• Accedi • Iscriviti gratis
  • 2 medico del Lavoro presso AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA

    Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura a tempo indeterminato di due posti di dirigente medico, disciplina di medicina del lavoro e sicurezza ambienti di lavoro, area di sanita' medica, per la U.O.C. Medicina prevenzione e valutazione del rischio.

    Occupazione: 
    Luogo: 
    Posti disponibili: 
    2
    Scadenza: 
    18/10/2018
    Attenzione, concorso scaduto!
    Tipo: 
    concorso
    Cittadinanza: 
    Italiana
    Contratto: 
    tempo indeterminato
    Titolo di studio: 
    Requisiti: 
    Al concorso sono ammessi i candidati dell’uno e dell’altro sesso (L. n. 125/1991, art. 4)
    in possesso dei seguenti requisiti:

    Requisiti generali:

    a) Cittadini di uno degli Stati membri dell’Unione Europea, o loro familiari non aventi la
    cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di
    soggiorno permanente, ovvero cittadini di Paesi Terzi che siano titolari del permesso di
    soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo o che siano titolari dello status di rifugiato o di
    protezione sussidiaria (art. 38 D.lgs 165/2001);

    b) idoneità fisica all’impiego: l’accertamento di tale requisito – con l’osservanza delle norme in
    tema di categorie protette – sarà effettuato, a cura dell’amministrazione, prima dell’immissione in servizio. E’ dispensato dalla visita medica il personale dipendente da pubbliche
    amministrazioni e il personale dipendente dagli istituti, ospedali ed enti di cui agli artt. 25 e 26,
    comma 1, del D.P.R. 20 dicembre 1979, n. 761.

    Requisiti specifici:

    c) titoli di studio:
    - laurea in medicina e chirurgia;
    - specializzazione nella disciplina oggetto del concorso o in disciplina equipollente ovvero
    specializzazione in disciplina affine, come da individuazione con Decreti Ministeriali 30 gennaio
    1998 e 31 gennaio 1998 e successive modificazioni ed integrazioni.
    d) iscrizione all’albo dell’ordine dei medici-chirurghi. L’iscrizione al corrispondente albo
    professionale di uno dei Paesi dell’Unione europea consente la partecipazione al concorso, fermo
    restando l’obbligo dell’iscrizione all’albo in Italia prima dell’assunzione in servizio.

    Il personale del Ruolo Sanitario in servizio di ruolo alla data del 1/02/1998 (entrata in
    vigore del D.P.R. n. 483/1997) è esentato dal requisito della specializzazione nella disciplina
    relativa al posto già ricoperto a tale data per la partecipazione ai concorsi presso le Unità
    Sanitarie Locali e le Aziende Ospedaliere diverse da quella di appartenenza (art. 56, comma 2).

    I candidati che hanno conseguito il titolo di studio all’estero dovranno allegare idonea
    documentazione attestante il riconoscimento del proprio titolo di studio con quello italiano
    richiesto ai fini dell’ammissione, in conformità della vigente normativa nazionale e comunitaria.

    Non possono accedere agli impieghi coloro che siano stati esclusi dall’elettorato attivo
    nonché coloro che siano stati dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per
    aver conseguito l’impiego stesso mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità
    non sanabile.

    I candidati eventualmente in possesso di “opportuna esperienza nell'attività di medico
    competente, in particolare nella sorveglianza sanitaria degli operatori sanitari", dovranno
    darne particolare evidenza nella presentazione della domanda.

    I requisiti prescritti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito nel
    presente bando per la presentazione della domanda di ammissione al concorso.
    Il difetto anche di uno solo di tali requisiti comporta la non ammissione al concorso.
    Dove va spedita la domanda: 
    La domanda di partecipazione al concorso, dovrà essere ESCLUSIVAMENTE
    PRODOTTA TRAMITE PROCEDURA TELEMATICA
    Contatta l'ente: 
    Per ulteriori informazioni telefoniche rivolgersi alla U.O.C.
    Risorse umane - procedure concorsuali - azienda ospedaliera di Padova
    - tel. 049/821.8206 - 3938 - 3793 dalle ore 9,00 alle ore 12,00.

    Prove d'esame: 
    7
    b) servizio di ruolo quale medico presso pubbliche amministrazioni nelle varie qualifiche secondo i
    rispettivi ordinamenti, punti 0, 50 per anno.

    I periodi di effettivo servizio militare di leva, di richiamo alle armi, di ferma volontaria e di
    rafferma, prestati presso le Forze armate e nell’Arma dei carabinieri sono valutati con i
    corrispondenti punteggi previsti per i concorsi disciplinati dal più volte citato D.P.R. n. 483/1997
    per i servizi presso pubbliche amministrazioni.

    Per le attività espletate in base a rapporti convenzionali di cui all’art. 21 comma 1 del
    predetto decreto, i relativi certificati di servizio devono contenere l’indicazione dell’orario di
    attività settimanale.

    Titoli accademici e di studio ( max p. 3)
    a) specializzazione nella disciplina oggetto del concorso, punti 1,00;
    b) specializzazione in una disciplina affine, punti 0,50;
    c) specializzazione in altra disciplina, punti 0,25;
    d) altre specializzazioni di ciascun gruppo da valutare con i punteggi di cui sopra ridotti del 50 per
    cento;
    e) altre lauree, oltre quella richiesta per l’ammissione al concorso comprese tra quelle previste per
    l’appartenenza al ruolo sanitario, punti 0,50 per ognuna, fino ad un massimo di punti 1,00.

    Per la valutazione delle pubblicazioni e titoli scientifici (max punti 3) nonché del
    curriculum formativo e professionale (max punti 4), si applicano i criteri previsti dall’art. 11 del
    decreto n. 483/1997.

    7. COMMISSIONE ESAMINATRICE E PROVE D’ESAME

    La Commissione sarà costituita come stabilito dagli articoli 5, 6 e 25 del D.P.R. n.
    483/1997.
    Le prove d’esame sono le seguenti:
    Prova scritta (max punti 30):
    relazione su caso clinico simulato o su argomenti inerenti alla disciplina messa a concorso
    o soluzione di una serie di quesiti a risposta sintetica inerenti alla disciplina stessa.

    Prova pratica (max punti 30):
    su tecniche e manualità peculiari della disciplina messa a concorso. Per le discipline
    dell'area chirurgica la prova, in relazione anche al numero dei candidati, si svolge su
    cadavere o materiale anatomico in sala autoptica, ovvero con altra modalità a giudizio
    insindacabile della commissione. La prova pratica deve comunque essere anche illustrata
    schematicamente per iscritto.

    Prova orale (max punti 20):
    sulle materie inerenti alla disciplina a concorso, nonché sui compiti connessi alla funzione
    da conferire.

    N.B.: La data e la sede in cui si svolgeranno le prove saranno comunicate ai candidati, a
    cura della Commissione esaminatrice, con lettera raccomandata con avviso di ricevimento,
    almeno venti giorni prima della data fissata per l’espletamento delle medesime, ovvero tramite PEC, se indicata, ovvero inviata tramite mail, all’indirizzo indicato. Tale
    comunicazione sarà pubblicata anche nel sito internet dell’Azienda Ospedaliera alla
    sezione “Concorsi e Avvisi” – “Concorsi Pubblici” – “Calendari e esiti prove”.

    Si invitano i candidati ad indicare nell’anagrafica della domanda on line l’indirizzo
    PEC a cui inviare le comunicazioni relative al concorso.

    Alla prova scritta i candidati devono presentarsi muniti dei seguenti documenti:

    a) e mail di conferma iscrizione concorso
    b) la domanda di iscrizione, allegata alla email, stampata e firmata
    c) originale e relativa fotocopia del documento di riconoscimento valido dichiarato nella
    domanda.

    Ove la Commissione stabilisca di non procedere nello stesso giorno all’effettuazione di
    tutte le prove, la data delle stesse sarà comunicata ai concorrenti, con lettera raccomandata con
    avviso di ricevimento, non meno di quindici giorni prima dell’inizio delle prove scritte ed
    almeno venti giorni prima di quello della prova orale.
    Il superamento di ciascuna delle previste prove d’esame è subordinata al raggiungimento di
    una valutazione di sufficienza, corrispondente a 21/30 per la prova scritta e per la prova pratica e
    14/20 per la prova orale.
    La valutazione di merito delle prove giudicate sufficienti è espressa da un punteggio
    compreso tra quello minimo per ottenere la sufficienza e quello massimo attribuibile per
    ciascuna prova.
    L’ammissione alla prova pratica è subordinata al raggiungimento di una valutazione di
    sufficienza nella prova scritta.
    L’ammissione alla prova orale è subordinata al conseguimento di una valutazione di
    sufficienza nella prova pratica.
    I candidati che non si presenteranno a sostenere le prove di concorso nei giorni, nell’ora e
    nella sede stabilita, saranno dichiarati esclusi dal concorso, qualunque sia la causa dell’assenza
    anche se non dipendente dalla volontà dei singoli concorrenti.