Ministero dell’Istruzione, concorso per 9.641 docenti della scuola dell’infanzia e primaria

concorsi docenti ministero istruzione

Il Ministero dell’Istruzione ha emanato un bando di concorso, per titoli ed esami, per l’assunzione di 9.641 docenti per la scuola dell’infanzia e primaria, su posto comune e di sostegno. Il concorso è bandito dal Decreto ministeriale 26 ottobre 2023, n. 206. Il Concorso scade il 9 Gennaio 2024.  
 


Quali sono i requisiti di accesso al concorso?

Possono partecipare alle procedure previste dal presente decreto per i posti comuni di docente di scuola dell'infanzia e di scuola primaria i candidati che, entro la data di scadenza per la presentazione della domanda, sono in possesso di uno dei seguenti titoli:  
 

  • Titolo di abilitazione all'insegnamento ottenuto presso i corsi di laurea in scienze della formazione primaria o titolo analogo conseguito all'estero e riconosciuto in Italia secondo la normativa vigente.
  • Diploma magistrale con valore di abilitazione o diploma sperimentale a indirizzo linguistico ottenuto presso gli istituti magistrali o titolo di abilitazione analogo conseguito all'estero e riconosciuto in Italia secondo la normativa vigente. Questi titoli devono essere stati conseguiti entro l'anno scolastico 2001/2002, in particolare:
  • Per i posti comuni della scuola primaria, il candidato deve possedere il titolo di studio ottenuto entro l'anno scolastico 2001-2002, al termine dei corsi quadriennali e quinquennali sperimentali dell'istituto magistrale, iniziati entro l'anno scolastico 1997-1998, ivi inclusi i titoli di diploma di sperimentazione ad indirizzo linguistico di cui alla Circolare Ministeriale del 11 febbraio 1991, n. 27.
  • Per i posti comuni della scuola dell'infanzia, il candidato deve possedere il titolo di studio ottenuto entro l'anno scolastico 2001-2002, al termine dei corsi triennali e quinquennali sperimentali della scuola magistrale, o dei corsi quadriennali o quinquennali sperimentali dell'istituto magistrale, iniziati entro l'anno scolastico 1997-1998, ivi inclusi i titoli di diploma di sperimentazione ad indirizzo linguistico di cui alla Circolare Ministeriale.
  • Altri concorsi presso Ministero dell'Istruzione. Concorsi per docenti.


Requisiti di ammissione per i posti di sostegno

I candidati idonei ai posti di sostegno per la scuola dell'infanzia o primaria devono possedere, entro la scadenza per la presentazione delle domande, uno dei titoli specificati nel comma 1. Devono, inoltre, essere in possesso del titolo di specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità, conforme alla normativa vigente. Questo titolo può essere anche un equivalente riconosciuto ottenuto all'estero.


Sono ammessi con riserva:  
- Coloro che hanno conseguito i titoli richiesti all'estero possono partecipare al concorso con riserva, in attesa dell'esito dell'istruttoria sul riconoscimento dei titoli. Ricorda che è necessario aver presentato la domanda di riconoscimento dei titoli secondo la normativa vigente entro la scadenza per la presentazione delle istanze di partecipazione al concorso. 

I candidati partecipano al concorso con la condizione di sottoporsi all'accertamento del possesso dei requisiti di ammissione. In caso di mancanza dei requisiti, l'USR responsabile della procedura può escludere i candidati in qualsiasi fase del concorso, emettendo un provvedimento motivato.

 

Quali sono le modalità per inviare la domanda?

Il candidato interessato a questo concorso potrà presentare la domanda esclusivamente online, attraverso l’applicazione “Piattaforma Concorsi e Procedure selettive”, collegandosi all’indirizzo https://miur.gov.it/, attraverso il percorso “Argomenti e Servizi > Servizi > lettera P > Piattaforma Concorsi e Procedure selettive, vai al servizio.


In cosa consistono le prove d’esame

Prova scritta: 
- La prova scritta ha una durata di 100 minuti, con possibilità di tempi aggiuntivi e ausili specifici. Comprende cinquanta quesiti suddivisi come segue: 
     a. Quaranta quesiti a risposta multipla su pedagogia, psicopedagogia, e didattica, di cui: 
        - Dieci sull'ambito pedagogico. 
        - Quindici sull'ambito psicopedagogico, inclusa l'inclusione. 
        - Quindici sull'ambito metodologico-didattico, con focus sulla valutazione. 
     b. Cinque quesiti a risposta multipla sulla conoscenza della lingua inglese (livello B2)
     c. Cinque quesiti a risposta multipla sulle competenze digitali per l'uso didattico delle tecnologie.


Ciascun candidato riceve i 50 quesiti in modalità casuale e non è prevista la pubblicazione anticipata dei quesiti. L'amministrazione può, in base al numero di partecipanti, decidere di non svolgere le prove contemporaneamente per garantire trasparenza e omogeneità.


Come prepararsi al concorso 
Simula la tua prova concorso e valuta il tuo grado di preparazione. I nostri quiz d’esame sono gratuiti e provienienti da fonti ufficiali:

 

Prova Orale: 
Serve ad accertare le conoscenze specifiche del candidato in relazione al posto richiesto e a valutare le competenze didattiche generali, inclusa la capacità di progettazione didattica efficace con uso delle tecnologie. 

La prova orale per i posti di sostegno si basa sul programma specifico di sostegno e valuta la competenza nelle attività di supporto agli alunni con disabilità. Sono incluse la progettazione didattica per l'inclusione e l'uso efficace delle tecnologie. La prova orale dura massimo 30 minuti, compresa la lezione simulata, che non può superare la metà del tempo totale della prova orale. 

Quesiti e tracce

Le domande e le tracce sono preparate dalla commissione giudicatrice, seguendo i programmi ministeriali. I quesiti sono sorteggiati tra il triplo dei candidati da esaminare. La traccia per la lezione simulata viene estratta 24 ore prima della prova o comunicata via e-mail se il candidato è assente all'estrazione programmata. 

La prova orale valuta anche la comprensione e la conversazione in lingua inglese almeno al livello B2. 
La struttura e le modalità delle prove scritte e orali sono organizzate per garantire equità e trasparenza tra tutti i partecipanti.

Manuali di preparazione

 

Commenti