• Accedi • Iscriviti gratis
  • professore universitario presso UNIVERSITA' DI FERRARA

    Procedura di selezione per la chiamata di un professore di seconda fascia, settore concorsuale 03/C2 - Chimica industriale, per il Dipartimento scienze chimiche e farmaceutiche.

    Posti disponibili: 
    1
    Scadenza: 
    14/02/2019
    Attenzione, concorso scaduto!
    Tipo: 
    Cittadinanza: 
    Contratto: 
    Titolo di studio: 
    Requisiti: 
    Sono ammessi a partecipare alla selezione i candidati italiani e stranieri che sono in possesso del dottorato di ricerca o titolo equivalente conseguito in Italia o all’estero.
    I requisiti per ottenere l’ammissione devono essere posseduti alla data di scadenza del termine utile alla presentazione delle domande.
    Dove va spedita la domanda: 
    rettore dell'Universita' degli studi di Ferrara - via Ariosto, 35 - 44121 Ferrara
    Contatta l'ente: 
    Responsabile del procedimento: dott.ssa Daniela Toselli, ufficio selezione personale, tel. 0532293344, e-mail: concorsi@unife.it
    Prove d'esame: 
    Con decreto del Rettore viene nominata una Commissione di valutazione composta da tre componenti:
    - un professore ordinario o associato afferente alla Classe proponente e scelto dal Consiglio della stessa;
    Pagina 8 di 12
    - due commissari sorteggiati in una rosa di almeno tre candidati proposti dal Consiglio della Classe proponente, tra i professori ordinari e associati degli atenei italiani e non afferenti alla Scuola appartenenti al settore concorsuale oggetto della selezione, ovvero tra i docenti di atenei stranieri e studiosi operanti presso istituzioni di ricerca di riconosciuto prestigio internazionale attivi alla data di nomina della Commissione nell’ambito scientifico disciplinare corrispondete al settore concorsuale per il quale il posto è bandito.
    Nella formazione della rosa tra cui sorteggiare e nella composizione della Commissione, ci si attiene di norma a quanto previsto in materia di rappresentanza di genere dalla Raccomandazione della commissione della Comunità Europea dell’11/03/2005 n. 251.