• Accedi • Iscriviti gratis
  • professore universitario presso LIBERA UNIVERSITA' DI BOLZANO FREIE UNIVERSITAT BOZEN

    Avviso di indizione di una procedura per la copertura di un posto di professore di seconda fascia. Decreto del Rettore del 1° aprile 2019, n. 188/2019. Hinweis auf die Ausschreibung eines Auswahlverfahrens für die Besetzung einer Stelle als Professor zweiter Ebene. Dekret des Rektors 188/2019 vom 1. April 2019.

    Redazione atti amministrativi negli Enti locali

    Guida ragionata per la redazione degli atti tipici degli Enti Locali in sede concorsuale. Con tanti esempi pratici.

    € 9,90
    Posti disponibili: 
    1
    Scadenza: 
    23/05/2019
    Attenzione, concorso scaduto!
    Tipo: 
    avviso
    Cittadinanza: 
    Italiana
    Contratto: 
    tempo indeterminato
    Titolo di studio: 
    Requisiti: 
    1)
    Sono ammessi a partecipare alla selezione: a) i candidati che abbiano conseguito l'abilitazione scientifica nazionale ai sensi dell'art. 16 della
    Legge 240/2010, per il settore concorsuale ovvero per uno dei settori concorsuali ricompresi nel medesimo macro-settore e per la fascia oggetto del procedimento ovvero per la fascia superiore,
    purché non siano già titolari delle funzioni di pertinenza della fascia superiore; b) i candidati che abbiano conseguito l'idoneità ai sensi della Legge 210/1998 per la fascia
    corrispondente a quella per la quale è bandita la presente procedura selettiva, limitatamente al
    periodo di durata dell'idoneità della stessa; c) i professori già in servizio presso altri atenei italiani nella fascia corrispondente a quella per la
    quale è bandita la presente procedura selettiva; d) gli studiosi stabilmente impegnati all'estero in attività di ricerca o insegnamento a livello
    universitario in posizione di livello pari a quella oggetto del presente bando, sulla base delle tabelle di corrispondenza definite dal Ministero tramite il DM del 1 settembre 2016;
    2)
    I requisiti di ammissione devono essere posseduti alla data di scadenza del termine utile per la presentazione delle domande d'ammissione alla selezione.
    Non possono partecipare alla procedura selettiva aperta:
    a) coloro che abbiano relazione di coniugio o un grado di parentela o d'affinità fino al quarto grado
    compreso con un professore appartenente alla Facoltà che richiede l'attivazione della procedura,
    ovvero con il Rettore, il Direttore o un componente il Consiglio dell'Università; b) coloro che siano esclusi dal godimento dei diritti civili e politici; c) coloro che non possiedano l'idoneità fisica all'impiego;
    coloro che siano stati destituiti dall'impiego presso una Pubblica amministrazione, coloro che siano stati dispensati dall'impiego presso una Pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento o che siano stati dichiarati decaduti da altro impiego pubblico ai sensi dell'art. 127, comma 1, lettera d) del T.U. approvato con D.P.R. del 10 gennaio 1957, n. 3, per avere conseguito l'impiego mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile, owero coloro nei cui confronti il rapporto di lavoro presso una Pubblica amministrazione sia stato risolto per motivi disciplinari, compresi quelli di cui all'art. 21 del decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29.
    L'Università si riserva il diritto di ammettere o meno, previa valutazione discrezionale effettuata da un'apposita Commissione, coloro che abbiano subito condanna penale per i delitti di cui all'art. 85, comma 1, lettera a) del T.U. approvato don D.P.R. del 10 gennaio 1957, n. 3.
    Dove va spedita la domanda: 
    La domanda, debitamente firmata e datata sull'ultima pagina, deve essere indirizzata a: Libera Università di Bolzano Ufficio Personale accademico (Concorso) Piazza Università, 1 - C. P. 276 39100 Bolzano La domanda di partecipazione alla procedura selettiva aperta può essere consegnata a mano (orario di apertura: dal lunedì al venerdì dalle ore 08:30 alle ore 12:30; lunedì, martedì e giovedì dalle ore 14:00 alle ore 17:00) o spedita a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento ovvero con qualsiasi altro mezzo idoneo a certificarne la ricezione (personnel_academic@pec.unibz.it
    Contatta l'ente: 
    Per ulteriori informazioni gli interessati potranno prendere
    visione del bando disponibile sul sito web della Libera universita'
    di Bolzano https://www.unibz.it/it/home/position-calls/
    oppure potranno rivolgersi all'Ufficio personale accademico (tel.
    +39 0471 011310; fax +39 0471 011309).
    Il responsabile del procedimento e' la dott. Paola Paolini.
    Tel. +39 0471 011310 - Fax +39 0471 011309
    E-mail: personnel_academic@unibz.it
    Prove d'esame: 
    1)
    La Commissione giudicatrice nella prima seduta, che può svolgersi anche in forma telematica, predetermina i criteri di massima per la valutazione delle pubblicazioni scientifiche, del curriculum vitae, dell'attività didattica, della prova didattica e delle competenze linguistiche relative alle lingue indicate all'art. 1 del bando di selezione. I criteri sono consegnati al Responsabile del procedimento, il quale ne assicura la pubblicità, per almeno sette giorni, sul sito dell'Università e presso la sede della facoltà che ha richiesto il bando. Trascorsi i sette giorni la Commissione può procedere nei suoi lavori.
    La Commissione giudicatrice esprime un motivato giudizio sulle pubblicazioni, sul curriculum vitae e sull'attività didattica prestata. La seduta può svolgersi anche in forma telematica.
    www
    Successivamente, i candidati sostengono una prova didattica. La prova didattica è volta ad accertare l'approccio didattico del candidato nonché le conoscenze linguistiche. La data, il luogo e l'orario di svolgimento della prova didattica sono resi noti agli interessati almeno 20 giorni prima della prova medesima. A tale fine, il candidato dovrà essere munito, con esclusione di altri, di uno dei seguenti documenti di riconoscimento in corso di validità: la carta d'identità, il passaporto o la patente automobilistica. Al termine della prova didattica, la Commissione giudicatrice esprime il relativo giudizio. Sulla base dei giudizi espressi sulle pubblicazioni scientifiche, sul curriculum vitae e sull'attività didattica prestata nonché sulla base dei giudizi formulati sulla valutazione della prova didattica e della conoscenza delle lingue richieste, con deliberazione assunta a maggioranza dei componenti, la Commissione giudicatrice individua una lista prioritaria di candidati comparativamente migliori.