubblica amministrazione; g) non essere stati destituiti o dispensati o licenziati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento ovvero non essere stati dichiarati decaduti o licenziati da altro impiego statale, per averlo conseguito mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile ai sensi dell’articolo 127, primo comma, lettera d) del decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3, e successive modificazioni; h) posizione regolare nei confronti degli obblighi militari limitatamente ai candidati per i quali sia previsto tale obbligo.
Dove va spedita la domanda: 
Il candidato dovrà produrre la propria domanda di partecipazione al concorso esclusivamente in via telematica
Contatta l'ente: 
sito internet dell’AGENAS www.agenas.it.
Prove d'esame: 
Pagina 9 di 11 Art. 6 (Commissione esaminatrice) 1. Con successiva deliberazione del Direttore generale dell’AGENAS sarà nominata la commissione esaminatrice, composta, ai sensi della normativa vigente, garantendo il rispetto delle situazioni di incompatibilità e pari opportunità previste dalla vigente normativa. 2. La commissione esaminatrice potrà essere integrata da un componente esperto nella lingua straniera inglese e da un componente esperto in informatica ai fini dell’espletamento delle prove di esame di cui al successivo articolo 8. 3. La commissione esaminatrice stabilisce preventivamente i criteri e le modalità di valutazione delle prove concorsuali da formalizzare nei relativi verbali, al fine di assegnare i punteggi da attribuire alle singole prove, che saranno espressi in trentesimi. Art. 7 (Preselezione e calendario delle prove) 1. In relazione al numero delle domande pervenute l’AGENAS si riserva la facoltà di effettuare una prova preselettiva, che consisterà in una serie di domande a risposta multipla e verterà su quesiti inerenti le materie attinenti al profilo a concorso, previste all’articolo 8. Per l’espletamento della preselezione l’AGENAS potrà avvalersi anche di aziende specializzate in selezione di personale sempre nel rispetto della normativa riguardante il trattamento dei dati. 2. I candidati dovranno presentarsi a sostenere l’eventuale prova preselettiva senza altro preavviso o invito, secondo le indicazioni contenute nell’articolo 5 del presente bando. 3. L’assenza del candidato alla prova preselettiva, quale ne sia la causa, comporterà l’esclusione dal concorso. 4. Ai sensi dell’articolo 20, comma 2-bis, della legge n. 104/1992, il candidato portatore di handicap affetto da invalidità uguale o superiore all'80% non è tenuto a sostenere la prova preselettiva eventualmente prevista. 5. Per sostenere le prove d’esame i candidati dovranno presentarsi muniti di un valido documento di riconoscimento. Art. 8 (Prove d’esame) 1. La Commissione esaminatrice sottoporrà i candidati alle seguenti prove d’esame: 1.1 una prova scritta su argomenti riguardanti una o più delle seguenti materie: diritto costituzionale, diritto penale (limitatamente ai reati contro la pubblica amministrazione), diritto amministrativo, diritto del lavoro (limitatamente alla disciplina del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche), diritto civile (limitatamente alle disposizioni contenute nei Libri III (Della proprietà), IV (Delle obbligazioni), V (Del lavoro) del codice civile), contratti ad evidenza pubblica, attività istituzionali e normativa dell’AGENAS, organizzazione enti del Servizio sanitario nazionale, organismi internazionali. Detta prova potrà consistere anche nella soluzione di quesiti a risposta sintetica. 1.2 una prova teorico pratica sulle materie d’esame di cui al punto precedente, consistente nella predisposizione di atti connessi alla qualificazione professionale richiesta, riferita alle attività istituzionali dell’AGENAS. 1.3 una prova orale vertente sulle materie oggetto della prova scritta e teorico-pratica, con particolare riferimento alla valutazione delle conoscenze dei processi amministrativi inerenti l’analisi e la verifica delle attività istituzionalmente affidate all’AGENAS. 2. Il superamento di ciascuna delle prove (scritta e teorico-pratica) è subordinato al raggiungimento di una valutazione di sufficienza espressa in termini numerici di almeno 21/30; il superamento della prova orale è subordinato al raggiungimento di una valutazione di sufficienza, espressa in termini numerici di almeno 21/30. 3. Nell’ambito della prova orale sarà accertata anche la conoscenza della lingua straniera inglese, tramite la lettura, la traduzione di testi e la conversazione in tale lingua. 4. Sarà inoltre accertata la conoscenza dell’utilizzo del personal computer e dei software applicativi più diffusi. 5. La votazione complessiva è determinata sommando il punteggio conseguito per la valutazione dei titoli, la media del punteggio realizzato nelle prove scritte e il punteggio attribuito alla prova orale.

Concorsipubblici.com consiglia

Vuoi avere notifiche dei prossimi concorsi?
Registrati gratuitamente