• Accedi • Iscriviti gratis
  • 5 posti presso Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia Autonoma di Trento

    Concorso pubblico, per esami, per la copertura a tempo indeterminato di quattro posti di dirigente medico, varie discipline, e di un posto di collaboratore professionale sanitario, terapista occupazionale. (GU n.71 del 07-09-2018)

    Requisiti: 
    1. età non inferiore agli anni 18 compiuti e non superiore all’età legalmente prevista per il
    collocamento a riposo nel Servizio Sanitario Nazionale;
    2. essere cittadini italiani o equiparati ai fini dell’accesso al pubblico impiego. Sono equiparati
    ai cittadini italiani:
    - gli italiani non appartenenti alla Repubblica;
    - i cittadini di altro stato appartenente all’Unione europea;
    - i familiari di cittadini degli Stati membri dell'Unione europea, non aventi la cittadinanza
    di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno
    permanente;
    - i cittadini di Paesi terzi che siano titolari del permesso di soggiorno CE per soggiornanti
    di lungo periodo;
    - i titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria.
    I cittadini di altro stato appartenente all’Unione europea ed i cittadini di Paesi terzi, con
    esclusione di coloro che sono titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di
    protezione sussidiaria, devono godere dei diritti civili e politici nello Stato di provenienza.
    3. possedere un’adeguata conoscenza della lingua italiana, rapportata alla posizione
    professionale da ricoprire;
    4. idoneità fisica all’impiego; l’eventuale assunzione può essere subordinata alla visita medica
    preassuntiva di cui alla vigente normativa in materia;
    5. immunità da condanne che comportino l’interdizione dai pubblici uffici, perpetua o
    temporanea. L’interdizione temporanea preclude l’accesso all’impiego per il periodo
    dell’interdizione stessa;
    6. non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo;
    7. non essere stati destituiti, licenziati o dichiarati decaduti dall’impiego:
    - per aver conseguito l’assunzione mediante la produzione di documenti falsi o viziati da
    invalidità non sanabile;
    - per lo svolgimento di attività incompatibile con il rapporto di lavoro alle dipendenze della
    pubblica amministrazione;
    8. per i cittadini soggetti all'obbligo di leva: essere in posizione regolare nei confronti di tale
    obbligo;
    9. non essere dipendente a tempo indeterminato dell’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari
    di Trento nello stesso profilo professionale cui si riferisce la procedura.
    ---
    È altresì richiesto il possesso dei seguenti requisiti specifici:
    a) laurea magistrale in Medicina e Chirurgia – classe delle lauree magistrali LM-41
    ovvero
    laurea specialistica in Medicina e Chirurgia – classe delle lauree specialistiche 46/S
    ovvero
    laurea in Medicina e Chirurgia (vecchio ordinamento)
    b) iscrizione all’albo dell’Ordine dei Medici – Chirurghi
    L’iscrizione al corrispondente albo professionale di uno dei Paesi dell’Unione europea consente
    la partecipazione al concorso, fermo restando l’obbligo dell’iscrizione all’albo in Italia prima
    dell’assunzione in servizio.
    c) specializzazione nella disciplina a concorso o in disciplina equipollente o in disciplina affine,
    come da individuazione con decreti del Ministero della Sanità 30 gennaio 1998 e 31 gennaio
    1998 e successive modifiche e integrazioni.
    Il personale del ruolo sanitario in servizio di ruolo in qualità di Dirigente medico nella disciplina
    a concorso alla data di entrata in vigore del D.P.R. 10 dicembre 1997, n. 483 (01 febbraio 1998)
    presso U.S.L. o Aziende Ospedaliere è esentato dal possesso del requisito della specializzazione
    ai sensi dell’art. 56 dello stesso decreto.
    ---
    È altresì richiesto il possesso dei seguenti requisiti specifici:
    a) laurea in Terapia occupazionale appartenente alla classe delle lauree nelle professioni sanitarie
    della riabilitazione L/SNT 2;
    oppure
    diploma universitario di Terapista occupazionale conseguito ai sensi dell’articolo 6, comma 3,
    del Decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni;
    oppure
    titolo conseguito in base al precedente ordinamento, riconosciuto equipollente al diploma
    universitario (art. 1 del Decreto del Ministero della Sanità 27 luglio 2000 – Gazzetta Ufficiale n.
    189 del 14 agosto 2000):
    Terapista occupazionale – Decreto del Presidente della Repubblica n. 162 del 10 marzo 1982
    oppure
    titolo riconosciuto a seguito di opzione ai sensi dell’art. 2 del Decreto del Ministero della Sanità
    27 luglio 2000 – Gazzetta Ufficiale n. 189 del 14 agosto 2000
    oppure
    titolo conseguito all’estero riconosciuto equipollente a quello italiano con Decreto del Ministero
    della salute.
    b) dichiarazione di aver presentato istanza di iscrizione all’Albo dei Terapisti Occupazionali
    presso l’Ordine dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche,
    della riabilitazione e della prevenzione (Ordine TSRM PSTRP). Al termine del
    perfezionamento della relativa iscrizione all’albo, il candidato dovrà comunicare all’Azienda
    l’esito della stessa.
    Dove va spedita la domanda: 
    La domanda deve essere compilata e inviata esclusivamente online, secondo le indicazioni riportate nell'avviso di selezione.
    Contatta l'ente: 
    Azienda provinciale per i servizi sanitari, via Degasperi n. 79,
    38123 Trento.
    Telefono: 0461/904085-92-96-97-95.
    http://www.apss.tn.it
    Prove d'esame: 
    Le prove d'esame consistono in:
    a) una prova scritta consistente in un tema o quesiti a risposta sintetica;
    b) una prova pratica rivolta ad accertare nel concreto le capacità dei concorrenti in relazione alla
    specifica professionalità richiesta.
    c) una prova orale; la prova orale è volta altresì ad accertare l’attitudine e la professionalità
    del candidato con riferimento alle attività che è chiamato a svolgere; a tal fine la
    commissione terrà conto anche del curriculum vitae complessivo del candidato.