• Accedi • Iscriviti gratis
  • 2 ostetrica presso AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE VIBO VALENTIA

    Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di due posti di collaboratore professionale sanitario, ostetrica, categoria D.

    Occupazione: 
    Posti disponibili: 
    2
    Scadenza: 
    13/09/2018
    Attenzione, concorso scaduto!
    Tipo: 
    Cittadinanza: 
    Titolo di studio: 
    Requisiti: 
    Gli aspiranti all’incarico, devono essere in possesso dei requisiti generali di cui all’art. 2 del D.P.R. n. 220/2001 e
    dal D.Lgs. n. 165/2001:
    a) cittadinanza italiana, salve le equiparazioni stabilite dalle leggi vigenti, o cittadinanza di uno dei Paesi
    dell’Unione europea;
    b) idoneità fisica all’impiego. L’accertamento della idoneità fisica all’impiego, è effettuato, a cura dell’Azienda
    Sanitaria Provinciale di Vibo Valentia, prima dell’immissione in servizio;
    c) titolo di studio previsto per l’accesso alla professione di cui in epigrafe;
    d) iscrizione all’albo professionale, ove richiesto, per l’esercizio professionale. L’autodichiarazione dovrà contenere
    la data (giorno/mese/anno), il numero ed il luogo di iscrizione. L'iscrizione al corrispondente albo professionale di
    uno dei Paesi dell'Unione Europea, ove prevista, consente la partecipazione al concorso, fermo restando l'obbligo
    della iscrizione all'albo in Italia prima dell'assunzione in servizio.

    Non possono accedere all’impiego coloro che siano esclusi dall’elettorato politico attivo e coloro che siano stati
    destituiti o dispensati dall’impiego presso pubbliche amministrazioni.

    Si prescinde dal limite di età, a norma dell’art. 3, comma 6, della legge 15/05/97, n. 127.

    2) Requisiti specifici di ammissione:

    I requisiti specifici di ammissione al concorso sono i seguenti:

    Il titolo di studio per l’ammissione, ai sensi dell’art. 30, comma 1, del DPR n. 220/2001 è il seguente:
    diploma universitario del profilo professionale in epigrafe specificato, conseguiti ai sensi dell’art. 6, comma 3, del
    D.lgs. 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, ovvero i diplomi ed attestati conseguiti in base al
    precedente ordinamento, riconosciuti equipollenti, ai sensi delle vigenti disposizioni, al diploma universitario ai fini
    dell’esercizio dell’attività professionale e dell’accesso ai pubblici uffici.

    I requisiti sia generali che specifici indicati negli artt. 1 e 2 del presente bando devono essere posseduti alla
    data di scadenza del termine stabilito per la presentazione delle domande di ammissione.

    Ai sensi dell’art. 7 del D.Lgs. n. 165/2001 è garantita parità e pari opportunità tra uomini e donne per
    l’accesso al lavoro ed al relativo trattamento sul lavoro.
    Dove va spedita la domanda: 
    Domanda di ammissione: la domanda di partecipazione, secondo le
    modalita' indicate sul bando di concorso, redatta in carta semplice,
    datata, firmata (senza necessita' di autentica della firma) e
    contenente la prescritta documentazione, deve essere consegnata a
    mano o spedita a mezzo servizio postale all'ufficio protocollo
    dell'azienda o mediante PEC all'indirizzo: aspvibovalentia@pec.it
    (valido solo per messaggi provenienti da casella di posta
    certificata) entro e non oltre il trentesimo giorno successivo alla
    data di pubblicazione del presente avviso nella Gazzetta Ufficiale
    della Repubblica italiana, al seguente indirizzo: direttore generale
    dell'Azienda Sanitaria Provinciale di Vibo Valentia, via Dante
    Alighieri n. 67 - Pal. Ex INAM - 89900 Vibo Valentia.
    Contatta l'ente: 
    Per eventuali informazioni gli aspiranti potranno rivolgersi alla
    S.C. Gestione e sviluppo risorse umane e formazione - ufficio
    concorsi e reclutamento personale - responsabile del procedimento
    dott. Davide Matalone - tel. 0963.962629.
    Prove d'esame: 
    Ai sensi dell’art. 43 del D.P.R. 220/2001 Le prove di esame saranno le seguenti:

    Prova scritta:
    - Consistente nella redazione di una relazione su argomento inerente al profilo professionale oggetto del concorso
    o anche nella soluzione di una serie di quesiti a risposta sintetica inerenti la materia stessa.
    Il superamento della prova scritta è subordinato al raggiungimento di una valutazione di sufficienza, espressa in
    termini numerici di almeno 21/30.

    Prova pratica:
    - Consistente nell’esecuzione di tecniche specifiche o nella predisposizione di atti connessi alla qualificazione
    professionale richiesta.

    Prova orale:
    - Consistente in un colloquio su argomenti inerenti al profilo professionale oggetto del concorso. La prova sarà
    volta, altresì, ad accertare la conoscenza di elementi di informatica nonché a verificare la conoscenza almeno a
    livello iniziale di una lingua straniera scelta tra le seguenti: Inglese – Francese. Tale scelta deve essere indicata
    nella domanda di partecipazione.

    Il superamento della prova pratica e della prova orale è subordinato al raggiungimento di una valutazione di
    sufficienza, espressa in termini numerici di almeno 14/20.

    I candidati ammessi a partecipare, saranno avvisati, dell’orario e del luogo della prova scritta non meno di quindici
    giorni prima dell’inizio della prova medesima. I candidati ammessi alle successive prove sarà data comunicazione, con l’indicazione del voto riportato nella prova
    scritta, almeno venti giorni prima dalla data fissata per l’espletamento della prova stessa.
    Si precisa che, a tutti gli effetti di legge, la convocazione a tutte le prove d’esame sarà effettuata solo
    mediante pubblicazione sul sito internet aziendale sezione “Concorsi”.

    In relazione al numero dei candidati la Commissione può stabilire l’effettuazione della prova orale nello stesso
    giorno di quello fissato per la prova pratica.
    Alle prove di esame i concorrenti dovranno presentarsi muniti dei documenti personali d’identità. I candidati che
    non si presenteranno a sostenere le prove di concorso nei giorni, nell’ora e nella sede stabilita, saranno dichiarati
    rinunciatari al concorso, qualunque sia la causa dell’assenza, anche se non dipendente dalla volontà dei singoli

    Il punteggio a disposizione della Commissione è quello previsto degli artt. 8 e 11 del D.P.R. n. 220/2001, e
    precisamente 100 punti così ripartiti:
    a) 30 punti per i titoli;
    b) 70 punti per le prove di esame.

    I punti per le prove di esame sono così ripartiti:
    a) 30 punti per la prova scritta;
    b) 20 punti per la prova pratica;
    c) 20 punti per la prova orale.

    I punti per la valutazione dei titoli sono così ripartiti fra le seguenti categorie:
    a) titoli di carriera punti 15
    b) titoli accademici e di studio punti 3
    c) pubblicazioni e titoli scientifici punti 3
    d) curriculum formativo e professionale punti 9

    Titoli di carriera:
    • i titoli di carriera sono valutabili se si tratta di servizio reso presso le unità sanitarie locali, le aziende ospedaliere,
    gli enti di cui agli artt. 21 e 22 del citato D.P.R. n. 220/2001 e presso altre pubbliche amministrazioni nel profilo
    professionale a concorso o in qualifiche corrispondenti. Il servizio reso nel corrispondente profilo della categoria
    inferiore o in qualifiche corrispondenti è valutato con un punteggio non superiore al 50% di quello reso nel profilo
    relativo al concorso.

    • I Titoli accademici e di studio, le pubblicazioni e titoli scientifici ed il curriculum formativo e professionale sono
    valutati con un punteggio attribuito dalla commissione con motivata valutazione, tenuto conto dell’attinenza dei titoli
    posseduti con il profilo professionale da conferire.