• Accedi • Iscriviti gratis
  • poliziotto municipale presso COMUNE DI VERBANIA

    Concorso pubblico, per esami, per la copertura di un posto di agente di polizia municipale, categoria C1, a tempo indeterminato e pieno, presso il Dipartimento di polizia municipale e servizi al territorio.

    Requisiti: 
    Per l’ammissione alla selezione è richiesto il possesso dei seguenti requisiti:

    - diploma quinquennale di scuola media superiore;
    - patente di guida categoria “A” e “B” (solo categoria “B” se conseguita prima del 26.4.1988);
    - di essere di sana e robusta costituzione fisica e di non avere imperfezioni fisiche o difetti che
    possano limitare lo svolgimento del servizio.

    Poiché l’art. 4, comma 1, lett. f) del vigente Regolamento del Corpo di Polizia Municipale prevede
    che il personale del Corpo assuma la qualità d’Agente di pubblica sicurezza ai sensi degli artt. 3 e
    5 della L. n. 7.3.1986, n. 65 e succ. mod., non potranno partecipare alla selezione i cittadini
    obiettori di coscienza ammessi al servizio civile a meno che non abbiano rinunciato allo status di
    obiettore di coscienza (D. Lgs. n. 66/2010 come modificato dal D. Lgs. n. 248/2012).


    La domanda di ammissione alla selezione, redatta in carta semplice ed indirizzata all’Ufficio
    Personale del Comune di Verbania, deve essere presentata direttamente all’Ufficio Protocollo dell’Ente, o spedita a mezzo raccomandata A/R, entro il termine perentorio del trentesimo
    giorno successivo a quello di pubblicazione del bando sulla Gazzetta Ufficiale della
    Repubblica - 4° sezione speciale.
    Nel caso di spedizione a mezzo raccomandata A.R., la domanda dovrà essere spedita entro il
    suddetto termine (farà fede la data di partenza riportata sul timbro postale).
    Ai sensi del D. L. n. 185/2008 convertito dalla L. n. 2/2009, è ammesso l'inoltro tramite invio alla
    casella di Posta Elettronica Certificata (P.E.C.) istituzionale.verbania@legalmail.it, mediante
    spedizione da una casella di posta elettronica certificata (P.E.C.), intestata unicamente ed
    univocamente al concorrente, oppure mediante spedizione da una qualsiasi casella di posta
    certificata (P.E.C.), munita di firma digitale incontrovertibile del concorrente.

    Se il candidato non dispone della firma digitale, la domanda di partecipazione dovrà risultare
    sottoscritta (firmata in calce) a pena di esclusione e corredata da documento di identità in corso di
    validità.
    In caso di utilizzo della PEC la data di ricezione è stabilita e comprovata dalla data di ricezione
    rilevati dalla casella di posta elettronica certificata (PEC) del Comune. Nel caso di invio telematico,
    il termine ultimo di invio, a pena di esclusione, resta comunque fissato nel giorno di scadenza del
    bando.

    I candidati dovranno allegare alla domanda una copia fotostatica (fronte/retro) di un
    documento di identità in corso di validità.

    La busta contenente la domanda di ammissione al concorso deve recare sulla facciata ove
    riportato l’indirizzo, “contiene domanda per concorso pubblico – agente di polizia
    municipale”.
    Sul retro della busta contente la domanda il candidato deve riportare il proprio nome,
    cognome, indirizzo.


    Nel caso di inoltro tramite posta elettronica certificata, nell’oggetto della mail specificare che
    trattasi di domanda di partecipazione a concorso pubblico – agente di polizia municipale.

    Non saranno ammesse le domande pervenute al protocollo di questo Ente oltre il termine
    sopra indicato, né le domande che non siano firmate in calce dal candidato.

    Il Comune di Verbania non assume alcuna responsabilità per la dispersione di comunicazioni
    dipendente da inesatta indicazione del recapito oppure da mancata o tardiva comunicazione
    del cambiamento di indirizzo indicato nella domanda, né per eventuali disguidi postali o,
    comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore.

    Nella domanda di ammissione, redatta in carta semplice, in conformità al modello allegato, gli
    aspiranti devono dichiarare, assumendosene la responsabilità anche nelle eventuali sedi penali
    per dichiarazioni mendaci ai sensi dell’art. 76 del D.P.R. 445/2000, quanto segue:
    - le proprie generalità complete, cognome, nome, luogo e data di nascita, domicilio fiscale
    ed il preciso recapito, numero di cellulare ed indirizzo mail;
    - di non aver riportato condanne penali e di non avere procedimenti penali in corso (in caso
    affermativo indicare le condanne riportate e/o procedimenti penali pendenti in corso);
    - di essere cittadino italiano (si veda nota sotto riportata)
    - il Comune nelle cui liste elettorali risulta iscritto ovvero i motivi della non iscrizione o
    cancellazione;
    - di non essere stato destituito o dispensato dall’impiego presso una Pubblica
    Amministrazione;
    - la posizione nei riguardi degli obblighi militari (per i candidati di sesso maschile);
    - di essere fisicamente idoneo all’impiego;
    - il possesso del Diploma quinquennale di scuola media superiore (si dovrà specificare in
    quale Istituto è stato conseguito il diploma e la data); - Per i titoli conseguiti all’estero l’ammissione è subordinata al riconoscimento
    dell’equipollenza ai titoli italiani;
    - il possesso della patente di guida categoria “A” e “B” (solo categoria “B” se conseguita
    prima del 26.4.1988);
    - di essere di sana e robusta costituzione fisica e di non avere imperfezioni fisiche o difetti
    che possano limitare lo svolgimento del servizio
    - di autorizzare il Comune di Verbania ad utilizzare i dati personali in tutti gli atti inerenti l’iter
    concorsuale, nel rispetto del D. Lgs. n. 196/2003;
    - di accettare, senza riserva, di sottostare a tutte le condizioni e norme previste dai
    regolamenti vigenti nel tempo presso il Comune di Verbania e le loro eventuali
    modificazioni.

    Alla domanda di partecipazione dovranno essere allegati:
    • copia fotostatica (fronte/retro) di un documento di identità in corso di validità;
    • curriculum vitae;

    Nota: si riporta l’art. 38 del D. Lgs. 165/2001 e s. m. e. i. “Accesso dei cittadini degli Stati membri della
    Unione europea”: I cittadini degli Stati membri dell’Unione europea e i loro familiari non aventi la cittadinanza
    di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente possono
    accedere ai posti di lavoro presso le amministrazioni pubbliche che non implicano esercizio diretto o indiretto
    di pubblici poteri, ovvero non attengono alla tutela dell’interesse nazionale.
    2. Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, ai sensi dell’articolo 17 della legge 23 agosto 1988, n. 400, e
    successive modificazioni ed integrazioni, sono individuati i posti e le funzioni per i quali non può prescindersi dal
    possesso della cittadinanza italiana, nonché i requisiti indispensabili all’accesso dei cittadini di cui al comma 1.
    3. Nei casi in cui non sia intervenuta una disciplina adottata al livello dell’Unione europea, all’equiparazione dei titoli di
    studio e professionali provvede la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della funzione pubblica, sentito il
    Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca. Secondo le disposizioni del primo periodo è altresì stabilita
    l’equivalenza tra i titoli accademici e di servizio rilevanti ai fini dell’ammissione al concorso e della nomina.
    3-bis. Le disposizioni di cui ai commi 1, 2 e 3 si applicano ai cittadini di Paesi terzi che siano titolari del permesso di
    soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o che siano titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di
    protezione sussidiaria.
    3-ter. Sono fatte salve, in ogni caso, le disposizioni di cui all’articolo 1 del decreto del Presidente della Repubblica 26
    luglio 1976, n. 752, in materia di conoscenza della lingua italiana e di quella tedesca per le assunzioni al pubblico
    impiego nella provincia autonoma di Bolzano.

    L’obbligatoria sottoscrizione della domanda non è soggetta ad autenticazione.
    La mancata sottoscrizione della domanda costituisce vizio insanabile e comporterà
    l’esclusione dal concorso in oggetto.
    I requisiti sopra elencati devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito nel
    bando di concorso per la presentazione della domanda di ammissione (art. 2, comma 2°, D.P.R.
    487/94).
    L’Amministrazione potrà disporre in ogni momento, con provvedimento motivato, l’esclusione dal
    concorso per difetto dei requisiti prescritti.

    Per la domanda occorre fare riferimento al modello allegato.
    Dove va spedita la domanda: 
    La domanda di ammissione alla selezione, redatta in carta semplice ed indirizzata all’Ufficio
    Personale del Comune di Verbania, deve essere presentata direttamente all’Ufficio Protocollo dell’Ente, o spedita a mezzo raccomandata A/R, entro il termine perentorio del trentesimo
    giorno successivo a quello di pubblicazione del bando sulla Gazzetta Ufficiale della
    Repubblica - 4° sezione speciale.
    Nel caso di spedizione a mezzo raccomandata A.R., la domanda dovrà essere spedita entro il
    suddetto termine (farà fede la data di partenza riportata sul timbro postale).
    Ai sensi del D. L. n. 185/2008 convertito dalla L. n. 2/2009, è ammesso l'inoltro tramite invio alla
    casella di Posta Elettronica Certificata (P.E.C.) istituzionale.verbania@legalmail.it
    Contatta l'ente: 
    Per informazioni: Comune di Verbania, tel. 0323/542229 - 228 -249 - 265 o sito internet www.comune.verbania.it
    Prove d'esame: 
    La selezione prevede:
    1. una preselezione – che si effettuerà solo nel caso in cui pervengano più di 100 domande;
    2. una prova scritta cui saranno ammessi i candidati, in regola con i requisiti di ammissione,
    ovvero, nel caso di preselezione i 50 candidati che avranno ottenuto i migliori punteggi nella prova
    preselettiva (tale numero sarà comunque integrato da tutti coloro che avranno conseguito il
    medesimo punteggio dell’ultimo candidato individuato);
    3. un colloquio cui saranno ammessi tutti i candidati che abbiano conseguito una valutazione nella
    prova scritta di almeno 35/50.

    TEST DI PRESELEZIONE
    La prova preselettiva consisterà nella somministrazione di un questionario, da svolgersi in un
    tempo predeterminato, contenente domande a risposte multiple e/o risposte sintetiche vertenti su:
    1. cultura generale
    2. materie d’esame previste per la successiva prova scritta.

    La votazione della prova preselettiva, non concorre alla costituzione del punteggio utile ai
    fini dell’inserimento nella graduatoria finale di merito.

    Gli esami verteranno su:

    PRIMA PROVA SCRITTA: nozioni di Diritto costituzionale e/o Diritto amministrativo; nozioni di
    Diritto penale e/o Procedura penale; Codice della Strada; Depenalizzazione (legge 689/81 e
    s.m.i.); Legislazione degli Enti Locali; Disciplina del Commercio; Testo Unico sulle Leggi di
    Pubblica Sicurezza; Legislazione nazionale e regionale in materia di Polizia Locale.

    PROVA ORALE: materie della prova scritta; conoscenze informatiche elementari ed accertamento
    della conoscenza della lingua straniera inglese (art.37 D.Lgs. 165/2001).


    La conoscenza della lingua straniera e delle nozioni informatiche verranno verificate al termine del
    colloquio, unicamente al fine del rilascio dell’idoneità.

    La Commissione dispone complessivamente di 100 punti così ripartiti:

    - 50 punti prova scritta
    - 50 punti prova orale.


    Conseguono l’ammissione alla prova orale i candidati che abbiano riportato nella prova scritta una
    votazione di almeno 35/50.
    La prova orale si intende superata con una valutazione di almeno 35/50.


    I candidati dovranno presentarsi alle prove d’esame muniti di un valido documento legale di
    riconoscimento. La mancata presentazione equivarrà alla rinuncia al concorso.