• Accedi • Iscriviti gratis
  • COMUNE DI PADOVA, 20 posti (proroga)

    Proroga dei termini di taluni concorsi pubblici per la copertura di venti posti di vari profili professionali, a tempo pieno ed indeterminato. (GU n.31 del 17-04-2020)

    100 Quiz in lingua inglese

    Il manuale propone al candidato 100 test a risposta multipla con commento volti  alla preparazione della sezione di lingua inglese dei concorsi pubblici.

    E-book in formato pdf oppure epub. Download immediato.

    € 4,49
    € 2,99
    Requisiti: 
    Istruttore perito in ambito informatico e istruttore perito in ambito elettrotecnico
    Per l’ambito “Informatico”:
    - Diploma di istruzione secondaria di secondo grado di durata quinquennale:
    • diploma di maturità tecnico industriale indirizzo “informatica”;
    • diploma di maturità tecnico commerciale indirizzo “programmatori”;
    • diploma di istituto tecnico economico indirizzo “sistemi informativi aziendali (S.I.A.)”;
    • diploma di istituto tecnico tecnologico indirizzo “informatico”;
    • altro diploma di maturità in informatica e telecomunicazioni (vecchio ordinamento);
    • oppure diploma rilasciato da un Istituto Tecnico Settore “economico” indirizzo “Amministrazione, finanza e marketing” o da Istituto Tecnico Settore “Tecnologico”, indirizzo “Informatica e telecomunicazioni” ex D.P.R. 88/2010 (nuovo ordinamento);
    • titolo equipollente rilasciato da un istituto statale o legalmente riconosciuto.
    - oppure titolo “assorbente”:
    • laurea triennale ex D.M. 270/2004, classi: L-8 Ingegneria dell’informazione, L-30 Scienze e tecnologie fisiche; L-31 Scienze e tecnologie informatiche; L-35 Scienze matematiche;
    o laurea triennale ex D.M. 509/99, classi: 9-Ingegneria dell’informazione; 25-Scienze e tecnologie fisiche; 26-Scienze e tecnologie informatiche; 32-Scienze matematiche;
    o Diploma Universitario (di durata triennale) ex L. 341/90, equiparato, ex D.I. 11/11/2011, ad una delle classi di laurea summenzionate;
    oppure
    • laurea Magistrale ex D.M. 270/2004, classi: LM-17 Fisica; LM-18 Informatica, LM-27 Ingegneria delle telecomunicazioni; LM29 Ingegneria elettronica; LM-32 Ingegneria informatica; LM-40 Matematica; LM/66 Sicurezza; LM-91 Tecniche e metodi per la società dell’Informazione; o laurea Specialistica ex D.M. 509/99, classi: 20/S Fisica; 23/S Informatica; 30/S Ingegneria delle Telecomunicazioni; 32/S Ingegneria elettronica; 35/S Ingegneria informatica; 45/S Matematica; 100/S Tecniche e metodi per la società dell’informazione;
    oppure
    • laurea “vecchio ordinamento” ante D.M. 509/99 in: Informatica; Fisica; Matematica; Ingegneria delle telecomunicazioni;
    Ingegneria elettronica; Scienze dell’informazione e titoli equiparati ad una delle classi di laurea del nuovo ordinamento.
    Per l’ambito “Elettrotecnico”
    - Diploma di istruzione secondaria di secondo grado di durata quinquennale:
    • di perito industriale, indirizzo elettrotecnico – elettronico (vecchio ordinamento); oppure rilasciato da un istituto tecnico settore “tecnologico” indirizzo “elettronica ed elettrotecnica” ex D.P.R. 88/2010 (nuovo ordinamento);
    • o titolo equipollente rilasciato da un istituto statale o legalmente riconosciuto.
    - oppure titolo “assorbente”:
    • laurea triennale ex D.M. 270/2004, classi: L-8 Ingegneria dell’informazione, L-9 ingegneria industriale; o laurea triennale ex D.M. 509/99, classi: 09- Ingegneria dell'informazione, 10- Ingegneria industriale; o Diploma Universitario (di durata triennale) ex L. 341/90, equiparato, ex D.I. 11/11/2011, ad una delle classi di laurea summenzionate;
    oppure
    • laurea magistrale ex D.M. 270/2004, classi: LM 25-ingegneria dell’automazione; LM-26 Ingegneria della sicurezza, LM-28 Ingegneria elettrica, LM-29 Ingegneria elettronica; o laurea Specialistica ex D.M. 509/99, classi: 31/S ingegneria elettrica, 32/S ingegneria elettronica, 29/S ingegneria dell’automazione;
    oppure
    • laurea “vecchio ordinamento” ante D.M. 509/99 in: Ingegneria elettrica; Ingegneria elettronica e titoli equiparati ad una delle classi di laurea del nuovo ordinamento.
    ---
    Istruttore perito agrotecnico
    - Diploma di istruzione secondaria di secondo grado di:
    • Perito Agrario, conseguito presso un istituto tecnico agrario statale, paritario o legalmente riconosciuto (vecchio ordinamento) o Diploma di istruzione secondaria di secondo grado rilasciato da un Istituto tecnico afferente al settore “tecnologico” indirizzo
    “Agraria, agroalimentare e agroindustria” di cui al D.P.R. 15.03.2010 n. 88 (nuovo ordinamento);
    • Perito Agrotecnico conseguito presso un istituto tecnico agrario statale, paritario o legalmente riconosciuto (vecchio ordinamento) o Diploma di istruzione secondaria di secondo grado rilasciato da un Istituto tecnico afferente al settore “servizi” indirizzo “Servizi per l’agricoltura e lo sviluppo rurale” di cui al D.P.R. 15.03.2010 n. 87 (nuovo ordinamento);
    oppure titolo “assorbente”:
    • laurea “triennale” ex D.M. 270/2004, classe: L-25 Scienze e tecnologie agrarie e forestali; o laurea “triennale” ex D.M. 509/99, equiparata ai sensi del D.I. 09.07.2009, classe: 20- Scienze e tecnologie agrarie, agroalimentari e forestali; o Diploma Universitario (di durata triennale) ex L. 341/90, equiparato, ex D.I. 11/11/2011, ad una delle classi di laurea summenzionate;
    oppure
    • laurea magistrale ex D.M. 270/2004, classe: LM- 69 Scienze e tecnologie agrarie; LM-73 Scienze e tecnologie forestali ed ambientali; o laurea Specialistica ex D.M. 509/99, classe: 74/S Scienze e gestione delle risorse rurali e forestali; 77/S Scienze e tecnologie agrarie;
    oppure
    • laurea conseguita secondo il “vecchio ordinamento” universitario, ante DM 509/99, in: Scienze agrarie; Scienze agrarie tropicali e subtropicali; Scienze forestali, scienze forestali e ambientali o titolo equiparato ad una delle classi di laurea del nuovo ordinamento.
    ---
    Istruttore geometra
    - Diploma di istruzione secondaria di secondo grado:
    • di Geometra, conseguito presso un Istituto tecnico per Geometri (vecchio ordinamento);
    • afferente al settore “tecnologico” indirizzo “Costruzioni, Ambiente e territorio”, rilasciato dagli Istituti tecnici di cui al
    D.P.R. 15/03/2010 n. 88, (nuovo ordinamento);
    • equipollente ai diplomi di cui sopra, rilasciato da un istituto statale o legalmente riconosciuto.
    - oppure titolo “assorbente” tra quelli di seguito elencati:
    • laurea “triennale” ex D.M. 270/2004, classi: L-7 Ingegneria civile e ambientale; L-17 Scienze dell’architettura; L-21 Scienze della pianificazione territoriale, urbanistica, paesaggistica e ambientale; L-23 Scienze e tecniche dell’edilizia o Diploma universitario di durata triennale, ex L. 341/90, equiparato ex D.I. 11/11/2011, in: Edilizia; Ingegneria Edile;
    Ingegneria delle Infrastrutture; Ingegneria delle strutture; Ingegneria dell’ambiente e delle risorse; Realizzazione, riqualificazione e gestione degli spazi verdi; Sistemi informativi territoriali;
    o laurea “triennale” ex D.M. 509/99 Classe: 04 - Scienze dell’architettura e della ingegneria edile; 07 - Urbanistica e scienze della pianificazione territoriale e ambientale; 08 - Ingegneria civile e ambientale;
    oppure
    • laurea magistrale ex D.M. 270/2004, classi: LM-3 Architettura del paesaggio; LM-4 Architettura e ingegneria civile architettura; LM-23 Ingegneria civile; LM-24 Ingegneria dei sistemi edilizi; LM-26 Ingegneria della sicurezza; LM-35 Ingegneria per l’ambiente e il territorio; LM-48 pianificazione territoriale urbanistica e ambientale;
    o laurea specialistica ex D.M. 509/1999 classi: 3/S Architettura del paesaggio; 4/S architettura e ingegneria civile; 28/S ingegneria civile; 38/S ingegneria per l’ambiente e il territorio; 54/S pianificazione territoriale urbanistica e ambientale;
    oppure
    • laurea “Vecchio ordinamento” ante D.M. 509/99 in: architettura, ingegneria civile, ingegneria edile, ingegneria edilearchitettura, ingegneria per l’ambiente e il territorio, pianificazione territoriale urbanistica e ambientale, urbanistica.
    ---
    Istruttore direttivo contabile
    • laurea triennale ex D.M. 270/04 nelle seguenti classi: L-14 Scienze dei servizi giuridici,L-16 Scienze dell’amministrazione e dell’organizzazione, L-18 Scienze dell’economia e della gestione aziendale, L-31 Scienze dei servizi giuridici L-33 Scienze economiche, L-36 Scienze Politiche e delle relazioni internazionali, L-37 Scienze sociali per la cooperazione, lo sviluppo e la pace o Laurea triennale ex D.M. 509/99 nelle seguenti classi: 2 Scienze dei servizi giuridici, 15 Scienze politiche e delle relazioni internazionali, 17 Scienze dell'economia e della gestione aziendale, 19 Scienze dell'amministrazione, 28 Scienze economiche, 35 Scienze sociali per la cooperazione, lo sviluppo e la pace; o Diploma universitario (di durata triennale) ex L. 341/90, equiparato, ex D.I. 11/11/2011, ad una delle classi di laurea summenzionate;
    • laurea magistrale ex DM 270/04 nelle seguenti classi: LM-56 Scienze dell'economia, LM-52 Relazioni internazionali LM-62 Scienze della politica, LM-63 Scienze delle Pubbliche Amministrazioni, LM-77 Scienze economico-aziendali, LM-81 Scienze per la cooperazione e lo sviluppo, LM-90 Studi europei LMG/01 Giurisprudenza o laurea specialistica ex D.M. 509/99 nelle seguenti classi: 22/S Giurisprudenza, 60/S Relazioni internazionali, 64/S Scienze dell’economia, 70/S Scienze della politica, 84/S Scienze economico-aziendali, 88/S Scienze per la cooperazione allo sviluppo, 99/S Studi europei, 102/S Teoria e tecniche della normazione e dell’informazione giuridica;
    • laurea conseguita secondo il vecchio ordinamento universitario ante D.M. 509/99 in Giurisprudenza, Economia e commercio, Scienze politiche, Scienze dell’Amministrazione e titoli equiparati ad una delle classi di laurea del nuovo ordinamento.
    ---
    Istruttore direttivo tecnico
    • laurea triennale ex D.M. 270/2004 nelle seguenti classi: L-7 Ingegneria civile ed ambientale; L-17 Scienze dell’architettura; L-23 Scienze e tecniche dell’edilizia o Laurea ex D.M. 509/99 nelle seguenti classi:, 4-Scienze dell’architettura e dell’ingegneria edile, 8-Ingegneria civile e ambientale; o Diploma universitario (di durata triennale) ex L. 341/90, equiparato, ex D.I. 11/11/2011, ad una delle classi di laurea summenzionate
    • laurea Magistrale ex D.M. 270/2004 nelle seguenti classi: LM-3 Architettura del paesaggio, LM-4 Architettura e ingegneria edile-architettura, LM-23 Ingegneria civile, LM-24 Ingegneria dei sistemi edilizi, LM-26 Ingegneria della sicurezza, LM-35 Ingegneria per l’ambiente e il territorio, LM-48 Pianificazione territoriale urbanistica e ambientale o laurea specialistica ex D.M. 509/1999 nelle seguenti classi: 3/S Architettura del paesaggio, 4/S Architettura e ingegneria edile,, 28/S Ingegneria civile, 38/S Ingegneria per l’ambiente e il territorio, 54/S Pianificazione territoriale urbanistica e ambientale;
    • laurea conseguita secondo il vecchio ordinamento universitario ante D.M. 509/99 in Architettura, Ingegneria EdileArchitettura, Ingegneria civile, Ingegneria Edile, Ingegneria per l’Ambiente e il territorio e titoli equiparati ad una delle classi del nuovo ordinamento.
    ---
    Assistente sociale
    • laurea triennale ex D.M. 270/04 nella classe L-39 Servizio Sociale o Laurea triennale ex D.M. 509/99 nella Classe 6 Scienze del Servizio Sociale o Diploma di Assistente Sociale ai sensi del D.P.R. 14/87 e successive modifiche ed integrazioni
    • Diploma Universitario (di durata triennale) in Servizio Sociale ex L. 341/90;
    • laurea Magistrale ex D.M. 270/04 nella classe LM-87 Servizio Sociale e Politiche Sociali con percorso di studi che permetta di svolgere le funzioni degli iscritti nella sezione B dell’Albo professionale (art. 21, comma 2, D.P.R. 328/01) o laurea Specialistica ex D.M. 509/99 nella classe 57/S Programmazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali;
    • abilitazione mediante esame di stato ai sensi del D.M. 155/98;
    • iscrizione all’Albo professionale istituito ai sensi della L. 84/93 e D.M. 155/98 e successive modifiche ed integrazioni previste dal D.P.R. 328/01.
    Dove va spedita la domanda: 
    Online http://www.padovanet.it/
    Contatta l'ente: 
    Per qualsiasi informazione è preferibile, in via prioritaria, la richiesta con posta elettronica all'indirizzo e-mail concorsi@comune.padova.it. L'Ufficio è comunque contattabile telefonicamente, da lunedì a venerdì, dalle 10.00 alle 12.00 e il giovedì pomeriggio dalle 15.00 alle 17.00, al numero telefonico 049 8205483.
    www.padovanet.it