Equipollenze tra titoli accademici italiani per la partecipazione ai concorsi

Equipollenze tra titoli accademici italiani

Due titoli di studio sono considerati equipollenti quando le autorità competenti riconoscono loro lo stesso valore legale e quindi gli stessi diritti e opportunità.  Ciò significa che, nonostante provengano da diverse istituzioni educative o diversi ordinamenti nazionali, entrambi i titoli attestano la stessa competenza e consentono l'accesso a percorsi di studio avanzati, concorsi pubblici, ordini professionali e altro ancora.

È importante notare che l'equipollenza può essere unidirezionale, il che significa che se un titolo A è equipollente a un titolo B, non necessariamente il titolo B sarà considerato equipollente al titolo A. Puoi trovare tutte le informazioni utili sull’equipollenza dei titoli di studio nel nostro Paese, nel sito ufficiale del MIUR.


Come funziona l’equipollenza di titoli conseguiti secondo il vecchio ordinamento e il nuovo?

Valutare l’equipollenza tra titoli di studio accademici conseguiti secondo il vecchio e secondo il nuovo ordinamento è indispensabile per un laureato che intenda presentare domanda per un concorso pubblico. Questo serve a stabilire la propria ideoneità al concorso pubblico al quale si vuole partecipare.

La tabella che trovi qui, nel sito del MIUR, riporta nella prima colonna il titolo accademico che è dichiarato equipollente, nella seconda il titolo accademico richiesto dal bando di concorso, nella terza i riferimenti normativi. I dati riportati in questa tabella sono fondamentali per stabilire se il tuo titolo di studio è equipollente a quello richiesto dal bando di concorso e se potrai parteciparvi.

Le equipollenze citate in tabella sono “esclusive”, ovvero riguardano solo quelle riportate esplicitamente e non possono in alcun modo essere estese ad altre lauree.


Come puoi scoprire se il tuo titolo di studio è equipollente a quello richiesto dal bando di concorso?

Per scoprire se il tuo titolo di studio è equipollente a quello richiesto da un bando di concorso pubblico, è proprio a quest’ultimo che devi fare riferimento.

Nel bando l’amministrazione responsabile fornisce informazioni dettagliate sui requisiti di ammissione, inclusi i titoli di studio richiesti e quelli equipollenti, che vengono sembre descritti. Consulta il bando di concorso con attenzioone per verificare se il tuo titolo di studio è considerato equipollente a quello richiesto per partecipare.


Come puoi richiedere l’equivalenza di un titolo di studio conseguito all’estero?

Il Ministero per la Pubblica Amministrazione mette a disposizione dei partecipanti i moduli per richiedere l’equivalenza del titolo di studio conseguito all’estero. 
Trovi tutte le informazioni e i moduli specifici in questo sito web.

Anche se in Italia i titoli stranieri non hanno valore legale di per sé, questo non impedisce all’amministrazione titolare di considerare un determinato titolo di studio straniero come se fosse simile ad uno italiano.  Questa equivalenza, però, non conferisce automaticamente un valore legale al titolo straniero in Italia. In altre parole il titolo di studio straniero sarà considerato simile a quello italiano solo per quello scopo specifico e non in tutti gli altri casi.

 

equipllenza titolo di studio

Commenti